Anteprima del nuovo video degli UJIG: Pohjoinen

Il nuovo singolo del quartetto italo-austriaco in anteprima su Musica Jazz.

877

“Abbiamo voluto allargare il concetto di fusion unendo la componente orchestrale al combo jazz-rock classico, per progredire con un lungo solo di moog di natura prog fino a sonorità più contemporanee di band come gli Snarky Puppy”, dichiara Marco Leo, chitarrista degli Ujig, sul nuovo singolo Pohjoinen, da oggi su tutte le piattaforme digitali.
Interpretata dalla Bow Tie Orchestra di Mosca, la parte sinfonica di questa suite è stata ispirata dalle colonne sonore dei film di Hayao Miyazaki e del suo leggendario Studio Ghibli. ‘Il brano passa attraverso varie tonalità, utilizzando lo stesso principio di modulazione interno al giro armonico del tema anche nelle varie sezioni del brano, in modo da creare un percorso in grado di sostenere il crescendo emotivo dei soli’.
Masterizzato agli Abbey Road Studios da Andy Walter e follow-up di Mea e Pau, Tano (feat. Fabrizio Bosso) ed Ehiku, Pohjoinen è una composizione armoniosamente sospesa ed è il quarto estratto da Ujigami, il nuovo album degli Ujig in uscita l’8 ottobre e pubblicato dalla Luminol Records, eclettica label italiana che fa della sperimentazione tra generi musicali e forme d’arte un modo originale per interpretare la realtà.
Gli Ujig sono un quartetto formato da Edoardo Maggioni (piano, tastiere, moog), Marco Leo (chitarra), Konstantin Kräutler (batteria) e Cesare Pizzetti (basso, contrabbasso), subentrato da quest’anno a David Ambrosch. Debuttano discograficamente con 8 Out Of 8 (2014), un lavoro di jazz sperimentale a cui fa seguito The Necessity of Falling (2018), che seduce per le suggestioni prog. Dal vivo si esibiscono in Italia, Austria e Germania, dal JazzAlguer di Paolo Fresu al Millemiglia Musica al Castello Sforzesco di Milano e Sunny Valley di Santa Caterina di Valfurva, fino al Lindau Jazz Club e Feldkirch Pool Bar Festival.