«Brainteaser» Intervista a Tijn Wybenga

Nuovo album per la Modern Orkest fondata dal trentenne compositore e direttore d’orchestra olandese. Ne parliamo con lui.

1070

Vuoi raccontarci come è nata l’Amsterdam Modern Orkest e con quali obiettivi?
Quando mi sono laureato al Conservatorio di Amsterdam, volevo fondare la mia orchestra. Mi piacevano le orchestre esistenti, come la Metropole Orkest, ma cercavo qualcosa di diverso. Cercavo il suono del jazz orchestrale, ma anche l’atmosfera più ruvida della scena jazz “underground” di Amsterdam. C’erano così tante cose interessanti e volevo fondere tutti questi suoni diversi in un’unica band. È così che è nata l'”orchestra fatta di bandleader”. Ho chiesto a tutti i musicisti con band stimolanti di unirsi ad AM.OK! Come il chitarrista jazzpunk Teis Semey, la sassofonista Kika Sprangers, il violista George Dumitriu, il batterista Jamie Peet e così via!

Ho letto una tua dichiarazione sul tuo album «Brainteaser»: “Se dovessi descrivere Brainteaser, il nuovo album degli AM.OK, sarebbe una combinazione di Bitches Brew di Miles Davis e del lavoro di Frank Zappa e J Dilla”. La prima domanda: cosa hai tratto rispettivamente da tutti e tre gli artisti citati?
Miles mi ha ispirato a guardare al bandleading in modo diverso. Durante la realizzazione di «Bitches Brew», Miles ha composto alcune linee guida per i musicisti e li ha lasciati improvvisare in studio. Con alcune piccole indicazioni durante le improvvisazioni ha guidato la band verso il suono che conosciamo dell’album. Questo concetto di dare ai musicisti del materiale liberamente interpretabile è stato molto importante nel processo di realizzazione di «Brainteaser». Ho creato il progetto Brainteaser con alcune regole su cui i musicisti potevano improvvisare, e queste sessioni di improvvisazione sono diventate per me la spina dorsale del processo di composizione. Da bambino ascoltavo molto l’hip hop degli anni Ottanta e Novanta ed ero sempre innamorato di quei suoni. Mi ci è voluto molto tempo prima di scoprire che produttori come J Dilla prendevano campioni di vecchi dischi jazz e soul, come quelli del pianista Ahmad Jamal o di Herbie Hancock. Mi è piaciuta molto l’idea di ‘rubare qualcosa’ e di trasformarlo in qualcosa di completamente nuovo! Perché si usavano gli ingredienti musicali di quel ‘campione’ in modo diverso da come era stato concepito dall’esecutore. Ho usato anche questo campionamento di musica altrui. Ho campionato centinaia di piccoli frammenti di dischi di improvvisazione e ne ho ricostruito nuova musica.
Quando ho finito «Brainteaser» e lo stavo suonando dal vivo, alcune persone sono venute da me e mi hanno detto. “Probabilmente hai ascoltato molto Zappa, vero?”. Ma no, non l’ho fatto. Non prima che la gente mi dicesse questo! E sì, ci sono delle somiglianze nella nostra musica. Credo che abbia a che fare con il fatto che entrambi amiamo fare lavori eclettici. Combiniamo musica classica, jazz, pop, rock e altri stili musicali nella nostra musica. Inoltre, siamo entrambi molto appassionati di ritmi complessi e forme lunghe. Ora sto ascoltando di più Zappa e devo dire che mi piace molto.

Se invece dovessi descriverli paragonandoli a opere letterarie, quali scrittori o opere sarebbero paragonabili?
Bella domanda! Conosci lo scrittore olandese Paul van Ostaijen? Era un poeta modernista fiammingo che faceva poesie grafiche molto musicali. Come Boem Paukenslag. In qualche modo sono sempre stato attratto dal suo lavoro. Se a questo si unisce la fantastica scrittura dei racconti di Stefan Zweig e le basi filosofiche dell’Insostenibile leggerezza dell’essere di Milan Kundera, spero che la mia musica ci si avvicini!

 AM.OK è un collettivo aperto? Chi sono i musicisti che ne fanno parte?
Vedo AM.OK più come una “banda di capibanda”. Ecco tutti i nomi e vi consiglio di ascoltare la loro musica!
Violino – Pablo Rodriguez (North Sea String Quartet)
Viola – Yanna Pelser (Albertine)
Viola – George Dumitriu
Violoncello – Pau Sla
Tromba – Alistair Payne
Trombone – Nabou
Sassofono – Kika Sprangers
Clarinetto basso – Federico Calcagno (Liquid Identities)
Basso – Alessandro Fongaro (Pietre)
Batteria – Jamie Peet
Chitarra – Teis Semey
Vibrafono – Aleksander Sever

Cosa significa il titolo Brainteaser e perché lo hai scelto?
I Brainteaser sono piccoli giochi mentali che si possono fare per allenare il cervello a risolvere problemi in modo creativo. In un certo senso sento che anche la musica può essere un gioco rompicapo. All’inizio potreste non capirla, ma lentamente, lasciando che la musica venga digerita, comincerete a risuonare con essa. Alla fine, potreste sentirvi ispirati, carichi e pieni di energia. Se la nostra musica può far sì che questo accada nelle persone, ne sarei estremamente felice! Ma ho trovato questa parola facendo gli anagrammi di tutte le persone che ho registrato per questo disco. Oltre ai musicisti di AM.OK ho disco il sassofonista Ben van Gelder, Joris Roelofs e Reinier Baas. 3 dei musicisti più stimolanti della scena jazz olandese per me. Se anagrammate Reinier Baas e usate la ‘T’ del mio nome, otterrete Brainteaser!

