Crossing Life Lines. Intervista a Mulo Francel

Intervista all’originalissimo sassofonista tedesco, entusiasta fautore dell’incontro tra più culture possibili.

12257
Mulo Francel Foto di Annette Hempfling

Il bookelt del disco descrive in modo molto accurato la genesi del tuo disco. E‘ particolarmente significativo il tuo obiettivo primario di voler rappresentare il sentimento di pace durante la seconda guerra mondiale. Però, non ho compreso bene come, da una piacevole serata tra amici, si sia sviluppata questa tua idea.
Questo aspetto richiede qualche parola in più. Alcuni mesi fa ero stato in tour con la mia band Quadro Nuevo nella Repubblica Ceca e in Polonia. Siamo arrivati fino a Przemysl, nell’estremo est, per un grande festival della fisarmonica con un pubblico sincero e partecipativo. L’ultima sera abbiamo suonato a Gliwice. Jakub, il giovane organizzatore del concerto, ci ha poi invitato in un ristorante in campagna dove suo fratello ha cucinato meravigliosamente. Abbiamo parlato fino a tardi e abbiamo cercato di tradurci barzellette l’uno per l’altro. Il brandy fatto in casa dal padre di Jakub ha fatto il resto. Al termine della serata tornai in albergoe, continuando a ridere, caddi sul letto e pensavo di addormentarmi subito. In realta, comincia a girarmi e rigirarmi, da una parte all’altra. Le emozioni di questo viaggio non mi hanno lasciato pace e, anzi, hanno generato una domanda cruciale: come affrontare la sofferenza causata dalla generazione dei nostri nonni? I miei due nonni hanno agito come soldati nella seconda guerra mondiale. Affronto questa sofferenza, oppure chiedo scusa? La fine della seconda guerra mondiale risale a più di settancinque anni fa. L’occupazione, l’internamento, gli stupri e le uccisioni di massa, l’espulsione dalla patria: è tutto finito. Almeno nell’Europa centrale e nei paesi confinanti dell’Europa orientale. In quella notte è nata l’idea dell’album «Crossing Life Lines».

Successivamente all’idea, come hai agito? Ti sei documentato, hai fatto ricerche?
Stavo cercando musicisti eccellenti che capissero la mia preoccupazione; che, per la loro biografia, avessero il senso di superare i confini e costruire ponti riconcilianti tra i popoli. Come la vibrafonista polacca Izabella Effenberg, che vive a Norimberga, o il chitarrista viennese Diknu Schneeberger, che ha radici jenish e sinti. Persone il cui Dna familiare porta storicamente influenze slave e germaniche, tedesco-boeme e ceco-boeme, sudeti tedeschi e ungheresi-austriache, ebraiche e cristiane. La nostra musica è un messaggio: trasmettiamo la nostra conoscenza del valore inestimabile della pace come una fiaccola splendente celebrando i nostri incontri con rispetto e apprezzamento.

A parte i brani da te composti e quelli originali presenti nel disco, come hai selezionato le composizioni da arrangiare? Hai seguito un criterio?
Ciascuna delle canzoni dovrebbe essere forte e personalmente collegata alle radici familiari dei musicisti. Volevo che ognuno degli undici artisti portasse in questo progetto le sue idee, arrangiamenti, improvvisazioni.

Perché hai scelto Lover Man, con particolare riferimento all’interpretazione di Billie Holiday?
La grande cantante Billie Holiday registrò questa canzone nel 1944, ma fu pubblicata nel 1945. Le parole essenziali dell’originale sono: Lover man, oh where can you be? Lo cantato per milioni di donne, una protesta che arrivava direttamente dal loro cuore. Milioni di donne, che hanno perso i loro uomini, fratelli o figli sui campi di guerra. Ho una relazione molto emotiva con questa melodia.

Tra le tue composizioni c’è un blues dedicato a X. Moll: chi è?
Nel libretto c’è una storia molto lunga su un trombettista ai tempi del primo jazz. Il suo nome è X. Moll. Una descrizione di un tipico stereotipo della vita dei musicisti jazz, che si perde in alcol eccessivo, musica eccessiva, circostanze difficili. Questa persona ha – in pochissimi istanti – l’idea di avere una vita normale: moglie, tre figli, una bella casa nella parte tranquilla della città. Ho dedicato questa composizione ad un caro amico.

Hai dedicato anche un largo spazio ai ghetti. Perché non hai inteso anche trattare dei campi di concentramento?
Bella domanda. Forse avremmo dovuto farlo, ma avevamo già molto materiale di natura personale. Una volta, in un mio precedente album («Bethlehem», con i Quadro Nuevo) ho registrato la canzone Shtil, di Nakht is oysgesternt dell’ebreo polacco Hirsh Glick, morto nel 1944 all’età di ventidue anni, dopo essere scappato dal ghetto.

Mulo Francel

Immagino che sarà difficile avere la stessa formazione presente nell’album anche dal vivo. Hai già pensato a una soluzione alternativa?
Suoneremo alcuni concerti in un ensemble più piccolo. In ogni concerto presenteremo l’idea e alcuni brani dell’album. Ciò anche se suonassi con la mia band principale Quadro Nuevo o con un quartetto chiamato Mulo Francel & Friends, che include David Gazarov (piano), Sven Faller (basso) e Robert Kainar (batteria). Tutti i concerti possono essere trovati su: mulofrancel.de

Il tuo lavoro rispetta i risultati che ti eri prefisso?
Sì. Mi piace soprattutto ciò che è uscito dalla versione swing di Ada´s Song, che è dedicata a mia nonna Ada Hrubesch e Blues in X Moll, che è composta per questo album. Tuttavia, i miei amici hanno suonato in modo meraviglioso su tutte le tracce.

