Massimiliano Milesi «Oofth»

3572

AUTORE

Massimiliano Milesi

TITOLO DEL DISCO

«Oofth»

ETICHETTA

Auand


Massimiliano Milesi si è distinto negli ultimi anni come una delle voci più interessanti del panorama jazzistico nazionale. Non solo come eccellente sassofonista (tenore e soprano), ma anche per le doti di compositore rivelate a fianco di Tino Tracanna in seno al quartetto Double Cut, in cui figura anche Sala. Come altri musicisti della sua generazione, Milesi è anche attento a recepire stimoli provenienti dal rock, il che si percepisce chiaramente all’ascolto di questo lavoro.

È dunque evidente che i membri del quartetto sono ben coscienti della svolta elettrica a suo tempo impressa da Davis, Zawinul e Hancock, ma al tempo stesso hanno captato suggestioni da Radiohead, Nirvana, Sigur Rós, riversate anche nella loro attività in gruppi paralleli. Che poi – su un piano squisitamente timbrico – Milesi e compagni guardino anche al passato lo dimostrano l’impiego, peraltro molto discreto e funzionale, di un piano elettrico Wurlitzer e dei sintetizzatori, nonché le sonorità del basso di Papetti. Se ne ravvisano tracce palpabili nell’iniziale I Have No Words dove, anche in virtù dell’impianto ritmico, alcuni passaggi richiamano addirittura certo jazz rock inglese (Nucleus, Soft Machine).

In generale, tutti i brani presentano un’impostazione ritmica tutt’altro che banale, con ricorso frequente a tempi dispari. Redshift si distingue per il meticoloso controllo degli equilibri dinamici, mentre Tibbish Tizzp spicca per i continui cambi di metro ed atmosfera, in un collage forse influenzato da John Zorn. In questo contesto, rispetto al suo contributo a Double Cut, Milesi leviga suono e fraseggio, applicando una poetica della sottrazione. Il che non guasta, specie in un’epoca di sassofonisti tecnicamente ferratissimi che ammanniscono assolo chilometrici infarciti di frasi fatte.

Boddi


DISTRIBUTORE

Goodfellas

FORMAZIONE

Massimiliano Milesi (ten.), Emanuele Maniscalco (p. el., sint.), Giacomo Papetti (b. el.), Filippo Sala (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Brescia, 20 e 21-6-18.