PARRINI/ŠALAMON/ TRILLA «Eating Poetry»

14824

AUTORE

Parrini/Šalamon/Trilla

TITOLO DEL DISCO

«Eating Poetry»

ETICHETTA

Clean Feed


 

Per entrare nello spirito di queste sette improvvisazioni può tornare utile farsi guidare dalle suggestioni del titolo, non semplicemente perché è un prestito dai versi della poetessa statunitense Kristina Kočan, ma perché l’ascolto qui non differisce da una scorpacciata di poesia vera e propria, tanto è lirico, melo[1]dico, introspettivo, crepuscolare e alla fin fine emozionante il risultato ottenuto dal trio. Formazione assai eterogenea, per nazionalità (un italiano, uno sloveno e un portoghese), non comune come organico, ma omogenea per esperienze e predilezioni, essendo i tre assidui frequentatori della scena improvvisativa internazionale. Musicisti avvezzi, dunque, a elaborare semplici spunti, idee abbozzate, o finanche semplici accenni, e nel loro incontro lo hanno confermato in[1]tendendosi oltre che per esperienze e tecnica anche per sensibilità. Affinità che ha prodotto una sorta di musica da camera che procede per sottrazione, laddove ogni nota risuona in un vasto silenzio e ciascun intreccio sonoro scopre vuoti di grandi dimensioni, agendo in fondo come dei versi, la cui funzione tutto sommato è proprio quella di circondare il nulla. Šalamon alle prese con sei e dodici corde si dimostra impeccabile nel fraseggio e nel prestare sostegno ritmico al valente e discreto Trilla, lasciando a Parrini guizzi solistici, lampi e strappi che scuotono l’atmosfera intesa e quieta al tempo stesso. L’interplay funziona sulla breve durata (la spigolosa No Stains in Life) e su prove più estese. La conclusiva We Can Look From Hearts Into Eyes, ne è saggio esauriente, ricca in apertura di percussioni mini[1]mali e di arpeggi nervosi, sorta di preludio dapprima al malinconico canto del violino e di seguito a una sorta di sminuzzamento dei suoni e alla loro progressiva estinzione. La prova più convincente è però un’altra: Bicycles and Mullberries, arzigogolata conversazione dai toni progressivamente più accesi, a un tratto convulsi, priva di eccessi grazie alla moderazione di Trilla che soffonde una nuvola di suono attorno ai due solisti.
Fucile

DISTRIBUTORE

Goodfellas

FORMAZIONE

Samo Šalamon (chit.), Emanuele Parrini(viol.), Vasco Trilla (batt., perc.).

DATA REGISTRAZIONE

Località scon., maggio 2021.