Raffaele Casarano «Oltremare»

1461

AUTORE

Raffaele Casarano

TITOLO DEL DISCO

«Oltremare»

ETICHETTA

Tuk Music

 


 

La narrazione al servizio della musica. Una musica che travalica i generi e che si fa portavoce di una sofferenza: quella dei migranti alla ricerca di una terra in cui trovare salvezza. Un lavoro rarefatto, a tratti commovente, con episodi talvolta struggenti. Qui le etichette servono a poco. Possiamo parlare di jazz? Forse, ma solo perché Casarano si è formato con quel linguaggio. In realtà in questo lavoro c’è una cura e un’attenzione a melodie e atmosfere in cui la forma canzone qualche volta prende il sopravvento ma senza prevaricare l’idea e il concetto di una musica che è «mediterranea» nella sua accezione più nobile. Stavolta il sassofonista salentino ha fatto centro, e per due motivi. Intanto perché questa musica suona sottovoce senza essere pacchiana né alla moda, poi perché finalmente Casarano ha imparato a prendere le distanze da quel clichè di «pugliesità» che è diventato antipatico a molti. La presenza di Danno (dei Colle der Fomento) conferisce modernità stradaiola a due episodi (la title track e La luna nel deserto) ma è solo un riuscito divertissement. Il lavoro è da apprezzare appieno anche negli episodi meno appariscenti. Il nostro preferito è Giovanni e i pesci.

Gaeta

[da Musica Jazz, agosto 2018]

 


 

DISTRIBUTORE

Ducale

FORMAZIONE

Raffaele Casarano (sop., alto), Éric Legnini (p., org., tast.), Lars Danielsson (cello, cb.), Manu Katché (batt.), Danno (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Roma, gennaio 2018.