Da un punto di vista musicale, in «Brainteaser» quanto è dedicato all’improvvisazione e quanto alla musica annotata?
Tutte le composizioni sono basate su improvvisazioni registrate. Quindi, in questo senso, tutto è legato all’improvvisazione. Ma da queste improvvisazioni ho ricreato composizioni che comprendono all’incirca i 2/3 della musica. Ma a volte durante i concerti dal vivo diventa 50/50 quando siamo nella zona giusta. Sul palco sono successe alcune cose brillanti, come una straordinaria improvvisazione di un quartetto d’archi che mi ha ricordato Shining di Stanley Kubrick. Quando succedono queste cose, sono così felice di esibirmi con questa band straordinaria.

 Dove avete registrato questo disco e quanto il luogo ha influenzato il suono finale della musica?
Abbiamo disco nel jazz club BIMHUIS di Amsterdam! Era un momento di grande tranquillità e non c’erano concerti in programma. Così abbiamo potuto registrare lì per un’intera settimana. Il BIMHUIS è un locale incredibile, dove quasi tutti i miei eroi si sono esibiti dal vivo. Per questo è stato ancora più speciale per me poter registrare il disco lì. Il disco ha un’atmosfera “live” grazie al fatto che è stato registrato lì. Nota a margine: tutti noi suonavamo nella sala della posta, tranne il batterista Jamie Peet. Era nello studio al piano di sotto, in modo da poter suonare a pieno ritmo, senza dover temere che il suo modo di suonare si infiltrasse negli altri microfoni.

Qual è il tuo rapporto con l’elettronica e quanto le tecnologie influenzano la tua idea di musica?
In qualche modo sono sempre attratto dall’elettronica in una situazione live. Ma sono anche abbastanza riservato nell’usarla “‘soltanto per usarla’”. Mi piace quando l’elettronica e il live sono in perfetto equilibrio, come se la musica dal vivo e l’elettronica dialogassero tra loro. Se l’elettronica sovrasta la musica dal vivo, credo che gran parte della magia della musica vada persa. Detto questo: il prossimo album, che inizierò a scrivere a breve, avrà molta più elettronica di Brainteaser!

Ho letto la tua biografia: La musica di Wybenga si ispira alla musica classica, hiphop e jazz, fusa con influenze di stili sudafricani, turchi e indiani. Da dove provengono queste tue particolari influenze?
È molto semplice: dalle persone con cui lavoro. Adoro lavorare, ad esempio, con il compositore e chitarrista sudafricano Vuma Levin. Mi ha influenzato molto negli ultimi 9 anni in cui abbiamo lavorato insieme. Il nostro ultimo “bambino” è il suo album «The Past Is Unpredictable, Only Future Is Certain». Un album con il suo quintetto e un’orchestrazione simile a quella di AM.OK. 4 archi e 4 corni.

Ci parleresti di Narcissus’ Fractured Image per clarinetto solo e 7 altoparlanti? Come è nata l’idea e qual è stato il risultato finale?
A proposito di elettronica e musica dal vivo! Si tratta di un grande progetto del clarinettista Jelmer de Moed. Mi ha chiesto se potevo scrivere un pezzo per lui e 7 altoparlanti, ispirato alla composizione Dialogue de l’Ombre Double di Pierre Boulez. Nella mia composizione ho creato una catena di effetti elettronici in cui le note dell’esecutore vengono riflesse attraverso i 7 altoparlanti. Nella catena di effetti le note vengono capovolte, fratturate, allungate, trasposte, ecc. In questo modo il clarinettista dialoga con se stesso!

Quale musica o quali musicisti ti annoiano?
Quando non sono in armonia con la musica che ascolto la spengo e basta, cerco di non perdere troppe energie nel trovare la musica noiosa!

Chi è stato (o sono stati) i tuoi maestri?
Le persone che mi hanno davvero aiutato a plasmare il mio percorso sono il mio insegnante di direzione d’orchestra Lucas Vis, l’arrangiatore/conduttore Jules Buckley e il compositore direttore d’orchestra Martin Fondse.

Quando e come componi? Ci devono essere situazioni particolari per comporre? Hai dei “rituali” particolari?
Il mio processo di composizione è triplice. Per prima cosa devo procurarmi del materiale. Preferisco ispirarmi a ciò che mi circonda direttamente, invece di navigare su Internet. Per Brainteaser, quindi, ho registrato i musicisti che apprezzo molto. Poi è iniziata la composizione ludica. Mi diverto a giocare con il materiale raccolto, senza pensare troppo al risultato finale. Inoltre cerco di non usare troppo l’intelletto. Mi diverto e basta! In questa fase lavoro principalmente con il programma di produzione Ableton nel mio piccolo studio. Non sono il tipo di persona che trova subito l’ispirazione. Devo prendere un caffè, sedermi nel mio studio e suonare.
Poi, una volta finito di suonare, concludo il processo di composizione mettendomi il cappello da ‘compositore’. Poi penso alla forma, all’orchestrazione, ai contrappunti, ecc.
Alceste Ayroldi