«Fragile Magic». Intervista a Ingi Bjarni Skùlason

Il pianista e compositore islandese, alla guida del suo trio, licenzia un nuovo intenso e originale lavoro discografico. Ne parliamo con lui.

1479

Ciao Ingi, benvenuto a Musica Jazz. Prima di tutto, vorrei presentarti al pubblico italiano. Ci parleresti del tuo background culturale?
Mi chiamo Ingi Bjarni Skúlason. Sono islandese, nato nel 1987. Quando avevo 2 anni, la mia famiglia ha vissuto in Svezia, dove siamo rimasti per 5 anni. Poi siamo tornati in Islanda, dove sono cresciuto. Ho terminato la scuola ginnasiale in Islanda, insieme agli studi di pianoforte jazz alla Tónlistarskóli FÍH di Reykjavík. Poi sono andato all’estero e ho studiato per il mio bachelor a Den Haag, nei Paesi Bassi (2012-2016). Da lì, ho conseguito un master in improvvisazione/composizione presso l’Università di Göteborg (2016-2018), con semestri di scambio a Copenaghen e Oslo. Naturalmente sono influenzata e plasmata da tutti questi Paesi. Pertanto, mi piace pensare a me stessa come a un’artista internazionale proveniente dall’Islanda.

Dove vivi ora?
Vivo a Reykjavík, in Islanda.

Come nasce il tuo trio?
Avevo già incontrato il bassista faroese Bárður Reinert Poulsen quando ho suonato a Trondheim, in Norvegia, allo Young Nordic Jazz Comets nel 2013 con il mio primo trio (Skarkali). Tre anni dopo, nel 2016, Bárður e io abbiamo parlato di fare un progetto insieme, una collaborazione tra Islanda e Isole Faroe. Abbiamo pensato di invitare il batterista islandese Magnús Trygvason Eliassen a unirsi a noi. Nel 2017 abbiamo tenuto i primi concerti a Summartónar, nelle Isole Faroe, e più tardi, nello stesso anno, abbiamo disco il trio Fundur. L’album è stato pubblicato nel 2018 dall’etichetta americana Dot Time Records.

Ingi Bjarni Trio

Prima di parlare del vostro ultimo album, vorrei parlare con te di «Suburb». La prima domanda è: perché hai scelto l’Ep come formato invece dell’album?
Be’, «Fragile Magic» è l’intero album, che uscirà il 21 marzo di quest’anno. Ho deciso di adottare una strategia di pubblicazione chiamata waterfall release strategy per le piattaforme di streaming. Si tratta di pubblicare più versioni di una canzone o di un album in più fasi. Ho pubblicato una canzone dall’album completo ogni mese e «Suburb» è la quarta e ultima versione prima dell’album completo. Questo dovrebbe migliorare l’algoritmo o qualcosa del genere per Spotify, ma finora non credo che abbia avuto successo. Sono stanco di tutte queste questioni legate a Spotify, come le playlist ad esempio.

Parlando di «Farfuglar», qual è il significato, il messaggio di questo album?
«Farfuglar», ovvero uccelli viaggiatori, è una raccolta di composizioni originali con il mio quintetto. L’idea alla base dell’album è che anche quando viaggiare è difficile, possiamo sempre viaggiare come esploratori della musica! Inoltre, possiamo connetterci attraverso la musica, anche se siamo lontani.

Passi dal trio al quintetto, al piano solo. Sei alla ricerca di un suono particolare? Quale formazione pensi si adatti meglio alle tue composizioni?
Il mio problema principale come artista è che compongo troppa musica, che ci crediate o no! Di conseguenza, sento il bisogno di esplorare varie formazioni per esprimermi: assolo, trio, quartetto e quintetto. Forse ho trovato in qualche modo il mio suono, ma credo di dover continuare a cercarlo. Questo viaggio è continuo; non c’è mai una destinazione finale nella musica e nell’improvvisazione. Tuttavia, è utile avere queste formazioni con cui sperimentare. Non sono sicuro di quale sia la formazione più adatta alla mia musica. Ognuna di esse è diversa e richiede approcci esecutivi differenti. Ma spero che la mia voce e la mia espressione traspaia in qualche modo, indipendentemente dalla formazione del gruppo.

