Intervista a Hedvig Mollestad Thomassen

La chitarrista e compositrice norvegese suonerà il 7 settembre all’Anfiteatro Villa Strozzi (ore 21.30) per il Firenze Jazz Festival. Di seguito un estratto dell’intervista che sarà pubblicata prossimamente sulla rivista.

1097
photo_julia_marie_naglestad

Cosa ti ha avvicinata alla musica?
In casa mia c’era musica. Mia madre suonava diversi strumenti e mio padre era un ottimo trombettista jazz. Trovavo la musica affascinante e mi piaceva molto la sua presenza in casa, anche perché non era opprimente: ero libera di scegliere da sola sia la musica che volevo ascoltare sia lo strumento che volevo suonare, se c’era. Credo che questo sia stato importante per me, non sentire che la musica mi piaceva perché qualcun altro voleva che lo facessi. Ricordo le mie prime lezioni di chitarra, erano piuttosto noiose e le sentivo più come un obbligo che come una benedizione. Ma il mio insegnante se ne accorse e trovò alcuni accordi che mi piacevano molto e ai quali potevo dedicare molto tempo. Quindi credo che sia stato questo a mantenere vivo il mio interesse.

Qual è stato finora il momento più importante della tua carriera di chitarrista?
In realtà, credo che ce ne siano molti. Ma la settimana trascorsa come artist in residence quest’estate al grande e rinomato Molde jazz Festival, dove ho fatto otto spettacoli in una settimana e diversi lavori commissionati, è assolutamente qualcosa che considero già estremamente prestigioso, stimolante e gratificante.

A settembre suonerai a Firenze. Presenterai il tuo ultimo lavoro discografico?
Sì, porterò la mia band «Weejuns» e suoneremo la musica del nostro ultimo disco, che uscirà solo una settimana prima, l’1 settembre.

Hedvig_Mollestad_Weejuns_Julia_Marie_Naglestad

Qual è il tuo rapporto con il pubblico italiano e con l’Italia in generale?
Uno dei primi viaggi del trio in Europa è stato un festival assolutamente straordinario in Sardegna. Siamo stati invitati per due anni, abbiamo suonato in spiagge diverse ed è stata un’esperienza assolutamente incredibile: gli spostamenti, gli spettacoli, il cibo, il vino, la gente, il paesaggio, l’aria, l’ospitalità….. Quest’anno abbiamo anche suonato a un festival a Chamois e l’esperienza è stata esattamente la stessa. Amo il vostro paese, il vostro cibo, il vostro vino, il vostro paesaggio, e non ultimo il vostro caffè e la vostra lingua! È così bello! In realtà ho un ex di The Silver Spoon e lo trovo molto stimolante (amo mangiare e cucinare….).
Alceste Ayroldi