Stefano Bollani «Sheik Yer Zappa»

2798

AUTORE

Stefano Bollani

TITOLO DEL DISCO

«Sheik Yer Zappa»

ETICHETTA

Decca

 


 

Frank Zappa sta seguendo un po’ lo stesso percorso di Monk. Per decenni la musica di quest’ultimo fu considerata troppo legata al suo autore, quindi non interpretabile. Oggi Monk è battutissimo, mentre Zappa aspetta ancora che qualcuno forzi il blocco. Ci ha provato Bollani, con un tour dal quale sono tratte queste registrazioni (uscite in ritardo perché aspettavano il placet della fondazione Zappa). «Sheik Yer Zappa» onora soprattutto il modo di fare musica elaborato dal grande scomparso. Bollani vi si ritrova in pieno: una bulimica curiosità, l’acida ironia verso le regole, la ferrea padronanza della materia e, last but not the least, la creatività intesa come grande luna park. Qualcuno si divertirà al confronto con gli originali di Zappa (ai quali si aggiungono tre temi di Bollani e Adasiewicz). Ma questo disco vive di luce propria: per esempio, nella suggestiva prova di Adasiewicz in Blessed Relief o nell’urgenza espressiva di Bollani in Peaches en regalia (tra parentesi, più ascoltiamo il pianista e più scorgiamo l’ombra di Jaki Byard). Il gruppo, infine, è una strepitosa all stars. E non solo sulla carta.

Piacentino

 


 

DISTRIBUTORE

Universal

FORMAZIONE

Josh Roseman (trne), Stefano Bollani (p., p. el., voc.), Jason Adasiewicz (vib.), Larry Grenadier (cb.), Jim Black (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Loc. varie, 2011.