Zoe Pia «Shardana»

401
AUTORE

Zoe Pia

TITOLO DEL DISCO

«Shardana»

ETICHETTA

Caligola Records


Il debutto della giovane clarinettista di Mogoro è una orgogliosa celebrazione delle proprie radici culturali, condotta attraverso l’evocazione simbolica degli Shardana, misterioso popolo isolano vocato alla guerra e alla navigazione perenne. E in effetti tale navigazione, tramutata in simbolica aspirazione ideale, impronta di sé l’intero album, che riferisce di un’attitudine naturalmente meticcia, tipica delle culture e dei luoghi assunti come fonti di ispirazione, svolgendosi attraverso lo scorrimento di una serie di quadri narrativi, che riflettono tipiche situazioni sarde (l’apertura – dedicata proprio al «popolo delle isole che stanno in mezzo» -; s’accabbadora – cioè «colei che finisce», fungendo da levatrice della morte -; le tradizioni, i luoghi e i personaggi – reali o mitici -; i riti – nuragici o di saldatura tra la civiltà aborigena e quelle successive -; le ricorrenti suggestioni mediterranee).

Il procedimento in sé è tutt’altro che nuovo, essendo anzi di cospicua frequentazione, né nuova è la tecnica della soundscape composition (cara alla leader) che consente di arricchire la musica di cornici sonore reali, che contribuiscono all’ambientazione delle situazioni descritte e alla loro tornitura finale. Ma le evidenti capacità della Pia e il piglio del quartetto (oltre all’autrice – anche alle launeddas -: Roberto De Nittis al pianoforte e alle tastiere, Glauco Benedetti alla tuba e Sebastian Mannutza alla batteria) e soprattutto l’evidente e appassionata cura con la quale il progetto è stato ideato e realizzato, consentono una riuscita della musica fluida e potente, capace di superare indenne l’attrazione del rischiosissimo gorgo del folk immaginario o di maniera (in tal senso depongono il mancato abuso di brani tradizionali e anche l’uso delle launeddas, che non si fa mai semplice colore). Merito non secondario è anche degli interessanti (e niente affatto scontati) impasti timbrici del quartetto (nel quale De Nittis è artefice di una prova notevole) capaci di donare potenza e freschezza all’insieme.

Insomma: un bel biglietto da visita, che lascia ben sperare per il futuro.

Sandro Cerini


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Zoe Pia (cl., launeddas, soundscape rec.) Roberto De Nittis (p., p.el., toy p., Kalimba di Costarica) Glauco Benedetti (tuba), Sebastian Mannutza ( vl., bt.).

DATA REGISTRAZIONE

2016