Advertisement
Musica Jazz Radio

Ogni anno dal 1982 Musica Jazz indice un referendum tra i migliori esperti di jazz italiani per stabilire il meglio del meglio dell’anno. 11 le categorie attuali: disco dell’anno, musicista dell’anno, gruppo dell’anno, nuovo talento, sia per il jazz italiano sia per il jazz internazionale oltre alla ristampa dell’anno e all’inedito storico. Infine il premio alla carriera assegnato dalla redazione.

I vincitori del Top Jazz 2016 sono disponibili

TOP JAZZ – I VINCITORI DEL REFERENDUM DI MUSICA JAZZ

Dopo il ripristino delle classiche nove categorie che premiano dischi, musicisti, gruppi e nuovi talenti del jazz italiano e internazionale più la miglior ristampa, il referendum della critica indetto da Musica Jazz si ripresenta al consueto appuntamento di fine anno ma, questa volta, con un premio in più.

La nuova edizione del Top Jazz inaugura così il settantunesimo anno di vita di Musica Jazz, il più autorevole mensile di jazz del nostro Paese, una delle riviste più longeve d’Italia che dal 1945 è fedele compagna degli appassionati di jazz e la più antica al mondo a essere ancora presente in edicola dopo Down Beat.

Jazz italiano 2016

(premio Arrigo Polillo)
«Ida Lupino» (ECM)
Guidi/Petrella/Sclavis/Cleaver

Secondo classificato
«Trio Music vol.II» (Parco della Musica)
Franco D’Andrea Piano Trio

Terzo classificato
«Music for Lonely Souls (Beloved by Nature)» (Almar Records)
Lydian Sound Orchestra

(premio Pino Candini)
Franco D’Andrea

Secondo classificato
Tino Tracanna

Terzo classificato
Luca Aquino

                                Primo classificato                                                    Lydian Sound Orchestra

                           Secondo classificato                          Francesco Bearzatti Tinissima Quartet

                            Terzo classificato                                 Tino Tracanna & Acrobats

(premio Gian Mario Maletto)
Filippo Vignato

Secondo classificato
Gabriele Mitelli

Terzo classificato
Zoe Pia

Jazz internazionale 2016

(premio Arrigo Polillo)
«Old Locks and Irregular Verbs» (Pi Recordings)
Henry Threadgill Ensemble Double Up

Secondo classificato
«In Movement» (ECM)
Jack  DeJohnette

Terzo classificato
«Into The Silence» (ECM)
Avishai Cohen

(premio Pino Candini)
Henry Threadgill

Secondo classificato
Vijay Iyer

Terzo classificato
Wadada Leo Smith

                                  Primo classificato                                                            The Bad Plus

                               Secondo classificato                                    Henry Threadgill Ensemble Double Up

                                   Terzo classificato
                                     Fire! Orchestra

(premio Gian Mario Maletto)
Mette Henriette
Jonathan Finlayson

Secondo classificato
Mette Rasmussen

Terzo classificato
James Brandon Lewis

    Albert Ayler Quartet
   «European Radio Studio Recordings 1964»
(Hatology)

   John Coltrane
        «A Love Supreme: The Complete Masters»
(Impulse!)

Peter Erskine Trio
«At It Was»
(ECM)

Bill Evans
«Some Other Time: The lost Session from the Black Forest»
(Resonance Records)

Miles Davis Quintet
         «Freedom Jazz Dance: The Bootleg Series Vol.5»
(Columbia Legacy)

Charlie Parker
«Unheard Bird: The Unissued Takes»
(Verve)

Jazz italiano 2015

(premio Arrigo Polillo)
«Notes are but wind» (Stradivarius)
Dino Betti Van Der Noot

(premio Pino Candini)
Franco D’Andrea

Enrico Rava New Quartet

(premio Gian Mario Maletto)
Matteo Bortone

Jazz internazionale 2015

(premio Arrigo Polillo)
«Synovial Joints» (Pi Recordings)
Steve Coleman And The Council Of Balance

(premio Pino Candini)
Henry Threadgill

Tim Berne’s Snakeoil

(premio Gian Mario Maletto)
Kamasi Washington

Gianni Coscia

Jimmy Giuffre & Jim Hall
«Complete Studio Recordings»
(Phono)

 

Bill Evans
«Some Other Time: The Lost Session from the Black Forest»
(Resonance Records)