William Parker «Live/ShapeShifter»

5560

AUTORE

William Parker

TITOLO DEL DISCO

«Live/ShapeShifter»

ETICHETTA

Aum Fidelity


William Parker torna in scena con il suo gruppo In Order To Survive e viene da chiedersi se il free non possa essere ormai considerato una forma di classicità. Nel senso che, come Masaccio, Rimbaud, Webern furono ai loro tempi avanguardia e oggi continuano a emozionarci, così Parker & C. ci propongono una musica che fissò le sue coordinate oltre mezzo secolo fa e che pure, nelle loro mani, è tuttora materia palpitante. Questo splendido doppio album registrato dal vivo a Brooklyn ne è una viva testimonianza. C’è nel quartetto, anzitutto, un’empatia nata dalle costanti frequentazioni. Le idee circolano liberamente ma all’interno di una struttura solida che non disperde le sue energie. Benché divisa in brani, inoltre, la musica è una specie di flusso che porta per mano l’ascoltatore lungo sentieri imprevedibili, con momenti di grande pathos: per esempio il duetto fra Brown e Cooper-Moore in A Situation, quarta parte della suite Eternal Is The Voice Of Love che occupa il primo cd; oppure, nell’altro disco, il denso blues Newark, dedicato a Grachan Moncur III (che del gruppo fece parte nel 1993). Ovunque spicca il desiderio di costruire la performance in libertà eppure non disorientando né aggredendo chi ascolta. Il risultato è, insomma, di quelli che lasciano un segno forte, chiaro, imperdibile nel jazz di oggi.

Piacentino

[da Musica Jazz di dicembre 2019]


DISTRIBUTORE

Goodfellas

FORMAZIONE

Rob Brown (alto), Cooper-Moore (p.), William Parker (cb., shakuhachi, voc.), Hamid Drake (batt.), Dave Sewelson (voc.).

DATA REGISTRAZIONE

New York, ShapeShifter Lab, 14-7-17.