Yaron Herman «Y»

5140

AUTORE

Yaron Herman

TITOLO DEL DISCO

«Y»

ETICHETTA

Blue Note


Acustico eppure audacemente elettronico. Affascinato dai suoni del mondo, ma con un côté cameristico e una propensione pop. Pensa alla musica in termini spaziali, Yaron Herman, qui alla guida del suo nuovo piano trio con l’amico di sempre Ziv Ravitz e la new entry Bastien Burger. Personaggio impossibile da classificare e talento tra i più originali della scena europea (e non solo), il tastierista e compositore franco-israeliano utilizza il jazz nell’accezione più ampia, come una chiave universale per entrare in universi paralleli e per superare le barriere tra linguaggi. All’ottavo progetto da leader, Yaron firma un caleidoscopico e spiazzante disco di canzoni sui generis, con o senza voce solista. Un album dove i testi – quando ci sono – vengono recitati da alcuni amici convocati per l’occasione, dal produttore transalpino di electro-pop Dream Koala (Solaire) al rocker inglese di stanza a Parigi Hugh Coltman (The Waker). E dove si naviga all’incrocio tra le visioni siderali alla Radiohead (First Dance) e il rigore minimalista di Steve Reich (Legs to Run). In scaletta, tra dieci brani originali, spicca l’unica cover del disco: è la dolente ripresa Fun Groys Dasad, brano tradizionale yiddish con cui Herman – che ama sempre proiettarsi verso il futuro – guarda al proprio passato e rende omaggio alle radici ebraiche.

Franchi

[da Musica Jazz di settembre 2017]


DISTRIBUTORE

Universal

FORMAZIONE

Yaron Herman (p., tast., celesta, voc.), Bastien Burger (chit., tast., b.), Matthieu Chedid (chit.), Ziv Ravitz (batt., perc.), Dream Koala (voc.), Hugh Coltman (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Meudon, agosto 2016.