«Goodbye, Hotel Arkada». Intervista a Mary Lattimore

«Goodbye, Hotel Arkada» è il nuovo album dell’arpista e compositrice statunitense, che vede la partecipazione di Rachel Goswell degli Slowdive, Meg Baird e l’ex batterista dei Cure Lol Tolhurst, nonché Meg Baird e Walt McClements.

1949

Parlando del tuo ultimo album «Goodbye, Hotel Arkada», la prima domanda è: L’Hotel Arkada esiste davvero? Dove si trova? E cosa significa per te?
Sì, l’Hotel Arkada esiste davvero e si trova a Stari Grad, in Croazia, sull’isola di Hvar. È un hotel resort sul mare e, quando l’ho visitato, mi è sembrato davvero interessante dal punto di vista architettonico. Il mio amico che vive lì mi ha detto: “Saluta l’Hotel Arkada, potrebbe non esserci la prossima volta che verrai qui”. Questo disco non parla di questo hotel in particolare, ma piuttosto di riconoscere che il cambiamento sta arrivando, nel bene e nel male. Si tratta di imbottigliare un sentimento prima che il tempo e le circostanze lo trasformino in qualcos’altro. Si tratta di un lutto anticipato, ma anche di essere aperti all’idea che la novità può davvero ravvivare e arricchire la vostra vita. Entrambe le cose possono essere preziose: il lutto per la situazione o il luogo amato e l’accoglienza di una nuova prospettiva.

Il lavoro per questo disco è durato due anni. Perché tutto questo tempo?
Non mi sentivo molto ispirata durante la pandemia e non volevo pubblicare qualcosa solo per farlo. Avevo bisogno di fare più esperienze nel mondo per sentire le canzoni e costruirle. Volevo anche trovare la giusta combinazione di amici-ospiti con cui lavorare.

Mary, quindi possiamo parlare di un concept-album?
Hmm ok!

Un album la cui genesi ha richiesto due anni, abbiamo detto. Come hai proceduto alla sua composizione?
Queste canzoni sono state costruite in situazioni specifiche. Ho realizzato Arrivederci dopo essere stato licenziato da un lavoro. Ho scritto Blender in a Blender qualche anno fa, quando Roy Montgomery e io ci scambiavamo le canzoni mentre facevo una residenza per artisti in un allevamento di bestiame nel Wyoming. Yesterday’s Parties è stata scritta a Bruxelles durante una mini residenza per artisti in un club. Tutte hanno le loro piccole storie.

Nell’introduzione leggiamo queste tue parole: “Quando penso a queste canzoni, penso ai fiori sbiaditi nei vasi, alle candele sciolte, all’invecchiare, all’essere in tournée e al fatto che le cose cambiano mentre sei via, al non rendersi conto di quanto siano effimere le esperienze fino a quando non accadono più, alla paura per un pianeta che stiamo perdendo a causa dell’avidità, a un’ode all’arte e alla musica che hanno davvero plasmato la tua vita e che possono trasportarti indietro nel tempo, al desiderio di mantenere la sensibilità e di non sprofondare in un vuoto sconforto”. C’è molta malinconia, persino tristezza. La musica può salvarci da tutto questo?
Non credo che abbiamo bisogno della musica per salvarci dalla tristezza. È la nostra condizione umana che ci avvicina alla tristezza e la musica ci aiuta a indorarla e a trasformarla in qualcosa di più bello. La musica esalta i sentimenti e aiuta ad attingervi, sia per l’ascoltatore che per la persona che la produce. Si è in grado di entrare nell’emozione e quindi di avere un po’ più di controllo sul suo effetto, almeno secondo me. Ma non è solo la musica, è come ogni forma d’arte, sia essa pittura, poesia, suono o danza. Usiamo l’arte umana per aiutarci a elaborare le parti più oscure del mondo che ci circonda, non per ignorare l’esistenza delle cose difficili. Grazie al cielo abbiamo questi sbocchi, la luce e il buio con cui lavorare.

Paura per il pianeta… Una guerra ingiusta, non credi? Pensi che all’uomo interessi davvero salvare il Pianeta?
Sicuramente sì. Penso che molte persone eccezionali stiano prendendo atto di queste pratiche distruttive delle multinazionali, dei ricchi egoisti e delle forze violente e insensate e stiano cercando di cambiare le cose e di farci progredire in una direzione coscienziosa. Penso che ciò che queste corporazioni e altri distruttori del mondo vogliono è che ci arrendiamo, rinunciamo alla speranza, che ci sentiamo totalmente impotenti e nichilisti e ci raffreddiamo, o che vediamo noi stessi e le nostre famiglie come più importanti di quelle degli altri. Penso che stiano accadendo cose brutte e irreversibili, ma dobbiamo anche evitare di lasciarci sopraffare dall’apatia e credere in qualcosa di meglio di questo momento.

Parliamo dei musicisti che sono con te in questo disco? Chi sono e qual è stato il loro contributo nella fase concettuale?
Meg Baird (voce) e Walt McClements (fisarmonica) sono presenti nella prima canzone e ho dato loro indicazioni piuttosto libere, Meg più di Walt. Mi piace quello che hanno fatto e sono entrambi maestri in quello che fanno. Lol Tolhurst, membro fondatore dei Cure, ha aggiunto alcuni synth ad Arrivederci: che onore! Blender in a Blender ci sono io e la leggenda della chitarra NZ Roy Montgomery. Eravamo amici di penna e ci siamo scambiati i brani. Yesterday’s Parties ha Samara Lubelski al violino e Rachel Goswell degli Slowdive. Non ho dato quasi nessuna indicazione a nessuno e ho apprezzato molto quello che hanno fatto.

