«Our Roots». Intervista ai Vein

Ripartono dalle radici i tre musicisti svizzeri: Florian Arbenz, Michael Arbenz e Thomas Lähns. L’album verrà ufficialmente pubblicato il 18 marzo. Anteprima live il 12 marzo al teatro La Fenice di Venezia per la rassegna organizzata da Veneto Jazz. Ne parliamo con Florian Arbenz, batterista del trio.

19359

Partiamo subito dal titolo: «Our Roots». Quali sono le vostre radici?
Io, mio fratello Michael e il bassista Thomas abbiamo tutti radici molto simili: fin da bambini, ascoltavamo musica jazz e penso di poter dire che tutti e 3 amiamo la storia del jazz! Abbiamo anche suonato molto con musicisti come Greg Osby o Dave Liebman che fanno parte della storia del jazz americano. D’altra parte, i miei genitori e il nonno di Thomas erano musicisti classici professionisti, quindi da bambini ascoltavamo anche molti stili classici diversi. Tutti e tre abbiamo studiato musica classica e così abbiamo avuto l’idea di registrare dei brani, dove suoniamo jazz e musica improvvisata che si ispira ad alcune melodie che provengono dai nostri eroi classici.

Ciò significa una ripartenza o un approdo?
Forse entrambi? Per noi è sempre stato importante non solo rappresentare il jazz americano, ma trovare il nostro approccio molto personale a questo tipo di musica. L’idea di “Our Roots” è un modo per seguire questo approccio personale…..

Ho avuto l’impressione che la vostra musica sia diventata più “nervosa”, più acidula. Qualcosa è cambiato, ne sono sicuro…
Questa è una domanda difficile… Forse in questo disco suoniamo meno “jazzy” e meno liberi. Gran parte di questa musica è piuttosto specifica, scritta; le composizioni sono molto chiare e forti e penso che questo potrebbe essere il motivo per cui le improvvisazioni su quei temi diventano più “dense”.

Come e quando è nata l’idea di questo disco?
Questa non è la prima registrazione in cui prendiamo ispirazione dal mondo classico. Abbiamo registrato nel 2017 il Cd «Vein plays Ravel» e nel 2019 abbiamo collaborato con la Swedish Norrbotten Big Band per il nostro lavoro discografico «Symphonic Bop». Ma penso che «Our Roots» sia l’approccio più personale a questo tema, almeno finora!

Mi sembra anche che in questo disco vi sia più musica classica contemporanea rispetto ad altri vostri lavori. Mi sbaglio?
Penso tu abbia ragione! Anche se ci preoccupiamo sempre molto della libertà e dell’improvvisazione, questo disco è meno “jazz” dei nostri precedenti. Cerchiamo di fondere improvvisazione e jazz in melodie, ma anche in forme di musica classica contemporanea.

A quale generazione di musicisti jazz sentite di appartenere?
Questo è molto difficile da dire! Penso che siamo musicisti jazz europei e nel frattempo abbiamo un concetto molto specifico e definito su come suoniamo e improvvisiamo come trio. Ma, poiché è ancora molto raro che i musicisti jazz abbiano un’educazione classica, non credo che apparteniamo davvero a una scena specifica di musicisti. D’altra parte, abbiamo suonato con grandi musicisti americani, con big band e persino con orchestre sinfoniche, quindi il bello della musica è che c’è sempre una comunicazione possibile tra qualsiasi tipo di musicista e stile…

Prosegue la vostra collaborazione con Dave Liebman e Greg Osby?
Il Covid ha reso impossibili tutte le collaborazioni negli ultimi due anni. Quindi, non sappiamo ancora cosa ci riserverà il futuro… Ma ovviamente siamo molto orgogliosi di queste collaborazioni!

A parte i Vein, cosa c’è di interessante nella scena musicale svizzera?
La Svizzera è un paese molto piccolo, ma probabilmente la cosa interessante è che parliamo quattro lingue. Quindi c’è qualcosa di nuovo in ogni parte relativa alla lingua: ad esempio, noi musicisti svizzeri di lingua tedesca collaboriamo molto con musicisti tedeschi / austriaci mentre, ad es., i musicisti svizzeri di lingua francese sono molto legati alla scena francese. Lo stesso con i musicisti svizzeri di lingua italiana. Allo stesso tempo, anche i musicisti jazz svizzeri collaborano tra loro… Quindi c’è un impatto molto grande in questa piccola scena che porta a molti tipi diversi di stili. Penso che la scena svizzera sia molto varia e anche molto interessante!

Quali sono i vostri riferimenti musicali?
Naturalmente rispettiamo e amiamo la storia del jazz! Ma siamo anche musicisti molto curiosi e ci ispiriamo a un sacco di musica e stili diversi. Ma direi che la nostra radice principale è il jazz.

Sono tempi strani. La pandemia di Covid sembra essere finita e già si sentono gli echi degli scenari di guerra. Questi aspetti influenzano la musica secondo te?
È una situazione davvero terribile!! In questo momento non saprei davvero rispondere alla tua domanda, perché siamo ancora terrorizzati dalle notizie. Ma posso dire che abbiamo suonato molte volte in Russia, Ucraina e anche in Bielorussia e ci è sempre piaciuto andare in tutti quei paesi. Quindi la guerra ha decisamente più a che fare con i politici che con le persone che vivono in quei luoghi. Spero che la musica possa aiutare in futuro a costruire ponti e comunicazione.

Cosa è scritto nell’agenda dei Vein?
In questo momento siamo impegnati con l’uscita del disco, che è programmata per il 18 marzo; il 12 saremo al teatro La Fenice di Venezia per la presentazione in anteprima. Nel prossimo maggio avremo un la registrazione di un disco importante insieme a all’Orchestra Sinfonica di Basilea e alla NDR Big Band di Amburgo. Michael sta scrivendo tutta la musica e siamo abbastanza assorbiti da questo.
Alceste Ayroldi