Listening To You. Intervista a Judy Niemack

La cantante di Pasadena, ormai domiciliata in Europa da venticinque anni, è sulla scena dalla fine degli anni Settanta e porta avanti gli insegnamenti di grandi sassofonisti come Gary Foster, Warne Marsh e Lee Konitz (con i quali ha a lungo studiato e lavorato).

12221

Signora Niemack, se è d’accordo inizierei dal suo ultimo album «Listening To You». Perché ha ritenuto che la canzone omonima fosse la più rappresentativa tanto da essere il titolo dell’album?
Sono diversi i motivi per cui Listening To You è il titolo dell’album. Il successo di questo duo, visto che io e Dan Tepfer abbiamo assunto i consueti ruoli di cantante e pianista, dipende dall’ascolto mirato e dalla risposta reciproca. Gli arrangiamenti sono avvenuti spontaneamente, in un’atmosfera rinforzata dal caso. Listening To You era originariamente una composizione strumentale chiamata Thingin’, scritta da Lee Konitz. Sebbene sia ben riconoscibile che si basi sugli accordi di All the Things You Are, è modulata su un’altra tonalità al bridge; quindi è familiare, ma allo stesso tempo inaspettato, come la musica di Lee.

In questo caso, ha scritto i testi per la musica di Lee Konitz. Ha seguito un particolare criterio nel comporre i testi?
Lee mi ha chiesto di scrivere il testo, perché pensava che sarebbe stata una grande canzone, ma non ha richiesto alcun tema, quindi ero libera di fare come credevo. Ha avuto una grande influenza sulla mia musica, da quando sono stata presentata a lui, nel 1978, da Warne Marsh, e siamo diventati amici. Mi sono esibita con lui in vari concerti nel corso degli anni, e Dan Tepfer è stato il partner del duo di Lee per diversi anni, quindi ho deciso di dedicare la registrazione a Lee.

Un disco pianoforte e voce è sicuramente una sfida. Era qualcosa che aveva in mente da tempo?
Quando canti con pianisti che sanno davvero come accompagnare i cantanti, è facile. Ho registrato duetti pianoforte e voce con Kenny Barron, Fred Hersch, Kenny Werner e Mal Waldron: tutti ottimi accompagnatori. Ma cantare con Dan è un’altra cosa. Questa registrazione era forse meno familiare rispetto ad altre, ma più intima; due improvvisatori altrettanto forti che hanno una conversazione musicale. Questa era la sfida.

You’ve Taken Things Too Far è un brano composto da lei. Un brano che tiene a mente la tradizione jazzistica nella sua interezza. Quali sono state le fonti della sua ispirazione?
L’ispirazione è stata la fine di una storia d’amore e vedere la mia parte in essa. Sebbene dolorose, le conclusioni possono fornire un momento per la riflessione, l’autoesame e una nuova consapevolezza. In questa canzone, l’amore romantico è finito, entrambi hanno commesso degli errori e la lezione appresa è che il vero amore può accadere qui sulla terra, quando accettiamo la realtà. Musicalmente, è suddiviso in tre sezioni, che portano in un viaggio attraverso mondi armonici.

Troviamo anche Epistrophy di Monk, con il suo scat, le vocalizzazione e omofonie.
Amo la musica di Monk e in effetti ho registrato molte delle sue canzoni. Ho scritto i testi di Misterioso che ho chiamato A Crazy Song To Sing. Mi piacciono le sue canzoni con le parole, ma amo ancora di più Epistrophy che è senza. Il groove politmico è divertente da suonare e la melodia spigolosa ha molto carattere.

Si è lasciata andare all’improvvisazione o aveva già in mente questo tipo di esecuzione?
Sì, posso farlo comodamente perché ho improvvisato su questa canzone per oltre quarant’anni. Conosco la melodia, gli accordi ei ritmi, quindi posso ballare intorno alla struttura come un suonatore di fiati. Se non ti lasci andare, non c’è magia nell’improvvisazione e ho sentito che c’era sicuramente magia su quella traccia.

Fanno bella mostra, poi, altri due standard: Body & Soul e All The Things You Are. Secondo lei, quanto è importante la tradizione nel jazz?
Insegno improvvisazione jazz dagli anni Ottanta e dirigo il dipartimento di jazz vocale a Berlino dal 1995. Inizio sempre con il repertorio tradizionale, per poi passare al jazz contemporaneo. L’apprendimento approfondito degli standard, incluso il grande American Songbook, e la comprensione delle tradizioni musicali del jazz e del linguaggio jazz sono essenziali per sviluppare il proprio stile. Queste due canzoni sono le mie preferite e, poiché sono così famose, è stato divertente trovare nuovi modi per interpretarle.

