Advertisement

Recensioni live. Recensioni dei concerti più significativi.

Alessandro Sgobbio torna a Parma per incantare

0
Alessandro Sgobbio ritorna nei luoghi della sua formazione musicale. Tensione, mistero, ansia di riemergere da una pioggia di note, fitti rimandi al tema principale lasciano attoniti dalla prima nota all’ultima.

Open Music Festival, movimenti sismici

0
Open Music ha ribadito ancora una volta la sua natura di manifestazione aderente allo spirito della contemporaneità, sempre pronta a porre problemi ed elementi di riflessione.

Redman-Mehldau-McBride-Blade al Bologna Jazz Festival

0
Redman, Mehldau, McBride e Blade sono musicisti ormai divenuti maestri dei rispettivi strumenti, nonché depositari e fautori di un dinamico rapporto tra tradizione e modernità del linguaggio jazzistico.

Jazz & Wine of Peace (seconda parte)

0
Come negli ultimi anni Jazz & Wine of Peace ha proposto anche eventi collaterali nella rassegna Jazz & Taste, curata dal chitarrista Eduardo Contizanetti, che prevedeva brevi concerti accompagnati da degustazioni di vini e prodotti locali in alcune prestigiose cantine della zona. Un modo efficace per conciliare il diletto con il piacere e per favorire l’incontro tra persone di diverse nazionalità. Raggiunto il traguardo del quarto di secolo di vita, Jazz & Wine of Peace si colloca ormai tra i festival internazionali di maggior richiamo a livello europeo.

Jazz & Wine of Peace (prima parte)

0
Puntare sulla qualità è sempre stata la prerogativa di Controtempo e anche quest’anno le scelte sono state premiate da un’ampia partecipazione di pubblico, composto per un buon 50% da austriaci, che ha seguito con grande coinvolgimento e genuina passione i numerosi eventi in cartellone, come sempre distribuiti su tutto il territorio del Collio, con un paio di proverbiali sconfinamenti in Slovenia.

Westbrook sbanca a Lugo con Rossini Re-Loaded

0
Gli arrangiamenti di antiche composizioni sono un banco di prova difficile. Mike Westbrook supera molto brillantemente la prova dando un vestito moderno a materiale con quasi due secoli di storia. I dischi del 1986 e questo concerto di Lugo ne sono la prova. Il pianista era emozionato dal suonare nel teatro dedicato a Rossini e dove il medesimo calcò il palcoscenico 1806. Westbrook ha tratto il repertorio da Guglielmo Tell, La Gazza Ladra, Il barbiere di Siviglia e Cenerentola. Poderosa e trascinante la UN-COMMON ORCHESTRA di Westbrook, nella quale spicca la moglie Kate.

I poeti del piano solo: narrazioni diverse

0
Non si può negare che Hamasyan - al pari della collega Giannouli - possieda una poetica personale, forte e definita, basata su elementi distintivi della propria identità. A ulteriore dimostrazione di come il jazz – musica sincretica per eccellenza – sia ormai diventato un linguaggio universale.

Roberto Ottaviano Eternal Love al Firenze Jazz Festival

0
Ottaviano e compagni hanno optato per un criterio che si potrebbe definire «rovesciato». Infatti, per la loro indagine alcune pagine di Mingus hanno costituito la base su cui costruire altri percorsi e dalle quali estrarre elementi utili per aprire nuove prospettive di sviluppo. In altre parole, un metodo efficace per svelare e illustrare le amplissime risorse insite nella musica del Mingus compositore, come se la sua scrittura fosse (ma in realtà lo è poi davvero!) una sorta di vaso di Pandora.

Tanti nuovi talenti al Conad Jazz Contest 2022

0
Sono i Five Angry Men i vincitori dell’edizione 2022 del contest internazionale che si tiene ogni anno nell’ambito di Umbria Jazz.

Umbria Jazz 22: l’onda lunga del jazz

0
Duecentosessanta concerti in dieci giorni. Un'edizione travolgente per Umbria Jazz che ha visto sui vari palchi il succedersi di tanta buona musica. Senza troppi confini e problemi di genere.

Christian McBride & Inside Straight a Pisa Jazz

0
Iniziata il 7 luglio e conclusasi il 15, la ricca programmazione di Pisa Jazz – curata dal Circolo Ex Wide e comprendente ben diciassette concerti – ha in un certo senso rinverdito i fasti del passato. Non a caso, Rebirth (rinascita) era la nuova denominazione scelta dagli organizzatori. Rinascita anche come sinonimo di graduale ritorno alla normalità e alla fruizione della musica dopo oltre due anni di restrizioni.

Novara Jazz 2022: dalle orchestre ai solo

0
Recensione dei concerti tenutisi a Novara dal 10 al 12 giugno

Tempo Reale: Aria

0
Elettronica e improvvisazione, come tracce della società post-industriale ed esempi di tabula rasa dei generi, sono state efficacemente documentate dal festival Aria di Tempo Reale

Anthony Braxton Saxophone Quartet ad AngelicA

0
Questo lavoro per quartetto di sassofoni costituisce un’ulteriore tappa dell’instancabile percorso di ricerca perseguito dal 77enne compositore di Chicago (per una felice coincidenza, nato il 4 giugno 1945) e l’ennesima riprova del suo lucido rigore e della sua straripante creatività. Nel suo Saxophone Quartet Braxton ha riunito tre solisti e compositori di assoluto rilievo, a lui legati da lunghe frequentazioni: James Fei (sax alto e sopranino), Ingrid Laubrock (sax tenore e soprano) e Chris Jonas (sax tenore e soprano). In questo contesto Braxton opera ai sax alto, soprano, sopranino e all’elettronica.

Musiche Corsare  

0
Non è quindi un caso che le scelte artistiche siano cadute su musicisti che operano secondo parametri tutt’altro che scontati e che sono stati capaci di definire un’identità e una poetica del tutto consone alle rispettive culture. Musiche corsare, dunque: esplicito riferimento agli Scritti corsari di Pier Paolo Pasolini, al cui spirito libero si ispirava dichiaratamente la manifestazione.

Pat Metheny e la sua nuova concezione di PMG

0
Il concerto del Pat Metheny Trio tenutosi il 9 maggio presso l'auditorium Parco della Musica di Roma

Barry’s Trio incanta a Novara

0
Il trio di Barry Altschul ha suonato a Novara una musica di grande intensità emotiva, che ricorda il free Jazz degli anni '70 ma resta lucido, creativo e trascinante. Jon Irabagon al sax e Joe Fonda al contrabbasso hanno creato il perfetto interplay con il leader, autentica icona della batteria Jazz. Leggendari i suoi dischi in compagnia di Anthony Braxton, Sam Rivers, Paul Bley, Chic Corea, Dave Holland, Dave Liebman.

Bergamo Jazz (terza parte) – L’altra metà del cielo

0
questa edizione ha segnato un provvidenziale recupero di consuetudini in uso fino al 2019, grazie alla massiccia partecipazione del pubblico (oltre 5000 presenze) e al ripristino del doppio set per i concerti serali. Sono state così premiate le scelte della direttrice artistica Maria Pia De Vito, che hanno abbracciato una vasta gamma di espressioni artistiche ed estrazioni culturali.

Bergamo Jazz (seconda parte) – Incroci di culture

0
Varie sedi, 17-20 marzo Com’è consono alle sue prerogative di festival internazionale, la 43esima edizione di...

Bergamo Jazz (prima parte) – Piani diversi  

0
Teatro Sociale, 17 marzo: Vijay Iyer Trio Teatro Donizetti, 18 marzo: Fred Hersch Trio, special guest...