Leszek Kulakowski – Maciej Sikala «Red Ice»

9837

AUTORE

Leszek Kulakowski – Maciej Sikala

TITOLO DEL DISCO

«Red Ice»

ETICHETTA

Soliton Records


Uno degli elementi cardine del jazz è l’empatia, che fa coppia con l’improvvisazione. Il plasmarsi dei suoni, il congiungersi delle idee senza alcuna forzatura. Kulakowski e Sikala sono tutto questo. Un corpo e un’anima musicale senza barriere: tra richiami classici, contemporaneità dei suoni, risonanze di jazz forgiato nell’acciaio della tradizione. Undici brani belli e appassionanti: dalle pieghe crepuscolari e sospese di Raindrops con Kulakowski che tesse impavido le trame e Sikala che dà di fioretto svolazzando di nota in nota, alle architetture più rarefatte, melodiche e pesate di Northern Song. La limpidezza dei brani viene fuori goccia dopo goccia, senza tralasciare alcuna forma, anche l’intensa suite di Bagatella, con la sua frizzante linea melodica. Il periodare di Kulakowski è chiaro, meticoloso, dalle ampie dinamiche e tiene in conto frequenze e intervalli sempre nuovi. Il soprano di Sikala punge e accarezza allo stesso tempo: scolpisce il suono descrivendo paesaggi e soggetti, come nel volo radiale di Birds o nelle ariose note di Red Ice, con Kulakowski che salvaguarda tutto con un tocco delicato nato dal classico. E sempre il pianista polacco ci fa sentire la base metronomica con una grande libertà ritmica in Happy News, con Sikala che fa vibrare l’aria.
L’ondeggiare di sentimenti, fraseggi, melodie rende ancor più gustoso questo lavoro: Morning Frog è un movimento oniricamente tessuto da Kulakowski che fa da trampolino alle scorribande meditate di Sikala. Il lirismo di Septyma chiude un disco di particolare intensità e bellezza.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

soliton.pl

FORMAZIONE

Maciej Sikala (sop.), Leszek Kulakowski (p.)

DATA REGISTRAZIONE

Loc. e data scon.