Fred Hersch Trio «Live in Europe»

599

AUTORE

Fred Hersch Trio

TITOLO DEL DISCO

«Live in Europe»

ETICHETTA

Palmetto

 


 

Non si assiste a flessioni di sorta in questo eccezionale scorcio di carriera di Hersch, che ha visto il pianista mettere in fila nell’ultimo lustro alcune delle proprie opere migliori, riaffermando la sua statura di assoluto Maestro, sia nelle esibizioni in solo che nell’ambito di questo formidabile trio, formazione che sembra messa su proprio per dare un concreto significato alla parola interplay. Anzi, come già avvenuto nel recente «Open Book» – che aveva visto il pianista inerpicarsi solitario per sentieri non solitamente battuti, gettandosi nell’ignoto dell’improvvisazione/composizione istantanea – anche in questo album la maturità del leader (e l’assoluto controllo della materia musicale che vi è correlato) comportano l’abbandono di modalità espressive più consuete (nulla nel pianista di Cincinnati è mai routine), portando il trio sul terreno di una ricerca armonica che prescinde dalle sicurezze tonali, senza che per questo il gruppo perda nulla della sua proverbiale tenuta, fondata su nessi che sembrano (misteriosamente) telepatici. A confermare inoltre che Hersch è in un momento magico, anche per ciò che riguarda certa felice casualità delle sue produzioni discografiche, si aggiunga pure che questa registrazione (come del resto altre dal vivo in un recente passato) non era affatto programmata: si avrà così il senso di un’opera di valore del tutto particolare, l’ennesima.

Dieci brani in scaletta (la chiusa è per il piuttosto consueto bis in solo di Blue Monk), di cui sei originali. Tra essi spiccano, giusto nel cuore dell’esibizione, i due dedicati a Sonny Rollins (Newklypso) e John Taylor (Bristol Fog), mentre tra i brani altrui merita una speciale menzione la shorteriana Miyako. Tutto è già stato detto sulla maestria di Hébert e McPherson, elementi assolutamente essenziali per il raggiungimento del risultato finale e per l’equilibrio di un gruppo che, nel formato, ha oggi ben pochi eguali. Disco imperdibile.

Cerini

[da Musica Jazz, maggio 2018]

 


 

DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Fred Hersch (p.), John Hébert (cb.), Eric McPherson (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Bruxelles, novembre 2017