La ricerca svolta per la realizzazione di questo album ti ha cambiato?
Durante il processo di realizzazione abbiamo avuto modo di discutere a lungo di temi storici e, quindi, di valutarli. Sicuramente mi ha arricchito.

Dal punto di visto socio-politico-culturale, pensi che l’umanità abbia imparato la lezione che la seconda guerra mondiale ha impartito?
Ogni guerra ha avuto un impatto enorme sulle società. Il risultato era spesso un forte desiderio di pace. Negli anni dopo la seconda guerra mondiale, i paesi europei cercarono davvero di andare d’accordo tra loro, pacificamente. Un esempio: mi ricordo di quando ero bambino negli anni Settanta c’erano molte città-partnership tra Francia, Germania, Italia. Scambi di studenti, si celebrava un nuovo tipo di amicizia, concentrandosi più sulle somiglianze che sulle differenze. Dopo la caduta della cortina di ferro tra Ovest ed Est ci fu un nuovo sviluppo di imminente clamore. Spero che tutto ciò vada avanti. La mia speranza è anche che le generazioni più giovani non dimentichino quanto siano esistenzialmente distruttive le guerre. E quanto sia preziosa la pace!

Mulo Francel

Norman Mailer disse: «L’arte è la battaglia del popolo». Sei d’accordo con questo aforisma?
Probabilmente questa è la sua visione. Io direi: l’arte è un mondo parallelo alla realtà.

Parliamo degli altri tuoi progetti: Quadro Nuevo, Tango Lyrico and Mythos. Qual è la situazione?
Tango Lyrico è un duo per arpa e sassofono, ma, al momento, non è in attività. Mythos è un progetto in duo e un album con l’affascinante pianista Chris Gall. Durante un viaggio attraverso il Mar Egeo greco, fu risolta la dura scalata di Kerkis, la montagna più alta dell’isola di Samos. Da lassù avevano una vista sull’isola di Ikaria e più a sud sull’arcipelago di Fourni. Nel mezzo, sotto il sole scintillante del sud, si trova l’Ikario Pelago, il mare di Icaro, come è stato chiamato dai greci fin dall’antichità. Qui si dice che Icaro sia caduto in acqua, durante la sua fuga verso la libertà. Da questa impressione è nata la canzone Ikarus ‘Dream e l’idea per l’album «Mythos». Il tema centrale che trasporta il nostro album ha in sé molta ispirazione. Ma, ovviamente, anche il pericolo del pathos, di cui non abbiamo paura. Inoltre, la nostra gioia di scambiarci musicalmente le idee crea un felice equilibrio. Quadro Nuevo è il mio ensemble principale. Abbiamo appena fatto un tour in Italia e siamo molto contenti di avere diversi concerti in autunno. In questo tour presenteremo il nostro nuovo album «Mare».

I tuoi gruppi sono molto differenti con riguardo al numero dei musicisti che li compongono. C’è un tipo di combo che tu preferisci?
No, la diversità e la diversificazione è una cosa meravigliosa.

Quando hai deciso che la musica sarebbe diventata la tua professione?
All’incirca avevo ventidue anni ed ero in viaggio da mesi in America Latina.

Come è il tuo stile oggi, rispetto al passato?
Non è facile analizzare sé stessi. Ma, per quanto posso giudicare, ora ho un’articolazione più allenata rispetto al passato. Ho lavorato con molti musicisti del mondo culturale arabo, specialmente con gli egiziani nel nostro album «Quadro Nuevo & Cairo Steps: Flying Carpet» e ciò ha reso il mio sax e il mio clarinetto un po’ più orientali.

Quanto è importante il tuo strumento nel tuo viaggio creativo?
Ti faccio una domanda: quanto è importante la persona che ami nella tua vita quotidiana?

Mulo Francel

Qual è il miglior consiglio che hai ricevuto?
Non è stato un consiglio speciale. Ma è stata mia moglie Julie. Ha sempre creduto in me come artista. Lei è una scrittrice e ci diamo a vicenda centinaia di consigli.

Tu vivi in Germania. Come è la situazione musicale da quelle parti?
È molto chiaro che la musica non è molto rilevante dal punto di vista economico. E‘ bello da aversi e da ascoltarsi, ma non è necessaria. Ciò rende tutto più difficile per la scena musicale, i promotori di concerti, i jazz club e noi musicisti.

Che musica ascolti abitualmente?
A essere onesto: 70 % jazz: da Stan Getz, Wes Montgomery a Kamashi Washington; 20 % etnica: musica greca, araba, iraniana, latina; 10 % classica: Bach, Caccini, Händel.

Come hai vissuto – e stai vivendo – la situazione causata nel mondo dal virus Covid-19?
Ero e sono occupato con la mia musica per tutto l’intera giornata. Prima del Covid-19 suonavo cinque sere a settimana. Ora suono un concerto a settimana. Ma va bene così, bisogna essere ottimisti, creativi e flessibili.

Quali sono i tuoi programmi futuri?
Andare avanti, seguire il percorso intrapreso, ma trovare anche degli svincoli in uscita. E vedere come va.
Alceste Ayroldi

Intervista pubblicata su Musica Jazz di novembre 2020