Parliamo del suo compagno di viaggio, Dan Tepfer. Perché ha voluto proprio lui al suo fianco per questo progetto?
Dan è un giovane brillante e un musicista straordinario. Il modo di suonare di Dan riflette le molte forme di musica in cui è stato coinvolto: dalla classica al jazz alla nuova musica, e lo trovo di grande ispirazione. Non un semplice accompagnatore, che sottolinea i testi e pone la voce in primo piano, qui il pianista funziona come una voce alla pari. Non trovi i tradizionali supporti degli accordi sotto la voce, ma spesso una trama contro-ritmica e contrastante che invita a una nuova interpretazione. Volevo essere spinta fuori dalla mia zona di comfort, sentire come se ogni canzone fosse nuova. Con Dan questo succede.

Signora Niemack, quando è iniziato il suo amore per la musica?
Ho iniziato a cantare da bambina e ho sempre saputo quale sarebbe stata la mia strada: sarei diventata una cantante. Nel corso degli anni, ho cantato tutti i tipi di musica, principalmente classica e jazz dall’età di diciassette anni, e ho scelto di concentrarmi sul jazz dopo gli anni del college e del conservatorio. Ho avuto la fortuna di riuscire a guadagnarmi da vivere con la musica per la maggior parte della mia vita.

C’è stato un maestro, un mentore nella sua vita?
Ho avuto la fortuna di avere due mentori: Lino Puccinelli, che è stato il mio insegnante di canto classico a Pasadena, e il grande sassofonista tenore Warne Marsh, con il quale ho studiato improvvisazione, sempre a Pasadena.

Lei è anche un’insegnante di canto. Cosa chiede, soprattutto, ai suoi studenti?
Chiedo che si dedichino a diventare grandi vocalist-musicisti. A partire dallo sviluppo delle loro voci e della tecnica, oltre al repertorio e all’improvvisazione. Naturalmente, a livello di università o di conservatorio che si presume, gli studenti sono dotati e il Jazz Institut Berlin, dove ho insegnato per venticinque anni, è uno dei posti migliori al mondo per imparare. Nei workshop e nell’insegnamento privato, sono anche una fanatica della tecnica e insegno gli aspetti teorici del jazz necessari per imparare per improvvisare. Se non sono motivati a fare tutto quel duro lavoro, ci concentriamo sull’interpretazione, che è essenziale per i cantanti. Ovviamente in Europa ci sono anche argomenti su cui i cantanti non anglofoni devono concentrarsi, come la traduzione e la pronuncia.

C’è qualcuno dei suoi studenti che ci raccomanda di tenere d’occhio?
Ci sono così tanti a cui ho insegnato che sono diventati importanti cantanti jazz. Ad esempio dalla Germania, Efrat Alony, Lisa Bassenge, Esther Kaiser, Marc Secara ed Erik Leuthauser, dall’Iran, Atrin Madani, dalla Turchia, Cansu Tanrikulu e dalla Spagna, Natalia Calderon e Lara Vizuete. Date pure un’occhiata!

Quali sono le abilità che ha imparato e che le sono state d’aiuto nella sua carriera?
Beh, ho sessantasei anni e la mia carriera ha funzionato finora. Fino ai quarant’anni mi guadagnavo da vivere cantando, ma anche insegnando. Poi sono stata assunta a tempo pieno in Germania per venticinque anni e, contemporaneamente, in Spagna per tredici anni. Durante le vacanze andavo ad esibirmi a New York. Quindi, la salute è importante. Una delle mie abilità è avere un’eccellente tecnica vocale, che mi permette di cantare qualsiasi cosa. Ho sempre investito nella mia carriera e mi sono messo al centro della scena del jazz vocale per conoscere sempre ciò che c’è di nuovo ed eccitante. Mi sono continuamente istruita, aggiornata per diventare un’esperta nel mio campo, e di conseguenza sono stata uno dei primi a insegnare canto jazz a livello universitario. Ho fatto musica per tutta la mia vita: è lì che prospero.

