Bill Evans «Live In Switzerland 1975»

2708

AUTORE

Bill Evans

TITOLO DEL DISCO

«Live In Switzerland 1975»

ETICHETTA

Domino

 


 

Questa dovrebbe essere la quarta volta che esce sul mercato il concerto di Bill Evans a Épalinges, cittadina svizzera divenuta popolare perché vi abitò Georges Simenon (in una orribile villa da lui stesso disegnata). La fortuna del bootleg risiede nella buona qualità di registrazione oltre che nei ben 78 minuti di musica, durante i quali ascoltiamo un Evans swingante, a tratti estroverso. Basti dire che dei dodici brani, solamente Morning Glory rivela la dimensione più interiore del pianista. A Marty Morell era da poco subentrato Zigmund, che sulle prime sembra seguire le tracce del suo predecessore; probabilmente è di un drumming robusto che Bill Evans avverte il bisogno in quei mesi, prima di tornare a compagnie più contenute (Joe LaBarbera). Il pianista rinuncia alle sfumature e sfodera, invece, una evidente rapidità di pensiero già a partire dall’iniziale Sugar Plum, vera girandola di invenzioni. Quanto a Gomez, più che partner di Evans è una specie di «show nello show”: vedi anche la disinvoltura con la quale usa l’archetto in My Romance. P.S. ai discografici: andrebbe recuperato anche il bel concerto di Evans a Lubiana (1972), con uno stimolante Tony Oxley alla batteria.

Piacentino

 


 

DISTRIBUTORE

Egea

FORMAZIONE

Bill Evans (p.), Eddie Gomez (cb.), Eliot Zigmund (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Épalinges, 6-2-1975.