«Projekt Drums vol. 1». Intervista a Petter Eldh

Il poliedrico musicista, compositore e producer svedese licenzia, con l’Edition Records, il primo volume di questo innovativo e interessante progetto. Ne parliamo con lui.

17416
Petter Eldh Foto di Dave Stapleton

Ciao Petter, grazie per il tuo tempo. Potresti dirmi perché sei ossessionato dai tamburi?
E’ un piacere! I tamburi sono la base di tutto. Sono ossessionato dai ritmi e il modo migliore per interiorizzare i ritmi è passare del tempo con la batteria o i batteristi.

Scusami, ma perché non hai suonato la batteria?
Suono la batteria, ma non sono un batterista molto bravo. In realtà, suono la batteria in alcuni brani di «Koma Saxo».

Comunque, come è nata l’idea di «Projekt Drums vol. 1»?
Era un’idea che fermentava da un po’ di tempo ormai. La registrazione con Richard Spaven risale al 2017, quindi ho giocato con l’idea di fare questo disco sin da allora.

Qual è stato il tuo ruolo principale in questo disco?
Direi che il mio ruolo principale è quello di compositore e produttore. Ma anche il sound design ne fa parte.

Perché hai scelto proprio Savannah Harris, Eric Harland, Richard Spaven, Nate Wood, Gard Nilssen, James Maddren?
I batteristi dell’album sono tra i miei preferiti in assoluto ed è una benedizione averli lì!

E comunque, hai anche chiamato a suonare differenti musicisti per ogni singolo brano.
Solo perché amo collaborare con molti musicisti diversi per ottenere molti input diversi. Tutti quelli che suonano in questa registrazione sono musicisti fantastici e molto stimolanti.

C’è un sacco di musica in questo disco. Tanti riferimenti musicali: dalla musica brasiliana al prog-rock al funk all’R&B. In breve, un disco jazz da danzare. Era questo il tuo obiettivo principale?
Mi piacerebbe vedere la gente ballare su questo disco! È sicuramente un record su cui puoi sbattere la testa. È essenzialmente musica beat elaborata.

Anche la copertina è bella, grazie alla collaborazione con Jake Dubber.
La copertina per me rappresenta un’altra realtà di sorta. È un territorio inesplorato per me in una certa misura. Quindi rappresenta anche il concetto di esplorazione.

Come sta andando la collaborazione con l’Edition Records?
Sono stati di grande supporto durante l’intero processo ed è una bellissima collaborazione!

Petter Eldh
Foto di Dave Stapleton

Certo che, visto il nutrito gruppo di musicisti, sarà un problema portare questo progetto dal vivo. Hai già pensato a una soluzione alternativa?
Spero di fare alcuni concerti nel 2022. A questo punto non sono esattamente sicuro di quale sarà la line-up.

Tu sei un bassista, nonché pianista e tastierista nonché producer. Quali sono i doveri di un producer?
In qualità di produttore di un disco come questo, si tratta molto di orchestrazione e arrangiamento. Accordando anche i suoni per ogni strumento per ottenere la giusta miscela. Ma come produttore cambio costantemente e aggiungo e sottraggo elementi. Il mio studio è il mio parco giochi.

Petter, ti senti un jazzista?
Non sono sicuro di sapere cosa sia un jazzista.

Molti jazzofili ritengono che l’elettronica non abbia nulla a che fare con il jazz. Cosa ne pensi?
Penso che questa gente dovrebbe capire che l’elettronica fa parte del jazz da oltre sessant’anni.

Ci parleresti del tuo progetto Koma Saxo?
È la mia band in cui esploro l’idea di un gruppo che non rimane nello stesso posto troppo a lungo, musicalmente parlando. Sto cercando di aggiungere costantemente nuovo materiale per spingerci assiduamente in nuovi territori: tre sassofoni, batteria e basso. La flessibilità è enorme.

Petter, dal punto di vista artistico la situazione creata dal COVID-19 ha insegnato qualcosa?
Ho passato molto tempo nel mio studio durante il lockdown e quello era il mio modo di affrontare la situazione, facendo musica da solo e facendo musica con molti nuovi collaboratori. Tutti hanno avuto tempo. È stato davvero incredibile! Voglio sottolineare l’importanza della collaborazione con gli altri. È lì che risiede il potere di cambiare.

Petter Eldh (PetterMirror)
Foto di Dave Stapleton

A proposito di collaborare, tu hai avuto (e hai tutt’ora) numerose collaborazioni. C’è qualcuna che consideri più significativa rispetto alle altre?
La mia collaborazione con Otis Sandsjö è una delle più importanti. Tra gli altri musicisti da menzionare sicuramente Django Bates e Christian Lillinger.

Chi è il tuo scrittore di riferimento?
Adoro W.G Sebald.

Qual è il tuo rapporto con il suono?
Il suono è estremamente importante. Sto facendo molte registrazioni sul campo, fa sempre parte della trama della mia musica.

Qual è il tuo obiettivo artistico?
Continuare a collaborare con musicisti straordinari.

Cosa è scritto nell’agenda di Petter Eldh?
Il Volume n.2 di Projekt Drums!
Alceste Ayroldi