Louis Sclavis «Loin dans les terres»

231

AUTORE

Louis Sclavis

TITOLO DEL DISCO

«Loin dans les terres»

ETICHETTA

Intuition

 


 

Come Sclavis ci preannunciava nell’intervista uscita sul numero di aprile, ecco la prima testimonianza del suo nuovo quartetto, un live tedesco di pochi mesi fa (per l’esattezza il giorno del suo sessantaquattresimo compleanno) che ci rimanda i profumi dei lavori storici del clarinettista lionese, e ciò già fin dall’iniziale Wisdom (tutti suoi sei brani in scaletta), di sapore diremmo ornettiano (periodo «Crisis» e dintorni, con Dewey Redman seconda ancia), un quarto d’ora di musica vigorosa, animata da una palpabile – come si dice in questi casi – urgenza espressiva, con una tramatura ritmica densa, rilanciata di contiuno.

Segue Avant la marche, protagonisti nella prima parte sax tenore e batteria, nella seconda clarinetto (Rifflet, sempre del tutto funzionale al contesto e complementare al leader) e clarinetto basso, prima del solo di Lavergne che di fatto accompagna il brano fino a farlo rifluire nel successivo Des bruits à tisser, innervato da una rinnovata intensità, mentre è il solo contrabbasso di Sarah Murcia ad aprire Song For A., dal susseguente sviluppo corale molto narrativo, si direbbe del tutto predeterminato. Due clarinetti (particolarmente guizzante l’avvio) ci accolgono in Jusqu’où?, altro grande pezzo, prima più incalzante, poi più astratto, quieto, prima del gran finale che coincide col brano che intitola il cd (in realtà chiuso, il cd, da una breve intervista in inglese con Götz Bühler in cui Sclavis parla del disco e del gruppo), ancora una volta pieno, come si diceva in avvio del tutto degno della migliore stagione sclavisiana. Che appunto questo album nuovo di zecca ci fa supporre tutt’altro che esaurita

.Bazzurro

 


 

DISTRIBUTORE

challengerecords.com

FORMAZIONE

Louis Sclavis (cl., cl. b.), Sylvain Rifflet (ten., cl.), Sarah Murcia (cb.), Christophe Lavergne (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Gütersloh, 2-2-17.