Nico Catacchio «Kinesis»

3324

AUTORE

Nico Catacchio

TITOLO DEL DISCO

«Kinesis»

ETICHETTA

Alfa Music


Cambia direzione Nico Catacchio, rispetto al suo precedente «The Second Apple»: lascia la matrice europea per giostrare nell’ambito di un sound americano-centrico ben architettato. Il jazz che ne fuoriesce è tanto, ed è forte: corrosivo, robusto ma mai esclusivamente muscoloso. Già la dedica alla musica di Michael Brecker ci fa intendere quanta certosina pazienza abbia il leader riversato in questo lavoro nell’amalgamare gli spazi musicali d’oltreoceano, quelli più freschi, con una linea melodica che non è mai dimenticata. L’ensemble, poi, tutto di conterranei, è di quelli ottimamente rodati: c’è Mimmo Campanale che sa perfettamente cosa fare in ogni momento, con soluzioni ritmiche sempre diverse e accattivanti; la chitarra di Fabrizio Savino è incalzante, dispensa frecce argentee in ogni intervento; così anche il fraseggio erudito ed eloquente di Eugenio Macchia, che dispensa pillole di saggezza attraverso gli ottantotto tasti; il tenore di Michele Carrabba è sempre pronto a misurarsi con ogni tipo di registro, scalando tempi e ritmi. Catacchio si conferma eccellente compositore e bassista raffinato ed elegante, pennellando groove, costruendo swing come in Star Shell, dove lancia e tiene sulla graticola il torrenziale assolo di Carrabba. Il bassista barese scarta ogni soluzione banale, anche nei tempi più slow trova argomentazioni ferree, costruisce golosi assolo che tengono banco e svirgolano il modern mainstream (Below The Line); ordisce delle mini-suite, lasciando a Carrabba, Macchia o Savino il compito di cesellatori, mentre condivide con Campanale le venature ritmiche (Kinesis). Hidden Soul è una ballad di quelle che si facevano un tempo, ma lucidata a nuovo, con la chitarra di Savino che recita un nuovo predicato, mentre Campanale tiene tutti sulla graticola con brevi, ma significative, variazioni metriche. Entra con mani sapienti nella fusion con  Rolling Tree e gioca con il blues, ammantato di lirica esposizione, in Third. Un lavoro policromo, da un compositore – prima che bassista – che merita attenzione.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

Egea

FORMAZIONE

Michele Carrabba (ten.), Eugenio Macchia (p.), Fabrizio Savino (chit.), Nico Catacchio (cb.), Mimmo Campanale (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Bari, 25 e 26-09-18.