Julia Hülsmann «Sooner And Later»

185

AUTORE

Julia Hülsmann

TITOLO DEL DISCO

«Sooner And Later»

ETICHETTA

ECM


Nata a Bonn nel 1968, Julia Hülsmann non ha mai avuto frequenti occasioni di far parlare di sé, almeno dalle nostre parti. Dopo tre album per la Act nei primi anni Duemila – sempre con un diverso cantante come ospite – questo è tuttavia nientemeno che il sesto per l’etichetta di Manfred Eicher a partire dal 2008, e il suo livello ce lo fa salutare come uno dei più riusciti piano trios ascoltati in questi primi mesi dell’anno. Magari l’approccio in sé e per sé non sarà nuovissimo, ma il come è del tutto apprezzabile, con la sua capacità, in particolare, di stare sopra e intorno al tempo, alonandolo con perizia, pertinenza e assoluto buon gusto.

Degli undici pezzi complessivi, nove si devono alla pianista (cinque) o ai suoi partner (due a testa), mentre uno, Biz Joluktuk, è firmato dal misterioso Rysbay Abdykadyrow, autore circa il quale ci manca onestamente ogni riscontro, e l’altro è All I Need dei Radiohead (da «In Rainbow», 2007). Ovunque si respira un’aria molto accogliente, con trame di estrema raffinatezza condotte con mano abile e grande attenzione alle dinamiche, palleggiate fra atmosfere più soffici e astratte, e altre di maggior tiro, benché comunque di totale leggibilità e consequenzialità, senza asperità di sorta.

Un gran bel ripasso della materia, insomma, in compagnia di un trio coi fiocchi.

Alberto Bazzurro


 

DISTRIBUTORE

Ducale

FORMAZIONE

Julia Hülsmann (p.), Marc Muellbauer (cb.), Heinrich Köbberling (batt.).

DATA REGISTRAZIONE

Oslo, settembre 2016.