Tra le sue numerose collaborazioni ce ne è una che ha lasciato il segno più delle altre?
Sono stata così fortunata e ho avuto così tanti musicisti incredibili nelle mie registrazioni. Non posso davvero dire chi sia stato il più impressionante. Ma avere Toots Thielemans come ospite in «Straight Up» con Kenny Werner, Adam Nussbaum, Jay Anderson e Jeanfrançois Prins è stato sicuramente il top. Toots aveva le sue divertenti annotazioni per suonare le belle note «tra un sorriso e una lacrima», e ha portato con se sia umorismo che un’intensità nella registrazione, perché ha messo tutti a proprio agio. Avevo scritto un testo su un grande amico, Barry Rogers, che era morto, chiamato The Reason Why, e l’assolo di Toots era così bello e profondo. Abbiamo ascoltato tutti in cabina di registrazione e dopo avevamo la pelle d’oca. Un altro grande momento è stato quando abbiamo registrato la sessione di «About Time» con Eddie Gomez in uno studio a Brooklyn. Avevamo registrato tutti i brani, ed Eddie aveva già fatto le valigie e stava aspettando che arrivasse il servizio di macchina. Improvvisamente, Jeanfrançois ha detto: “Sai, abbiamo pensato di registrare una versione di Time Remembered, ti piacerebbe provarne una veloce?” Eddie l’aveva registrato con Bill Evans negli anni Settanta e adorava la melodia. Eddie ha detto «Certo!»: ha spacchettato il suo basso e abbiamo ottenuto una versione perfetta in una sola ripresa. Che emozione!

Qual è stata la migliore performance, finora, della sua carriera?
Questa è una domanda interessante. Immagino che se cresci sempre, è  sempre l’ultimo! Quindi, il concerto che ho tenuto al Jazz Institut di Berlino a fine gennaio, poco prima del Covid, per festeggiare il mio ritiro, è stato sicuramente un momento clou. Ho invitato studenti, alcuni dei nostri migliori alunni e diversi professori a unirsi a me sul palco in un concerto di due ore. È stato stupefacente. L’energia era elettrica e tutti erano così felici. Ho cantato gli arrangiamenti di Jim McNeely con la big band, gli originali e gli arrangiamenti con il coro e due dei miei gruppi vocali; in duo con il vibrafonista David Friedman e con i pianisti Tomek Soltys e Wolfgang Koehler.

Qual è stato l’ultimo libro che ha letto?
Ieri sera stavo leggendo Nonna Gangster, un libro molto divertente di David Walliams, con mia nipote, che ha dieci anni. Descrive una nonna intraprendente che ruba i gioielli della corona. Sto anche leggendo Caste: The Origins of Our Discontents di Isabel Wilkerson, che è fantastico e rilevante quello che sta succedendo nel movimento antirazziale negli Stati Uniti.

Qual è l’ultimo disco che ha comprato?
L’ultimo è stato «Toy Tunes» di Larry Goldings, Peter Bernstein e Bill Stewart, una grande band che ho ascoltato a Berlino.

Cosa ne pensa delle scelte politiche di Donald Trump in relazione alla pandemia provocata dal Covid-19?
La sua gestione della pandemia è stata finora terribile e, per il bene dell’umanità, spero che migliori.

Se posso permettermi, in generale cosa ne pensa delle scelte di politica economica, sociale e culturale di Trump?
Non sono una sua fan e preferisco parlare di musica. Il voto deciderà chi sarà il prossimo.

Con quale artista vorrebbe collaborare?
La mia prossima registrazione in programma sarà con musicisti della scena di New York, il chitarrista Peter Bernstein, il bassista Doug Weiss e il pianista Sullivan Fortner. L’avevamo programmato per il 17 marzo, ma allora New York è stata chiusa, quindi stiamo aspettando tempi migliori. L’anno scorso ho anche registrato due cd: «Voices in Flight», con il cantante Jay Clayton, Jay Anderson al basso e John DiMartino al piano, e «Singing Miles», una registrazione dal vivo con la mia band di Berlino, incluso il batterista Jim Black, il bassista Marc Muellbauer, il pianista Johannes Von Ballestrem e il trombettista Sebastian Studnitsky.

Oggi, tornerebbe a fare ciò che ha fatto? Sceglierebbe di essere una musicista?
Decisamente sì! Non ti annoi mai, hai una comunità intorno, ispirazione ogni giorno e contribuisci a rendere il mondo un posto migliore.

Quali sono i suoi progetti futuri?
Da marzo a luglio (all’epoca di Covid), sono stata ferma a New York e ho dovuto prendermi la mia prima pausa dal canto nella mia vita. È stato un bene per me e mi sono innamorato della pittura. Ora sto cominciando di nuovo a esibirmi e insegnare ai seminari. Il mio piano è continuare a cantare, insegnare e dipingere. Ho la fortuna di poter vivere legalmente sia negli Stati Uniti che in Europa, e in questo momento tengo aperte le mie opzioni.
Alceste Ayroldi