Ingi Bjarni Quintet

Questo è il tuo terzo album in trio. Pensi che in questi anni sia cambiato qualcosa nel tuo modo di comporre e nel tuo approccio al trio?
Sì, decisamente! Forse il mio album di debutto e il primo album in trio, «Skarkali», si basava più sull’improvvisazione sui cambi di accordi – il modo tradizionale di improvvisare del jazz. Anche «Fundur» era in qualche modo così, ma le composizioni erano un po’ più complesse. Le improvvisazioni su «Fragile Magic» sono più spesso su vamps o completamente libere. Credo anche di essermi avvicinato alla “mia voce” di compositore in «Fragile Magic» rispetto agli altri album. C’è una certa complessità nella musica, ma rimane accessibile. Permetto alla mia musica di diventare complessa solo se mi sembra naturale. Il mio obiettivo non è comporre musica complessa.

Quanto influiscono le tue radici natali sul tuo modo di concepire la musica?
In Islanda c’è indubbiamente una natura bellissima e la cultura è ovviamente diversa da quella dell’Europa continentale. Tuttavia, non credo che questi fattori giochino un ruolo significativo nel mio modo di fare musica. Ciò che mi influenza di più sono le mie esperienze di vita. La musica è il mio modo di affrontare vari aspetti della mia vita: le difficoltà del passato e del presente, i rapporti con le persone e altro ancora.

Quali sono i tuoi riferimenti artistici/musicali?
Keith Jarrett, Misha Alperin, Nick Drake, Ahmad Jamal, GusGus, Bob Marley, Wayne Shorter e tutti i tipi di musica popolare.

Nella tua concezione musicale, quanto è importante l’improvvisazione?
È molto importante! Molte delle mie composizioni nascono inizialmente come improvvisazioni, che poi perfeziono in composizioni più concrete. L’improvvisazione è anche un modo per liberare la mente. Non posso fare a meno dell’improvvisazione.

Ho letto che presto usciranno altri due album a tuo nome, uno in duo e l’altro in quartetto. Vuoi parlarci di loro?
Sì, l’anno prossimo pubblicherò un album in quartetto con il bassista svedese Anders Jormin, il chitarrista islandese Hilmar Jensson e il batterista islandese Magnús Trygvason Eliassen (lo stesso batterista del trio). Sarà un album molto emozionante da pubblicare! Si tratta di grandi musicisti. Il progetto del duo è molto personale per me. Sarà un concept album. La musica è pronta, ma non ho ancora capito con chi vorrei suonare e registrare l’album. Quindi questo progetto è per il futuro.

Hai mai suonato in Italia?
No, non ufficialmente. Ma molti anni fa, ho partecipato al Berklee at Umbria Jazz Clinics a Perugia. Lì ho suonato con un ensemble che faceva parte del workshop. Quindi sì, in un certo senso ho suonato in Italia!

Ho notato che non ci sono molti tuoi video su YouTube. È una tua scelta? Hai mai pensato di realizzare un videoclip con la tua musica?
Ci sono alcuni video in cui compare soprattutto il mio quintetto. In quei video suoniamo brani di Farfuglar. Fare video non è mai stato un mio obiettivo, ma mi piacerebbe farne altri.

Ingi Bjarni Quartet

In generale, qual è il tuo rapporto con le piattaforme sociali e di streaming?
Ho sentimenti contrastanti al riguardo. Cerco di essere attivo sui social media, di postare sulle cose che faccio, ecc. Ma mi sembra che richieda molto tempo, quasi come un lavoro a tempo pieno. Un musicista al giorno d’oggi ha così tanti ruoli da ricoprire: fare musica, esercitarsi, prenotare concerti, gestire i social media, fare video, insegnare… la lista è infinita. È impossibile fare tutto. Per quanto riguarda le piattaforme di streaming, è difficile. Per esempio, non amo molto Spotify. Ma è quello che usa la maggior parte delle persone, quindi ovviamente metto la mia musica lì. Anche se non sono molto conosciuto a livello internazionale, credo che la mia unica scelta sia quella di avere la mia musica disponibile in quanti più posti possibile.

Oltre ai prossimi album, quali sono i tuoi prossimi obiettivi artistici?
Un obiettivo che ho sempre è quello di fare più concerti! Forse non ci sono molte opportunità in Islanda, quindi cerco di prenotare concerti con i miei progetti in altri Paesi. Ma ad essere onesti, è una vera e propria lotta. Tuttavia, quest’anno farò alcuni concerti nelle Isole Faroe e in Germania. E se tutti i piani vanno bene, potrei suonare in Giappone con il mio quintetto! Oltre ai miei obiettivi concertistici, voglio lavorare di più sullo sviluppo del mio materiale per pianoforte solo. Il mio obiettivo è fare musica che non sia tanto associata al jazz, più che altro musica senza genere.
Alceste Ayroldi