PIERO BASSINI A PIACENZA IL 24 MAGGIO

115

Sabato 24 maggio 2014 – ore 21:15

PIERO BASSINI TRIO

Milestone – via Emilia Parmense 27 Piacenza

piero_bassini

Piero Bassini pianoforte

Giorgio Muresu contrabbasso

Luca Mezzadri batteria

Sabato 24 maggio torna a grande richiesta al Milestone uno tra i migliori pianisti jazz italiani: Piero Bassini. Negli ultimi anni l’artista ha diradato moltissimo i suoi concerti a causa di un problema alla mano destra, che ancora non è risolto del tutto, ma ha accettato di suonare al Milestone anche grazie alla profonda amicizia che lo lega al circolo di via Emilia Parmense.

Nato nel 1953 a Codogno, dove risiede, Piero Bassini si è avvicinato alla musica molto giovane suonando prima la chitarra, poi l’organo e successivamente il pianoforte. Ha iniziato l’attività professionale in gruppi di musica leggera all’età di sedici anni e successivamente in gruppi rock. Dopo il servizio militare e l’approfondimento della tecnica del pianoforte con insegnanti privati si è dedicato esclusivamente al jazz. Dal famoso esordio in piano solo avvenuto all’Università Statale di Milano negli anni Settanta, Piero Bassini ha percorso un lungo cammino che lo ha portato a produrre una musica totalmente diversa rispetto alle attese. Una musica personale, matura, ricca di tensione e di dubbi, animata da una grande urgenza espressiva, ma anche di delicate atmosfere introspettive. Dopo le influenze inevitabili di Corea e Jarrett, Bassini recupera le radici più autentiche del bop formando l’Open Form Trio con Attilio Zanchi e il compianto Giampiero Prina, uno dei migliori gruppi italiani di tutti i tempi. Da allora Piero Bassini ha approfondito sempre più lo studio del moderno piano jazz esplorando e sviluppando elementi musicali che da Oscar Peterson e McCoy Tyner giungono fino a Bill Evans e Paul Bley senza trascurare la la sua grande passione per Mozart.

Oggi la sua musica, benché fortemente impregnata dalla tradizione jazzistica, presenta delle sfumature e dei colori originali che ne determinano una percezione non classificabile in schemi predefiniti.