Lorenzo Vitolo «Changing Shapes»

6829

AUTORE

Lorenzo Vitolo

TITOLO DEL DISCO

«Changing Shapes»

ETICHETTA

Challenge


Non è facile introiettare i grandi maestri del pianoforte jazz, soprattutto, ma non solo, ed essere carichi di così tanta personalità. Lorenzo Vitolo sa cosa vuole: e lo si capisce, da subito, con la sua matrice autoriale che fa bella mostra in un disco che contiene un solo standard, eseguito con piglio personale peraltro, Blue In Green. L’attacco è quello dei migliori, stordisce per quanto siano abilmente mescolati i due differenti emisferi, per eccellenza, classico e jazz. Unusual Muse ha una struttura da suite, ma con l’ondivaga natura jazzistica in bella mostra. Gli accenti del fraseggio di Vitolo sono quelli del bel tempo, con corpose stratificazioni moderne: lo spirito rapsodico di Vitolo raggiunge altezze vertiginose, con una padronanza di linguaggio – tecnico e musicale – che non si trova a buon mercato. Beyond Desire si esalta l’amalgama – perfetta e solida – del trio; una ballad con sorprese armoniche, pennellata dalle spazzole di Potamianos e dall’impeccabile periodare di Abdalla. Si affaccia alla contemporaneità jazz con Vicinity, ma senza tradire il punto di vista classico, smaltato dalla velocità esecutiva della terna. Da menzionare anche la solidità di Unspoken Words, dove il pianista partenopeo sprigiona un linguaggio da bopper incallito con grappoli di note e una cascata ribollente di arpeggi; grappoli che arrivano anche dai piatti e tamburi di Potamianos. Apart ha l’architettura europea contemporanea, più pensosa, rimarcata dal corposo basso di Abdalla e dai piatti aperti e aerei di Potamianos.
Alceste Ayroldi


DISTRIBUTORE

Ird

FORMAZIONE

Lorenzo Vitolo (p.), Rafael Abdalla (cb.), George Potamianos (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Loc. scon. 28 e 29-6-19.