Jim Snidero «MD66»

708
AUTORE

Jim Snidero

TITOLO DEL DISCO

«MD66»

ETICHETTA
Savant

 

 


Allievo di Phil Woods e di Dave Liebman (e da quest’ultimo ha ereditato una certa tendenza all’improvvisazione di stampo coltraniano), Snidero si è specializzato sul contralto, affinandone e sperimentandone la versatilità espressiva nella Mingus Big Band e nel gruppo di Eddie Palmieri. Non è certamente un ragazzino, anche se il suo nome è sconosciuto ai più. Qui si fa portavoce di un riuscito mix tra esigenza di ricerca espressiva (Free Beauty) e rispetto per la tradizione dell’idioma afroamericano (Who We’ve Known, Blue In Green) dialogando con alcuni dei nomi di rilievo della scena downtown newyorkese: l’iperattivo Sipiagin, il robusto Okegwo già con Tom Harrell, l’emergente – anzi, ormai emerso – Royston e un musicians’ musician come il veterano Laverne, purtroppo ancora poco conosciuto dal grande pubblico. Con il suo suggestivo flusso ritmico e per l’agilità dei suoi momenti improvvisativi, «MD66» è una testimonianza dell’ottimo stato di salute in cui si trova al momento il jazz pensato e suonato negli Stati Uniti.

Nicola Gaeta


 

DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Alex Sipiagin (tr.), Jim Snidero (alto), Andy Laverne (p.), Ugonna Okegwo (cb.), Rudy Royston (batt.)

DATA REGISTRAZIONE

New York, aprile 2016.

 

 

Recensione
Voto globale
jim-snidero-md66AUTORE Jim Snidero TITOLO DEL DISCO «MD66» ETICHETTA Savant     Allievo di Phil Woods e di Dave Liebman (e da quest’ultimo ha ereditato una certa tendenza all’improvvisazione di stampo coltraniano), Snidero si è specializzato sul contralto, affinandone e sperimentandone la versatilità espressiva nella Mingus Big Band e nel gruppo di Eddie...