Cristiano Calcagnile «The Gift Of Togetherness»

4595

AUTORE

Cristiano Calcagnile

TITOLO DEL DISCO

«The Gift Of Togetherness»

ETICHETTA

Caligola


Di questi tempi parlare di «multikulti» (come si chiama l’ensemble di questo disco) e di «togetherness» vuol dire ricordarci che le arti possono avere palesi o sottintesi significati politici. Dello stare insieme e dell’incontro di culture diverse, Don Cherry aveva fatto il suo manifesto poetico che Cristiano Calcagnile raccoglie e fa proprio, non solo recuperandolo in termini di linguaggio ma, appunto, suggerendone l’attualità. Non pare un caso che tra i brani ne figuri uno intitolato Theme For Migration Birds… L’ensemble, come si può vedere scorrendo l’organico, allinea musicisti stimati e capaci di utilizzare più strumenti (oltre a quelli riportati sopra ve ne sono molti altri). Il materiale proviene dalla «tre giorni» durante i quali il Multikulti Ensemble si era esibito a Mestre e che aveva già dato vita al disco «Multikulti Cherry On»; poi sono state aggiunte in tre pezzi sovraincisioni di piano elettrico registrate in studio. Calcagnile ha molti meriti: l’aver pescato lungo tutta l’eredità di Don Cherry (brani come Togetherness e Brown Rice), un maestro del jazz che pure non ha oggi veri allievi sul piano dell’estetica; l’aver scelto musicisti capaci di interagire; l’aver chiesto a loro contributi sul piano della scrittura; l’aver messo sullo stesso piano ricerca melodica e ricerca sonora (vedi le belle prove di Cohesiveness e di Brown Rice). Il tutto con una immediatezza che la dimensione live mette in risalto.

Piacentino

[da Musica Jazz, ottobre 2019]


DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Gabriele Mitelli (tr., trombino), Massimo Falascone (alto, bar.), Nino Locatelli (cl. b., melodica), Alberto Braida (p. el.), Pasquale Mirra (vibr., perc.), Paolo Botti (viola, viol., banjo), Gabriele Evangelista (cb.), Cristiano Calcagnile (batt., perc., voc.), Dudu Kouaté (perc.).

DATA REGISTRAZIONE

Mestre, Centro culturale Candiani, 18, 19 e 20-10-15; sovraincisioni del 2018.