Eyolf Dale «Return To Mind»

3834

AUTORE

Eyolf Dale

TITOLO DEL DISCO

«Return To Mind»

ETICHETTA

Edition Records


C’è un aspetto che stupisce fin da subito del trentaquattrenne pianista norvegese: nulla sa di stantio. Dale crea alchimie musicali dosando gli ingredienti come uno chef di rango superiore e ogni brano racconta almeno un paio di storie, musicalmente parlando. Già l’esordio, Midsomer Gardens, ha l’architettura di una moderna suite, con un andamento sussultorio che va dall’intro ricca di sospensioni del piano solo, fino alla costruzione di un valzer zoppo che si dilegua lasciando il proscenio alle ribollenti note del tenore di Roligheten. Dale sa come narrare, sa usare la punteggiatura, le figure retoriche, come nell’allegorica – quasi felliniana – Soaring, dove emerge il senso orchestrale, con il vibrafono di Waring a contrappuntare. Il musicista norvegese sa stupire, perché dopo due brani onirici, ti piazza un vigoroso mainstream – non banale – con tanto di magistrale fuga pianistica (The Major), per poi cedere il passo al brano eponimo, una ballad «à la scandinava» dove il dialogo con la tromba di Powell recita il mantra. Gli arrangiamenti sono così opportuni e sapientemente organizzati che l’impatto da large ensemble trova vie di fuga verso l’inaudito, anche lì dove sembrerebbe inevitabile impattare nella lezione statunitense (Naturak). Dal felicemente mosso, al lento: Dale gioca all’altalena dei suoni e si ricava un congruo spazio solistico in Woody, strizzando l’occhio al pianoforte jazz anni Cinquanta, anche quando si apre il sipario sul resto del gruppo. Taplow fa piedino agli anni Trenta, mercé il violino che zigzaga per l’intero brano. Insomma, si capisce a chiare lettere quanto Dale conosca bene il passato, ma anche quanto sappia portarlo con originalità in una moderna dimensione, senza scopiazzare a destra e a manca.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

editionrecords.com

FORMAZIONE

Hayden Powell (tr., flic.), André Roligheten (ten., cl.), Kristoffer Kompen (trne, euphonium), Eyolf Dale (p.), Adrian Loseth (viol.), Rob Waring (vib.), Per Zanussi (cb.), Gard Nilssen (batt.)

DATA REGISTRAZIONE

Copenaghen, 29 e 30-8-17.