«La storia della disco music», di Andrea Angeli Bufalini, Giovanni Savastano

6421

AUTORE

Andrea Angeli Bufalini, Giovanni Savastano

TITOLO DEL LIBRO

«La storia della disco music»

EDIZIONI

Hoepli


Se si fa eccezione per il precedente lavoro La disco, sempre a firma di Angeli Bufalini e Savastano (anno 2014), mancava un’opera omnia – in lingua italiana – capace di attraversare tutti i meandri, se non infiniti quantomeno numerosissimi, della disco music. Un lavoro ciclopico, anche quello di ordinare secondo lo spazio temporale tutti gli eroi del genere. L’effetto è stordente, perché nelle quasi cinquecento pagine, ben patinate da belle foto, si racchiude buona parte della storia del soul, della storia degli afroamericani, una bella fetta della storia statunitense, quella della comunità LGBTQ, quella dei deejay e dei tantissimi musicisti che si sono apparentati con la disco music. Un effetto stordente, perché la lettura risulta impegnativa: e non per colpa dei saggisti, ma per la miriade di informazioni che sono contenute nel libro. Bufalini e Savastano prestano attenzione anche a delineare il suono della disco e la sua evoluzione: dalle radici piantate da Soul Makossa di Manu Dibango alla black disco Usa, alla disco crossover, passando per i Bee Gees e dintorni e approdando anche nell’Italia dei Fratelli La Bionda e Alan Sorrenti; riservando anche un capitolo alle meteore della disco music. Gli autori si sono dedicati con cura alla ricerca, alle interviste, a un lavoro anche di critica attraverso una serie di recensioni tematiche sugli album più significativi del periodo trattato. Sintetizzare il tutto in un solo volume, forse, rende il libro «aggressivo», fino a sbilanciarne una corretta lettura storica. Di particolare pregio copertina e packaging del tomo. 
Doppia prefazione e postfazione: le prime di competenza di Gloria Gaynor prima, e Amii Stewart poi; le seconde affidate a Mario Biondi e Ivan Cattaneo. Completa il tutto una buona bibliografia, anche se si avverte l’assenza dell’indice dei nomi che, in un’opera così consistente, sarebbe stato una buona bussola.
Alceste Ayroldi

PAGINE E PREZZO

Pagine 479; euro 29,90

LUOGO E DATA DI STAMPA

Milano, 2019