Tigran Hamasyan «For Gyumri»

2741

AUTORE

Tigran Hamasyan

TITOLO DEL DISCO

«For Gyumri»

ETICHETTA

Nonesuch


Registrato tra Francia e Armenia nei sacri luoghi d’azione del pianista (che a Dzoraghbyur vive e nello specifico ha inciso, a domicilio, uno dei cinque brani dell’album, Rays of Light), questo nuovo lavoro di Hamasyan, quanto mai stringato (mezz’oretta scarsa), ce ne offre un profilo assolutamente convincente, quasi sorprendente, in particolare dopo i primi due episodi, Aragatz e appunto Rays of Light, in cui gioca ancora un po’ con vocalizzi ed effettismi (verrebbe da dire ammorbidimenti climatici) vari, per passare invece nei tre pezzi che completano il cd (formandone del resto la spina dorsale, anche in termini meramente quantitativi, di durata) a un eloquio denso, a tratti persino rigoglioso, molto ispirato, verrebbe dire jazzistico nel senso più pieno del termine, se ciò rappresentasse di per sé una garanzia di qualità a prescindere, ciò che evidentemente non è né può essere. Ciò che intendiamo dire è che la libertà che Hamasyan si concede (e ci regala) è merce preziosa, in un artista che proprio in un eccesso di artificio, quasi di autocensura creativa (più o meno preventiva…), trova a volte il suo principale limite. Qui tutto rifluisce con grande naturalezza e generosità (a parte la durata, come abbiamo visto) e gli effetti benefici sono palpabili.

Bazzurro

[febbraio 2019]


DISTRIBUTORE

Warner

FORMAZIONE

Tigran Hamasyan (p., voc., fischio, effetti).

DATA REGISTRAZIONE

Meudon, Yerevan, Dzoraghbyur, date scon.