Martin Archer «Another Fantastic Individual»

4096

AUTORE

Martin Archer

TITOLO DEL DISCO

«Another Fantastic Individual»

ETICHETTA

Discus


Sia chiaro, avverte Archer nelle note di copertina: quello che si ascolta nel disco, il modo in cui lui suona, ricorrendo alle sovraincisioni con mano sicura, è frutto di studio e applicazione ascoltando non pochi grandi musicisti. Ebbene, se volessimo riportare qui di seguito i nomi di tutti coloro che indica, il solo elenco coprirebbe l’intero spazio di questa recensione. Modestia eccessiva? L’uomo appare sincero e indubbiamente la sua musica è ricca di aromi e profumi variegati quanto i nomi rispettosamente citati. È una musica che spazia dal blues, rimandandoci a New Orleans, fino a panorami sonori assai astratti, che a loro volta ci portano, diciamo più a nord, a Chicago, patria dell’AACM. Va ricordato che Archer, dichiara spesso il debito nei confronti della gloriosa associazione, ma in quest’occasione fa molti più nomi e cognomi. A dire il vero echi e rimandi raggiungono anche l’altra parte dell’Atlantico, toccando la terra natale. Non si può non pensare al SOS, alle sue trame ipnotiche e reiterative, specie in Behind The Sun, e d’altronde tutti i componenti dell’immaginifico trio sono citati nell’elenco succitato. Altrettanto schietto è il richiamo all’Art Ensemble Of Chicago in Pressure Shocks, magistrale assalto frontale. C’è aria di festa nel gioioso Jo Jar, che evidenzia il legame profondo con le radici della Grande Musica Nera. Altrove, nello spiritato Owl Joins In With The Morning Birds, tutti i riferimenti si smarriscono in una selva di suoni, quelli profondi del clarinetto basso, quelli cristallini dei flauti e quelli malinconici della melodica che si accostano e si allontanano gli uni dagli altri ripetutamente. In ogni caso, al di là del rinvenire qui e là conferme di questa o quell’influenza, in realtà questo è un lavoro che evidenzia proprio la personalità di Archer e la capacità della sua musica di andare sempre in una direzione diversa da quella che sembra indicare, come in Close Together, magistrale in questo senso.

Fucile

[da Musica Jazz, agosto 2019]


DISTRIBUTORE

discusmusic.bandcamp.com

FORMAZIONE

Martin Archer (ten., alto, bar., sopranino, saxello, cl. b., fl., melodica, p., org., perc., elettr., campionamenti).

DATA REGISTRAZIONE

Pisa, 27-28 novembre 2016.