In edicola Musica Jazz di giugno 2019

Il magazine con le anticipazioni delle rubriche e degli articoli. La cover story, il dossier, le interviste, le recensioni e l'esclusivo CD allegato

53351

IN EDICOLA MUSICA JAZZ DI GIUGNO
n. 823


In edicola Musica Jazz di giugno 2019 - Chris Potter

COVER STORY
Chris Potter
Circuits
Uno dei migliori sassofonisti del panorama contemporaneo, Chris Potter è capace di districarsi, con una professionalità di assoluto livello, all’interno delle situazioni musicali più variegate.

«Per me una delle cose più belle del jazz, qualsiasi sia il significato che vogliamo dare a questo termine, è la possibilità attraverso l’improvvisazione di sperimentare in varie direzioni, magari infrangendo le regole e stabilendo le proprie.»

«La tecnica e il virtuosismo non sono altro che modi attraverso i quali esprimiamo le nostre idee.»

«Charlie Parker ha raggiunto un tale livello di perfezione stilistica e artistica che i suoi insegnamenti si ritrovano oggi in ogni contesto.»

Chris PotterCD ALLEGATO
Johnny Griffin e Eddie «Lockjaw» Davis: «Lookin’ at Monk – Studio & Live»
Nel nostro cd sono inclusi tutti i brani di Thelonious Monk incisi, dal vivo e in studio, dall’estroverso quintetto di Eddie «Lockjaw» Davis e Johnny Griffin, un gruppo da non dimenticare.

Eddie «Lockjaw» Davis e Johnny Griffin

ACQUISTA ORA

DA NON PERDERE
Paul Bley / Gary Peacock / Paul Motian
Branford Marsalis
Adam O’Farril’s Stranger Days
Alessandro Tedesco
Areni Agbabian
E.R.Z
Rosa Brunello
Fred Frith
Fred Hersch & The WDR Big Band
Jean Derome
Jeremy Pelt
Julian Lage
Larry Grenadier
Matt Penman
Tom Harrell
Silvia Manco
Oopopoiooo

A CASA DI…
Michael Gregory Jackson
La grande inquietudine di un musicista originale: Attivo sulla scena del jazz più avanzato fin dalla metà degli anni Settanta, il chitarrista ha vissuto una carriera fatta di alti e bassi: ma adesso è tornato.

QUI NEW YORK
Ecstatic Music Festival
La confluenza di stili resta l’unica soluzione: il newyorkese Ecstatic Music Festival continua a proporre il rimescolamento delle identità culturali, per evitare il rischio dell’asfissia creativa.

LI SALVI CHI PUÒ
Danny Thompson
Tra gli album scomparsi da tempo, «Whatever» del bassista britannico, uno dei fondatori dei gloriosi Pentangle, meriterebbe un repêchage.

LIBRI
Adorno e il jazz
Due recenti volumi riportano in primo piano la figura del filosofo di Francoforte attraverso prospettive differenti e, se vogliamo, complementari.

FROM THE INSIDE
Branford Marsalis
The Secret Between The Shadow And The Soul
Il quartetto del sassofonista di New Orleans, con pochissime variazioni di organico, lavora assieme ormai da vent’anni. Quello appena pubblicato è uno dei suoi album più riusciti e si rivela un disco di grande interesse.

«Prima di liberarti del fardello della storia del jazz devi portartelo sulle spalle almeno un po’.» (Branford Marsalis)

«La musica dovrebbe essere l’onesta espressione di dove ti trovi, come compositore, in quel preciso momento.» (Eric Revis)

Branford Marsalis - In edicola Musica Jazz di giugno 2019DOSSIER
Birth Of The Cool
Il ritorno di una leggenda
Riascoltando questi brani oggi, a distanza di una settantina d’anni dalla loro incisione, si è colpiti dalla loro natura «disciplinata, lucida, quietamente audace», che ha segnato la strada per importanti innovazioni sia nel campo dei piccoli gruppi sia delle grandi orchestre.

Birth Of The CoolINTERVISTA
Harriet Tubman
Il trio che prende il nome dalla storica eroina afro-americana del Maryland continua a produrre dischi che fondono tutte le musiche nere con il sottotesto del blues. Parlano Brandon Ross e Melvin Gibbs.

«La nostra musica è apprezzata da chi cerca sostanza al di là dei suoni formattati che ci bombardano tutti i giorni.» (Brandon Ross)

«Penso che il “mondo del jazz” sia più disponibile ora ad accogliere la nostra musica che non all’inizio degli anni Duemila.» (Melvin Gibbs)

Harriet TubmanJAZZ PEOPLE
Zbigniew Seifert

A quarant’anni esatti dalla morte s’impone il ricordo di quello che è stato forse il massimo violinista jazz contemporaneo, certamente il più rigoroso e coerente innovatore dello strumento negli anni Settanta ma il meno noto in ambito internazionale.

Zbigniew SeifertINTERVISTA
Maria Pia De Vito
L’eredità di un festival
La musicista napoletana è stata nominata direttore artistico di Bergamo Jazz: un avvenimento importante che corona nel migliore dei modi quarant’anni di carriera e del quale abbiamo voluto parlare con la diretta interessata.

Maria Pia De Vito - In edicola Musica Jazz di giugno 2019

INTERVISTA
Michele Rabbia
Lost River
Il duo Rabbia-Eivind Aarset si allarga a trio con l’aggiunta di Gianluca Petrella e pubblica in questi giorni un disco di ottima qualità per ECM.

Michele Rabbia

LATIN
Michael Vinãs

Il bassista del Caribe urbano
Nato nel Bronx da genitori portoricani e cubani, è da oltre quarant’anni un pilastro della salsa e del Latin jazz. E chi meglio di lui per farci raccontare qualcosa su questo gigantesco incrocio di culture?

Michael Vinãs

BAM!
Joel Ross

Kingmaker
Ad appena ventitré anni il vibrafonista di Chicago, oggi membro della fertile comunità di giovani musicisti che vive a Brooklyn, si è già imposto come uno dei nomi su cui maggiormente puntare per il futuro del jazz.

Joel Ross

ACQUISTA ORA

CIRCUS


Mauro Ottolini Circus - In edicola Musica Jazz di giugno 2019

MOON IN JUNE
Patti Smith e il Soundwalk Collective

I suoni del peyote
Un incontro fortuito genera grandi progetti: canti, suoni e psico-geografia, da Nico ad Artaud.

Patti Smith - In edicola Musica Jazz di giugno 2019

GIÙ AL NORD
Ivo Neame
Il brillante pianista britannico (con moglie italiana) pubblica «Moksha», un nuovo album che si differenzia con successo dalle ormai consolidate esperienze con i popolari Phronesis.

Ivo Neame

 OUTSIDERS
Mauro Ottolini
Mettendo momentaneamente da parte il consueto strumento, nel suo nuovo album il trombonista si cimenta con le conchiglie.

Mauro Ottolini - In edicola Musica Jazz di giugno 2019

BLACK&BLUE
Viaggio sentimentale in tempo di guerra
Le big band erano nel pieno del loro splendore, tra Swing e romanticismo, e radio e jukebox facevano da poderosa cassa di risonanza per voci e orchestre, versi e melodie.

Big Band

CHANSON(G)S
Paoli come Vivaldi e altre storie
Il decano dei cantautori torna con un doppio di inediti (e non), in mezzo a tanti altri album, tra Genova e Basso Piemonte (e non), pregni di letterarietà.

ACQUISTA ORA

TIME OUT
Giugno 2019: i concerti del mese