Dimitri Grechi Espinoza «Recreatio»

2580

AUTORE

Dimitri Grechi Espinoza

TITOLO DEL DISCO

«Recreatio»

ETICHETTA

Ponderosa

 


 

Secondo capitolo del progetto Oreb dopo «Angel’s Blows», questo lavoro vede Grechi Espinoza cimentarsi ancora con il tenore nel confronto con spazi e volumi architettonici. Nel disco precedente, il Battistero di Pisa; qui il Cisternino di Pian di Rota, presso Livorno, costruzione neoclassica del XIX secolo destinata alla raccolta e depurazione delle acque. Perseguendo un percorso spirituale e oscillando tra tonale e modale, il sassofonista livornese leva la propria voce – si potrebbe azzardare: la propria preghiera – in un’instancabile indagine sonora. La dialettica proficua con gli spazi della struttura gli consente di produrre un suono nitido, puro, ricco di armonici, creando dinamiche contrappuntistiche e impianti polifonici. Per quanto basate sull’iterazione di frasi e cellule, le esecuzioni risultano più fluide e articolate rispetto al lavoro precedente. In particolare, si apprezzano la serena accettazione del rischio, la capacità di controllo del suono e delle dinamiche, la feconda – ancorché spartana – vena melodica. Sebbene possa essere lontanamente associata alla ricerca spazio-temporale di Lacy, all’analisi del retroterra popolare di Surman o al recupero di pagine di musica antica compiuto da Garbarek con lo Hilliard Quartet, l’operazione di Grechi Espinoza vanta la sua unicità nell’identificazione tra canto accorato del tenore e interiorità dell’uomo.

Boddi

[da Musica Jazz, aprile 2018]

 


 

DISTRIBUTORE

IRD

FORMAZIONE

Dimitri Grechi Espinoza.

DATA REGISTRAZIONE