Luca Di Luzio «Globetrotter»

4013

AUTORE

Luca Di Luzio

TITOLO DEL DISCO

«Globetrotter»

ETICHETTA

Jazzlife


Mai titolo fu più azzeccato per descrivere la musica contenuta nell’ultimo lavoro di Luca Di Luzio. Il chitarrista e compositore dai natali sanseveresi, residente a Cesena, è un giramondo ed ha la capacità di immergersi nelle avventure musicali che lo portano, con maggiore frequenza, negli Stati Uniti. Il suo sound è la fusion di linguaggi differenti, ma resi personali dal piglio con cui affronta tanto la composizione, quanto la tecnica chitarristica. Nove brani in massima parte autografati da Di Luzio che tiene alto il volume e il groove, ma ricoprendolo di un’eleganza forbita, con citazioni assunte dall’America Latina (Pop Fla), con divagazioni d’ampio spettro nel jazz-rock (Jazzlife) e nel soul più autorevole (Buena Suerte). Ogni brano ha la sua caratterizzazione sonora, ma dietro l’angolo c’è sempre una sorpresa: un sound che arriva dall’altra parte del mondo. Una menzione speciale merita Elisir, perché architettata con un profondo senso orchestrale, con colori vermigli, ricercati. Così anche una dei due brani apocrifi che troviamo nel disco: Naima che qui trova abiti argentei e leggiadri. Sicuramente la ricerca del suono è un elemento che accompagna il lavoro, anche chitarristico, di Luca Di Luzio che, anche per questo motivo, si è circondato di sodali d’alto profilo: a partire dalle invenzioni ritmiche di Dave Weckl e il groove sempre presente di Jimmy Haslip, così come delle tessiture sonore di George Whitty, che hanno saputo creare delle eccellenti cornici agli assolo del leader e di un sempre impeccabile e torrenziale Max Ionata.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

jazzlife.it

FORMAZIONE

Max Ionata (ten.), Luca di Luzio (chit.), George Whitty (tast.), Jimmy Haslip (b. el.), Dave Weckl (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Loc. e data scon.