Salina Jazz Festival, dal 22 al 24 settembre

Settima edizione del festival , all'interno del Salina International Arts Fest.

12145

Al via il “Salina Jazz Festival” edizione 2023, il festival dedicato alla musica dell’improvvisazione che, grazie ai successi degli scorsi anni, è giunto alla sua settima edizione. Il Festival del comune di Malfa a Salina, accende il motori per mettere in scena la musica dal vivo che accarezza ed unisce in perfetta armonia la musica all’Isola, al mare ed al suono del silenzio della natura immersa in un’oasi di pace e tranquillità, un luogo fucina di eventi cultuali quale è Palazzo Marchetti sede del Festival. Appuntamento venerdì 22 sino a domenica 24 settembre, per una tre giorni piena di note in jazz nella splendida isola di Salina. Il Festival che animerà l’isola dipingendola con il sound di gruppi diversi, con doppio set alle ore 19.30 e 21.30, inizia con due appuntamenti in musica il 22 settembre saranno in scena alle ore 19.30 The Organ Grinders Trio e alle 21.30 0 Giovanni Mattaliano in Spiritual Suite.

Giovanni Mattaliano

Giovanni Mattaliano docente ordinario di clarinetto jazz al Conservatorio di musica di Palermo, ideatore di innumerevoli produzioni musicali contemporanee che lo hanno portato in giro per il mondo anche al fianco dei cantautori Tosca, Rossana Casale e Baglioni, compone musica, poesie e testi teatrali al Salina Jazz Festival presenta due performance creative originali: Spiritual Suite che è una dedica aperta, omaggiata alla dimensione sonora e spirituale della bellezza creativa, generata dai suoni inscenati in favore della salvaguardia della natura in ogni sua espressione. Ideata dallo stesso clarinettista ed improvvisatore Mattaliano in un percorso istantaneo condiviso tra musica e poesia insieme al Salina jazz ensemble, ispirato dai luoghi ospitanti ricchi di misticismo e meraviglia come quelli dell’isola. Le musiche e le poesie sono dello stesso Mattaliano, create e dedicate alla sensibilità dei presenti con i quali interagirà attraverso mirabili vibrazioni”. (22 settembre 2023 ore 21.30).

Giuseppe Urso

Altro importante momento in musica è il concerto Urso & Bonafede Feat. Rosa Bonanno in programma il 23 settembre alle ore 2130 con Salvatore Bonafede al piano, Giuseppe Urso alla batteria e Rosa Bonanno danza contemporanea. Il concerto “8 Variations On Mainland”, che è anche il titolo del disco in uscita a breve, e di cui viene realizzata l’anteprima durante il Salina Jazz Festival, vede un progetto originale che nasce dall’idea di realizzare un duo piano/drums con la batteria in funzione solista che espone i temi principali ed è un omaggio alla storia del drumming dalle origini fino alla contemporaneità. Lo spettacolo si avvale anche di una performance parallela di danza contemporanea estemporanea che conferisce pathos e teatralità all’esibizione. Il lavoro nasce con un album di musiche originali prodotte da Urso da un’idea di Bonafede. Le musiche sono originali dei Maestri Bonafede e Urso.

CaRo Ferrer

Mentre la cantante brasiliana CaRo Ferrer si esibirà in quartetto il 24 settembre alle ore 21.30 a Palazzo Marchetti. Consacrata come grande interprete della musica brasiliana grazie al suo swing sincopato, CaRo è una artista completa, che crea e interpreta canzoni di tutti i generi musicali brasiliani, anche se con una forte preferenza per la samba classica e per i ritmi del nord-est brasiliano, come “baião”, “côco” o “xote”. Ciò non le impedisce di essere una grande interprete della bossa-nova, del pop o del reggae brasiliano. Per il Salina Jazz Festival canterà un po’ di tutto quello che è indentifica la musica popolare brasiliana. Con Fabio Lannino al basso, Sergio Munafò alla chitarra e Giuseppe Urso alla batteria, il concerto sarà l’occasione per far conoscere al pubblico presente la ricchezza della musica brasiliana, che tanto bene se accoppia con la soavità dell’Isola di Salina.
Il Salina Jazz Festival nasce dalla collaborazione oramai più che ventennale tra Clara Rametta, sindaco di Malfa e fondatrice dell’Associazione Didime 90 e Giuseppe Urso, che ne firma da sempre l’ideazione e la direzione artistica. Grandi novità per questa edizione con un doppio appuntamento giornaliero, uno alle ore 19.30 ed a seguire alle ore 21.30 l’altro, per avvolgere in musica le serate isolane a Palazzo Marchetti, sede storica di attività culturali e concertistiche.
Altra peculiarità della manifestazione sono i concerti inseriti nel programma durante le albe. Ad esibirsi al nascere del sole, il M° Giovanni Mattaliano con Canto del Solo giorno 23 a Malfa. Il Canto del Solo tra le albe dell’isola è dedicato al sorgere del sole ed al risveglio dell’anima, con melodie improvvisate animate dalle tante memorie arabe vissute dallo stesso fiatista. Il canto del solo è un melisma soffuso che viene movimentato dalle sensazioni interiori vissute dalle attese e avvolgenti scie luminose annunciate dai suoni limpidi del fiatista. Una magia sonora che racconta la bellezza dell’intimità di un’isola aperta al mondo come ogni goccia del mare che lo circonda.
Un momento all’alba in musica è anche quello che verrà realizzato da un giovane talento Valerio Rizzo il 24 a Santa Marina. Alle ore 6.00 del mattino, i turisti, i curiosi e i jazzofili potranno gustarsi le bellezze del giorno che arrivano accarezzati dalle note in jazz. Ciò a dimostrazione che la musica ha un linguaggio universale che potrà armonizzarsi con le onde del mare già all’aurora, valorizzandone le unicità isolane in un contesto naturale di colori e suoni.