Andrea Molinari «51»

3369

AUTORE

Andrea Molinari

TITOLO DEL DISCO

«51»

ETICHETTA

Ropeadope Records


La Piramide di Cheope è la più antica, e anche la più grande, delle tre piramidi principali della necropoli di Giza. Essa è considerata la più antica delle sette meraviglie del mondo antico e i suoi gradi di inclinazione sono 51 approssimativi. Il chitarrista marchigiano (di adozione romana) Andrea Molinari, da sempre attento al culto per la numerologia e per l’esoterismo, (il suo lavorio d’esordio si intitola «L’era dell’Acquario», l’era moderna secondo gli antichi Maya) ne ha tratto spunto per intitolare appunto «51» questa sua seconda prova discografica incisa per la prestigiosa Ropeadope Records. Nove brani – tutte composizioni originali – in cui si privilegia la forma canzone. Un tratto distintivo del modo di fare musica di Andrea, già presente nel disco precedente, in cui il musicista si distingue non solo per un’attenzione spiccata a una certa «cantabilità», ma anche per la capacità di sapersi circondare di partner – quelli di questo lavoro sono alcuni dei musicisti che stanno dando lustro, oggi, al jazz in Italia – in grado di reggere un interplay sostenuto e, nello stesso tempo, raffinato. Un gran bel disco di jazz.

Gaeta

[da Musica Jazz, maggio 2019]


DISTRIBUTORE

FORMAZIONE

Alessandro Presti (tr.), Enrico Zanisi (p.), Andrea Molinari (chit.), Matteo Bortone (cb.), Enrico Morello (batt.), Camilla Battaglia, Clementina Regina (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

Roma, agosto 2017.