JIP on streaming, primo festival nazionale di jazz sul web

Promosso e organizzato da Jazz Italian Platform in occasione della Giornata Internazionale del Jazz.

5401

JIP on streaming è il primo festival nazionale di jazz sul web. A lanciarlo, da oggi, in tempo di quarantena e con la prospettiva di fare a meno dei classici concerti per un lungo tempo, sono otto storiche organizzazioni: Umbria jazz, Jazz Network/Crossroads, Pomigliano jazz, Veneto jazz, Saint Louis college of music, Bologna jazz, Jazz in Sardegna, Visioninmusica, riunite nell’associazione Jazz Italian Platform.
Il festival online è un esperimento che prova a sistematizzare, organizzandolo in una vera rassegna, un fenomeno che si è sviluppato spontaneamente sul web e che, visto il perdurare dell’epidemia, è destinato ad avere rilievo e spazio nei prossimi mesi cercando di sostituire l’attività concertistica che proprio nel periodo estivo ha il suo momento più caldo e intenso. C’è bisogno di tenere in vita il mondo della musica, musicisti e organizzatori: un segnale rivolto sia ai frequentatori e agli ascoltatori dei concerti che alle autorità, perché nel marasma generale si ricordino anche del peso e del valore di questo mondo.

Stefano Bollani
Foto di Valentina Cenni
Markus Stockhausen

Nella rassegna sono stati coinvolti alcuni dei principali protagonisti della nostra musica improvvisata, chiamati a esibirsi nelle prossime settimane dalle piattaforme social dei suddetti festival, secondo un calendario consultabile sulla pagina facebook di JIP. Tutte le performance sono accessibili gratuitamente.
Fra i jazzisti impegnati: Stefano Bollani, Fabrizio Bosso, Mauro Ottolini, Danilo Rea, Javier Girotto, Markus Stockhausen, Gegè Telesforo, Rita Marcotulli, Dado Moroni, David Helbock, Giovanni Guidi, l’Orchestra Napoletana di Jazz, Julian Oliver Mazzariello, Karima, Enrico Pieranunzi, Joe Locke, Rosario Giuliani,  Francesco Nastro,  Fabrizio Sferra, Francesco D’Errico, Michele Rabbia, Gabriele Mirabassi e molti altri. 

David Helbock
ph©Joanna Wizmur
Karima
ph©Massimo Lesina


In particolare inoltre il 30 aprile verrà celebrata la Giornata Internazionale del Jazz con una serie di iniziative speciali organizzate dai soci di JIP: tra gli altri, Umbria jazz offrirà un piano summit che vedrà impegnati sei grandi pianisti, in un sorta di concerto diffuso trasmesso da Radio Monte Carlo e dai social in forma video; Crossroads e Bologna Jazz Festival, in rete con altre realtà dell’Emilia Romagna, presenteranno una maratona dalle 18 alle 23; Saint Louis College of Music impegnerà l’intera giornata con master class, approfondimenti, live music ed improvvisazioni estemporanee, in compagnia di nomi di prestigio.
Tutti i dettagli del festival e degli eventi speciali, sempre aggiornati, sono consultabili nella pagina di JIP: https://www.facebook.com/jazzitalianplatform

Rita Marcotulli
ph©Paolo Soriani

 

Jazz Italian Platform, JIP, è un’associazione che riunisce otto organizzazioni musicali di grande tradizione diffuse sul territorio nazionale. JIP si pone come interlocutore per festival, musicisti, agenzie, case discografiche e istituzioni per la produzione di nuove opere, oltre che per la creazione, realizzazione e diffusione di progetti ad ampio respiro e destinati a sostenere la memoria presente e futura.