Gerald Clayton «Tributary Tales»

335

AUTORE

Gerald Clayton

TITOLO DEL DISCO

«Tributary Tales»

ETICHETTA

Motéma


 

Un concentrato di modernità: la nevrosi della metropoli, la tradizione dell’idioma afroamericano digerita e riproposta attraverso il linguaggio dei giovani leoni della musica di oggi, un interplay di altissimo profilo strumentale e musicale, un concept che mette insieme jazz e slam poetry.

In sintesi una delle sintesi meglio riuscite di questa prima metà del 2017. Gerald è il figlio di John Clayton, contrabbassista, il leader, insieme al batterista Jeff Hamilton, della Clayton-Hamilton Jazz Orchestra. Suo zio Jeff era il sassofonista della band.

È nato a Utrecht in Olanda, è vissuto nel sud della California e adesso vive ad Harlem, New York. È tra i pianisti più up-to-date della sua generazione. Insieme al trombettista Ambrose Akinmusire, al sassofonista Logan Richardson, al contrabassista Joe Sanders, al batterista Justin Brown, (gli ultimi tre presenti nel disco) sta cercando di ridisegnare le coordinate del jazz di oggi. E spesso, come in questo caso, ci riesce.

Gaeta


 

DISTRIBUTORE

motema.com

FORMAZIONE

Logan Richardson (alto), Ben Wendel (ten.), Dayna Stephens (bar.), Gerald Clayton (p.), Joe Sanders (cb.), Justin Brown (batt.), Henry Cole, Gabriel Lugo (perc.), Sachal Vasandani, Aja Monet, Carl Hancock Rux (voc.)

DATA REGISTRAZIONE

New York, giugno-settembre 2015.