A Roma il 22 gennaio i Nuovi Talenti del Top Jazz

Canto per Europa è il progetto che Giovanni Guidi, Mariasole De Pascali e Anais Drago porteranno in scena alla Casa del Jazz.

5147

Domenica 22 gennaio occasione unica per ascoltare due Nuovi talenti italiani, vincitrici del Top Jazz 2021 e 2022, il prestigioso concorso della rivista specializzata Musica Jazz.  Mariasole De Pascali, Anais Drago saranno insieme al pianista Giovanni Guidi per presentare “Canto per Europa”, titolo scelto dopo aver letto un bellissimo libro di Paolo Rumiz. In questo concerto ci sarà tutto quello che in quelle parole hanno trovato e tutto quello che ha permesso la nascita di ciò che viene chiamata Europa. Europa era una ragazza che veniva dal mare e dall’oriente, come quelle decine di migliaia di ragazze che ogni anno abbandoniamo. La storia comincia da qui… tutto il resto lo diranno con la musica. Il progetto è una produzione originale del festival ‘Una striscia di terra feconda’ presentato a Caprarola lo scorso 31 luglio 2022.

Mariasole De Pascali

Mariasole De Pascali Flautista e performer attiva nell’ambito delle musiche contemporanee, della scrittura creativa e dell’improvvisazione, collabora con varie formazioni e artisti: con il quartetto Francesco Massaro & Bestiario ha prodotto tre dischi che hanno ottenuto interesse di pubblico e critica. Collabora e ha suonato tra gli tra gli altri con Daniele Roccato, Marco Colonna, Gianni Lenoci, Luigi Ceccarelli, Michele Rabbia, l’Orchestra Nazionale Jazz Giovani Talenti e Paolo Damiani, Admir Shkurtaj, la Fondazione Cantieri Teatrali Koreja, Markus Stockhausen, esibendosi in festival nazionali e internazionali, tra cui Umbria Jazz, Les Rendez-vous de l’Erdre di Nantes (Francia), Teszt- Euroregional Theatre Festival (Romania), Teatro dei Luoghi Fest (Italia, Albania e Kosovo), Una Striscia di Terra Feconda, Angelica Festival Internazionale di Musica, Area Sismica. Realizza progetti transdisciplinari con danzatori, poeti e visual artist.

Anais Drago

Anais Drago è una violinista e improvvisatrice italiana, nata a Biella nel 1993. Vincitrice del Top jazz 2022 (Musica Jazz) nella sezione nuove proposte, si muove tra le sonorità dell’improvvisazione libera, della musica elettroacustica, del jazz, della world music e del pop, collaborando con alcuni tra i più grandi nomi italiani ed internazionali di ognuna di queste categorie. Si è esibita in qualità di leader sui palchi dei più importanti festival jazz d’Italia e ha suonato con artisti di chiara fama tra i quali Enrico Rava, Maria Pia De Vito, Paolo Damiani, Gianni Coscia, Daniele Roccato e molti altri. Innumerevoli le esperienze e le influenze musicali che hanno segnato il percorso accademico e non di Anais Drago, tra le quali troviamo la musica barocca, il folk irlandese, americano, balcanico, il kletzmer, ma anche il minimalismo americano, il progressive-rock e le avanguardie novecentesche. Sperimentatrice del proprio strumento, sia nella natura acustica che in quella elettronica, attinge ispirazione, oltre che dagli esponenti massimi delle musiche a lei affini, dal mondo della danza, del teatro, della letteratura e delle arti visive.

Giovanni Guidi

Nato a Foligno, vicino a Perugia nel 1985, Giovanni Guidi inizia giovanissimo a suonare insieme a Enrico Rava che era rimasto colpito dall’intensità dell’esecuzione del giovane pianista durante i corsi estivi di Siena Jazz. Rava lo invita presto nel suo gruppo Under 21. Già a 17 anni Guidi suona con Rava negli album Tribe e Rava On The Dance Floor pubblicati dall’etichetta ECM. Guidi incide il suo primo album come bandleader a 21 anni per l’etichetta Venus. L’album, dal titolo “Tomorrow Never Knows”, è poi seguito da acclamate registrazioni per l’etichetta Cam Jazz. Nel 2010 Guidi pubblica la sua proposta di debutto per big-band, “The Unknown Rebel Band”, modellata sulle influenze della Liberation Music Orchestra di Charlie Haden, della band Freedom Now Suite di Max Roach e della Carla Bley Big Band. La sua prima registrazione a New York per l’etichetta Cam Jazz ,”We Don’t Live Here Anymore”, arriva nel 2011. Insieme a Guidi, Gianluca Petrella, Gerald Cleaver, Thomas Morgan e Michael Blake.Nel 2013 Guidi firma con la famosa etichetta discografica ECM. Il suo debutto per l’etichetta ECM è un trio insieme a Thomas Morgan e João Lobo, l’album è City of Broken Dreams. Successivamente pubblica altri 3 album come leader prodotti da Manfred Eicher: “Avec Les Temps” (2019) con Morgan e Lobo; “Ida Lupino” (2016) con Petrella, Sclavis, Cleaver; “This is the Day” (2015) con Morgan e Lobo. L’ultimo album di Guidi è un omaggio al sassofonista argentino Gato Barbieri, Ojos de Gato, pubblicato nel 2021 per Cam Jazz. Insieme a Guidi, Gianluca Petrella, James Brandon Lewis, Chat Taylor, Brandon Lopez e Francisco Mela.
Guidi ha vinto numerosi premi tra cui il “TOPJAZZ “ della rivista Musica Jazz e ha suonato sui palchi dei più importanti Festival jazz Internazionali.
https://casadeljazz.com/