ParmaJazz Frontiere, dal 30 settembre al 25 novembre

Ventottesima edizione del festival con la direzione artistica di Roberto Bonati. Quest'anno il titolo è: Movimenti, in piano sequenza.

11909

Tenendo fede al progetto triennale Movimenti, è a i nastri di partenza  la XXVIII edizione del ParmaJazz Frontiere Festival che quest’anno torna nel suo titolo a giocare su parole e suggestioni e si chiamerà Movimenti, in piano sequenza a suggerire la continuità di un Festival che da sempre guarda al passato e al futuro prossimo con la stessa creatività. Rimane la struttura del Festival che gioca in una studiata alchimia fra nuove produzioni, formazione ma anche importanti ospitalità. Fra le numerose location parmigiane coinvolte ricordiamo: la Casa della Musica, il Teatro Farnese, i Voltoni del Guazzatoio, l’Abbazia di Valserena, il Ridotto del Teatro Regio, l’Ape-Parma Museo, la Dallara Academy, la Galleria di San Ludovico e l’Associazione Remo Gaibazzi.

Tommy Smith
NRG Bridges

Fra i protagonisti di questa edizione abbiamo Tommy Smith con il suo sax (7 ottobre), la tromba di Hilde Marie Holsen per il tradizionale appuntamento con Una stanza per Caterina (8 ottobre), gli NRG Bridges (13 ottobre) – progetto nato dall’incontro fra Gianluigi Trovesi e i Novotono, duo dei fratelli Adalberto ed Andrea Ferrari -, la norvegese Benedicte Maurseth in trio con l’inglese Sarah Jane Summers e con la light designer norvegese Randiane Sandboe (11 novembre), Norma Winstone in duo con il pianoforte di Glauco Venier (5 novembre).

Norma Winstone

Centrali gli appuntamenti con le orchestre, allo studio del suono e delle potenzialità espressive della quale si sta dedicando da anni Roberto Bonati. Tre i concerti in programma, a cominciare dal Jazz’on Parma Orchestra diretta da Beppe Di Benedetto che aprirà il 30 settembre il Festival al Teatro Farnese; torna, ancora una volta all’Abbazia di Valserena, la Chironomic Orchestra il 15 ottobre. Mentre la ParmaFrontiere Orchestra sarà in programma il 21 ottobre al Teatro Farnese con un nuovo progetto di Roberto Bonati.

Chironomic Orchestra

Rimangono gli appuntamenti fissi del Festival, a cominciare da quello storico con il vincitore del Premio Gaslini che quest’anno vedrà salire sul palco (14 ottobre) Davide Nasi BDSE 4tet  e il live painting di Alberto Reggianini; ma anche l’appuntamento con La Stanza di Caterina che, come si anticipava, vedrà protagonista Hilde Maria Holsen (8 ottobre). Tornano poi gli immancabili Cartoons! (28 ottobre), la grande musica delle colonne sonore dei cartoni animati in chiave jazz. E il workshop con gli allievi del Liceo Bertolucci che quest’anno sarà tenuto da Gabriele Fava con il concerto finale il 18 novembre.
Sarà dedicato ai più piccini, così come Cartoons!, anche lo spettacolo Le sette vite del jazz del Torototela quintet (19 novembre) con Pato Valderrama, performer impegnato in un dialogo serrato parola e musica con un quartetto jazz. Sul palco: Michele Bonifati chitarra elettrica, Giulio Stermieri piano, Giacomo Marzi contrabbasso, Oscar Abelli batteria.
Fra gli appuntamenti la presentazione di Some Pictures del Roberta Baldizzone White Quartet il 1 novembre, un album recentemente pubblicato per l’etichetta ParmaFrontiere. Il concerto è in collaborazione con Segnali di Vita _ Il Rumore del Lutto.
Torna la preziosa collaborazione con Lenz Fondazione che anche quest’anno darà vita ad una coproduzione pensata per questa edizione 2023 (22, 23,24 e 25 novembre). In programma Crine_Ermenegarda Oratorio da Adelchi di Alessandro Manzoni per la installazione e composizione di Maria Federica Maestri, con l’interpretazione di Carlotta Spaggiari e Roberto Bonati, musiche e contrabbasso. Drammaturgia e imagoturgia sono di Francesco Pititto.
A completare questa edizione, in programma anche conferenze, masteclass e guide all’ascolto, per la piena realizzazione di un Festival che vuole, fra le altre cose, offrire una summa sul jazz fra ieri, oggi e domani.
http://parmafrontiere.it