Anche la copertina dell’album, disegnata da Becky Suss, è molto bella. Perché hai scelto questo tema e questo artista?
Ho il privilegio di conoscere Becky da molto tempo e mi ha permesso di usare i suoi dipinti per le copertine dei miei dischi! Un altro splendido dipinto di Becky. I nostri stili sono molto simili e questi dipinti sono quasi a grandezza naturale, così grandi da poterci entrare dentro. I suoi dettagli sono mozzafiato.

Ora, con l’album già pubblicato, avresti aggiunto, rimosso o cambiato qualcosa?
Non credo! Sono abbastanza soddisfatta!

So che preferisci esibirti dal vivo e viaggiare, piuttosto che stare in studio.
Mi piace stare in studio e vedere tutte le parti che si uniscono e sentire l’elettricità della collaborazione, ma mi piace di più viaggiare e vedere nuove parti del mondo. Amo i rituali dei tour. Mi piace incontrare le persone, stare negli alberghi e suonare per tutti, fare un lungo viaggio in macchina e trovarmi nel mezzo di una città di cui non parlo la lingua. Credo che faccia davvero bene al cervello.

Mary, quando e perché hai deciso che il tuo strumento musicale sarebbe stato l’arpa?
Mia madre suona l’arpa e quando avevo undici anni mi disse che era arrivato il momento di imparare. All’inizio ho faticato perché non mi piaceva esercitarmi, ma quando ho iniziato a migliorare ho iniziato a sentirlo più mio.

Qual è il tuo rapporto con lo strumento?
L’arpa mi è molto cara e la sento come un’estensione del mio corpo. Possiedo due arpe, una in California dove vivo e una a Bruxelles per poterla portare in tournée in Europa. Quella americana è con me da quando ero bambina e ho tanti ricordi con essa. Quella europea l’ho comprata con i miei soldi e sono molto orgoglioso di essere riuscita a pagarla e a gestire la logistica per avere un’arpa lì. È un amica più giovane, ma abbiamo già avuto molte avventure.

Se guardiamo la tua pagina di Wikipedia, alla voce genere musicale troviamo “Sperimentale”. Sei d’accordo con questa definizione?
Non lo so. Amo improvvisare, ma conosco anche arpisti che sono molto più sperimentali di me, ma mi piace la libertà che questo genere consente. Posso fare tutto quello che voglio con questo strumento, ovunque mi porti l’umore. A volte la gente mi dice che le mie canzoni sono come quelle folk, semplici melodie ripetute più volte. A volte la struttura è più poppeggiante e a volte mi piace fare rumore, prendere strutture e fare rumore e vedere cosa succede. Secondo me, non ha molta importanza come la chiami.

Qual è il tuo rapporto con la politica, in generale?
Sono piuttosto a sinistra.

Qual è il tuo rapporto con la musica jazz?
Amo il jazz. Gli arpisti jazz sono stati e continuano ad essere forze ispiratrici del nostro strumento. Penso che vedere il jazz suonato dal vivo e sentire la connessione che esiste nella stanza tra i musicisti e tra i musicisti, la serata, il luogo e il pubblico sia davvero emozionante.

La tua musica è così figurativa che crea immediatamente delle immagini. È già stata utilizzata in colonne sonore?
Grazie! Finora ho composto colonne sonore per diversi film, due dei quali saranno presentati in anteprima a ottobre! This is Brighton è un documentario diretto da Beth Aala e parla di una fenomenale skateboarder adolescente che è arrivata alle Olimpiadi, Brighton Zeuner. L’altro è un documentario su un gruppo spirituale chiamato Unarius Academy of Science, Welcome Space Brothers, diretto da Jodi Wille. Ha un sacco di arpa e di sintetizzatori scintillanti. È davvero divertente lavorare sulle partiture e scavare nella storia e nelle immagini.

Quali collaborazioni ti hanno soddisfatto di più?
Ho imparato molto dalle mie prime collaborazioni quando vivevo a Philadelphia: suonare nei dischi di Kurt Vile, improvvisare con Fursaxa e Helena Espvall, far parte di una mini orchestra di dodici persone che componeva una colonna sonora alternativa per il film Valerie and Her Week of Wonders, suonare e andare in tournée con la mia grande amica Meg Baird e scrivere un disco con lei, improvvisare con Bill Nace, Samara Lubelski e Thurston Moore, suonare synth e arpa con Jeff Zeigler. Sono state esperienze molto formative e le tengo strette.

Qual è lo scenario naturale, il paesaggio, che preferisci quando decidi di comporre?
Sono molto attratta dal mare. Amo l’acqua e sento che l’acqua e il suono dell’arpa sono simili, insieme ai colori e alle trame. Vorrei sempre vivere non troppo lontano dall’oceano.

Chi sono i tuoi musicisti/influenze preferiti di sempre?
I miei due musicisti preferiti sono Brian Eno e The Cure, che ho amato per la maggior parte della mia vita!

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Andrò in tournée per un po’ negli Stati Uniti e in Australia/Nuova Zelanda. Tornerò in Europa e nel Regno Unito quest’anno e non vedo l’ora. Mi piacerebbe trascorrere più tempo in Italia e lasciarmi ispirare dal vostro incantevole Paese.
Alceste Ayroldi