«Rock is Dead» di F.T. Sandman – Episch Porzioni

6452

AUTORE

F.T. Sandman – Episch Porzioni

TITOLO DEL LIBRO

«Rock is Dead»

EDIZIONI

Il Castello


Fermi tutti: non è il solito noioso libro che ci dice che la musica rock è morta e va giù pesante nel menzionare i motivi di tale assunto. Si parla di morte, quella vera, quella truculenta e, in certi casi, anche orrorifica. E non si parla solo di rock, ma di musica: in testa i bluesman come Blind Lemon Jefferson, Robert Johnson, ma anche le ben note (per i jazzofili) vicende di Chet Baker e di Jaco Pastorius. Ma fanno bella mostra anche Marvin Gaye, Mozart, Niccolò Paganini, Carlo Gesualdo, Arnold Schönberg, che troviamo al fianco di John Lennon, Sam Cooke, Nico, Jim Carroll, Ian Curtis o Mia Zapata.
L’analisi è sempre approfondita e ben curata anche nei dettagli, sia nella parte introduttiva, utile per conoscere meglio – o ex novo – il musicista preso in considerazione, quanto in quella da crime scene. Un messaggio ben chiaro: la morte non ha preferenze di generi musicali. E così anche i nostri autori, grandi esperti di musica, voci ben note di Radio Popolare; ed è proprio dal programma radiofonico che conducono dal 2017, con lo stesso tema, che è nata l’idea di questo prezioso libro. Sì, prezioso perché ricco di informazioni, di cammei, di excursus storici ottimamente strutturati. Un libro prezioso perché la prosa è fluida, avvincente tanto quanto un giallo, mai pesante, seppur con precisione linguistica. E’ un flusso in piena che ti tiene incollato alla lettura e non fa badare ai refusi che, di tanto in tanto fioriscono simpaticamente. La forza narrativa di Sandman ed Episch Porzioni (rispettiamo i loro, evidenti, alias) dovrebbe essere un monito per i saggisti, anche per poter avvicinare i più giovani alle letture musicali.
Alceste Ayroldi

PAGINE E PREZZO

Pagine 461; euro 19

LUOGO E DATA DI STAMPA

Cornaredo, 2020