Lou Bennett «Dansez et rêvez»

2402

AUTORE

Lou Bennett

TITOLO DEL DISCO

«Dansez et rêvez»

ETICHETTA

Phono

 


 

Nato a Filadelfia nel 1926 (e scomparso a Parigi nel 1997), a poco più di trent’anni Lou Bennett trovò la sua America in Europa e, lasciati senza troppi rimorsi gli Stati Uniti, non tornò più a casa se non una volta, nel 1964, per esibirsi al festival di Newport. La sua nuova patria era ormai la Francia, dov’era arrivato nel 1960 ed era stato accolto a braccia aperte diventando «di casa» in un club prestigioso come il Blue Note (ovvero il vecchio Ringside fondato dal pugile Sugar Ray Robinson). Bennett aveva iniziato come pianista di chiaro stile bop ma s’era convertito all’organo dopo aver sentito suonare Jimmy Smith. A Parigi era diventato popolarissimo, grazie anche al saldo legame che aveva stabilito con Kenny Clarke, e in Francia la sua fama non temeva confronti con quella di un Count Basie o di un Miles Davis. Qui, per la prima volta su cd, troviamo il suo primo album in trio, inciso con altri due «emigranti» di alto livello come l’ungherese Bacsik e lo svizzero Humair. Organo, chitarra e batteria, musica di gran classe ma anche da lounge bar (le due cose non si escludono), da voci sussurrate e tintinnio di bicchieri. Rilassante come un buon massaggio e intrigante da morire, anche quasi dopo sessant’anni. Ciliegina sulla torta sono poi le sette bonus tracks incise da Bennett con altri partner, ma sempre rigorosamente in trio.

Borsa

[da Musica Jazz, giugno 2018]

 


 

DISTRIBUTORE

Egea

FORMAZIONE

Lou Bennett (org.), Elec Bacsik (chit.), Daniel Humair (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Parigi, estate 1960.