Rebekka Bakken «Things You Leave Behind»

3225

AUTORE

Rebekka Bakken

TITOLO DEL DISCO

«Things You Leave Behind»

ETICHETTA

Okeh


Il brano d’apertura Closer sembra riassumere un bel pezzo della storia afroamericana: tra ballad jazz, sentore di gospel, venature blues incastrate tra strofe e ritornelli con riempimenti old folk a stelle e a strisce. Di qui in poi, si va verso un sound molto orecchiabile che scivola attraverso varie praterie più tra il Texas e gli Appalachi che negli algidi fiordi di casa. Black Shades ha il ritmo giusto, ma pecca di ingenuità e di inventiva. Fa capolino il blues nel brano portante che evoca locali affumicati e una cinematografia d’antan. Il pallino passa alla cover che è impersonata dalla sempiterna Time After Time, qui eseguita più per gusto personale che per aggiungere un anello al profilo impresso da Cindy Lauper. La vocalist norvegese prosegue declinando il suo pop autoriale con Yankee Days; fa incrociare le spade al country e alla sua domestica tradizione (Shelter), che campeggia più vivacemente nei limpidi accordi di True North prima, e in Sound Of Us poi, pur marchiata quest’ultima da brandelli di folclore statunitense.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

Sony Music

FORMAZIONE

Rebekka Bakken (voc., p.), Jesper Nordenstroem (p., p. el., synth., mellotron), Glenn Patscha (org.), Johan Lindstroem (chit., b. el., voc.), Knut Reiersrud (armonica), Rune Arnesen (batt., perc.), Andre de Lang, Paris Renita (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Stoccolma, data scon.