Bill Evans «New Jazz Conceptions»

1941

AUTORE

Bill Evans

TITOLO DEL DISCO

«New Jazz Conceptions»

ETICHETTA

Poll Winners

 


 

Ammaliati dalla bellezza di ciò che Bill Evans farà di lì a poco con Scott LaFaro e Paul Motian, tendiamo a mettere in disparte questo «New Jazz Conceptions», suo esordio come leader alla testa di un trio con Motian e Kotick. Un esordio tardivo, se si pensa che il pianista aveva ventisette anni e da tempo era in piena attività. Oltretutto, il produttore Orrin Keepnews faticò addirittura a convincerlo che era pronto per firmare un disco sotto suo nome. Si tratta fondamentalmente di una seduta bebop che risente ancora dell’influenza di Bud Powell, oltre che di Nat Cole, George Shearing e perfino Monk (Five). Ma il modo di distribuire l’improvvisazione fra le due mani, l’uso delle pause nelle ballads e il ricorso ai block chords sono già roba sua. Nei tre brani per piano solo, tra i quali il famoso Waltz For Debby, si scorgono già quei chiaroscuri che caratterizzeranno la sua maturità; e sono pezzi nei quali l’intrattenimento confina con l’arte. I bonus vedono Bill Evans, sempre in quel periodo, al servizio di due chitarristi: tre brani con Dick Garcia e altri tre con Joe Puma. Ottime performances – c’è anche un Pettiford in gran forma – che non aggiungono comunque molto a ciò che già sappiamo del pianista.

Piacentino

[da Musica Jazz, ottobre 2018]

 


 

DISTRIBUTORE

Egea

FORMAZIONE

Bill Evans (p.), Teddy Kotick (cb.), Paul Motian (batt.). In altri brani; Dick Garcia, Joe Puma (chit.), Oscar Pettiford (cb.).

DATA REGISTRAZIONE

New York, 1955, 18 e 27-9-1956, 1957..