«Conversation #9». Intervista a Greg Osby

Il sassofonista statunitense sarà in Italia dal 10 novembre per un minitour nel trio del batterista svizzero Florian Arbenz e con Arno Krijger per promuovere il lavoro discografico «Conversation #9».

1409
Osby, Krijger, Arbenz

Greg Osby con Florian Arbenz e Arno Krijger suoneranno il 10 a Padova, l’11 a Ferrara, il 12 a Corezzola e il 14 a Trieste. E il 13, sempre a Trieste, terrà una masterclass.

***************************************************************


La prima domanda riguarda il suo rapporto con Florian Arbenz. Cosa la affascina del progetto creato dal batterista svizzero?
Apprezzo il fatto che Florian abbia preso l’iniziativa di creare un ambiente variabile per se stesso, invece di seguire il percorso di un semplice “cronometrista”, che è il modo in cui la maggior parte delle persone considera i batteristi. Credo che il progetto che prevede la presenza di gruppi diversi di musicisti per ogni album sia una grande idea. Non ho mai visto o sperimentato cose fatte in questo modo prima d’ora.

Qual è stato il suo contributo in termini di composizione e arrangiamento?
Ho presentato alcune mie composizioni al progetto. Dal momento che ho suonato con Florian per molti anni, lui conosce molta della mia musica e risponde molto bene al mio modo di pensare.

Avete seguito una linea comune nel creare i pezzi per Freedom Jazz Dance? Come avete proceduto nella fase di registrazione?
Durante il disco abbiamo avuto un assetto insolito. In studio eravamo tutti nella stessa stanza. Le barriere sonore e l’isolamento erano minimi. Questo ci ha permesso di avere un contatto visivo e di percepire le “vibrazioni” reciproche. Il risultato finale è stato molto migliore di quanto avessi previsto.

Parlando del titolo Freedom Jazz Dance, secondo lei quanto il jazz è ancora libero e quanto è adatto a far ballare la gente?
Non capisco né accetto il concetto di “libero” per quanto riguarda la musica. Affinché i musicisti responsabili possano comunicare tra loro, ci deve essere un riconoscimento della forma e dello spazio. I cosiddetti “liberi” suonano semplicemente suoni casuali sperando che siano coesi. Non credo che i musicisti affermati vogliano dare l’impressione di non sapere cosa stanno facendo in questo modo. Tuttavia, rispetto chiunque si esprima con onore se questa espressione è un’illustrazione di sfida, realizzazione e curiosità.  Spero sempre che la gente trovi ritmo e groove in tutta la mia musica, ma non cerco di essere un compositore di musica da ballo. Lascio che siano altri musicisti ad assumersi questo ruolo.

Dal 10 novembre lei sarà in Italia per presentare questo disco. Qual è il suo rapporto con il pubblico italiano?
Sono affezionato all’Italia da quando ho iniziato la mia carriera di tournée internazionale più di quarant’anni fa. Per qualche motivo, la gente di qui sembra entrare in contatto e relazionarsi con la musica più facilmente che in altri luoghi. Naturalmente, anche i residenti di altri Paesi apprezzano la musica, ma gli italiani sembrano avere una comprensione più profonda delle storie e del significato che si cela dietro i testi e i concetti. È una parentela non espressa, ed è per questo che molti neri americani preferiscono esibirsi in Italia, praticamente più che in qualsiasi altro luogo.

Cosa c’è di nuovo e di bello nella scena musicale americana?
Non ne ho idea. Immagino che gli artisti rispondano ai loro impulsi di creare musica che rifletta i loro interessi personali. Ci sono molti nuovi giovani musicisti che sembrano andare molto bene, sia per la frequenza dei servizi su di loro sia per la frequenza delle loro esibizioni. Francamente, spererei che una parte dell’attenzione fosse condivisa da più di qualche fortunato musicista. In altre parole, vorrei vedere più giovani che lavorano e fanno tournée rispetto agli stessi 10 artisti che ricevono più attenzione e lavoro. Questa non è la migliore rappresentazione della scena.

Lei è cresciuto a St. Louis, una città che ha un ruolo importante nella storia del jazz. Com’era la sua vita da bambino, e in particolare le influenze musicali?
Quando ero giovane, St. Louis era una città vibrante, piena di musica e di stile. C’erano molti locali che proponevano musica dal vivo. Era quindi un ambiente fantastico per me da giovane, che mi ha permesso di partecipare a un’ampia varietà di ensemble. I miei progressi sono stati molto rapidi perché ero circondato da un gran numero di musicisti più anziani che dimostravano regolarmente i punti più fini dell’esecuzione, della tecnica e dello studio. Ho imparato cose che non possono essere insegnate in una scuola o in un conservatorio, soprattutto da istruttori che hanno un’esperienza molto limitata.

Quando si è interessato al jazz?
Nel 1975 mi è stato regalato un album di Charlie Parker, che ha cambiato la mia idea di come si potesse suonare il sassofono. Prima di allora, ero consumato dal suonare uno stile funky e blues.

Tra le sue numerose collaborazioni, ce n’è una in particolare che ha segnato la sua carriera artistica?
Non c’è un’esperienza che sia più significativa di altre. È stato un onore per me essere stato scelto da così tanti grandi maestri per suonare nelle loro band, e la lista di esperienze è molto lunga. Non ho mai dato nulla per scontato e ho sfruttato ogni occasione per prestare molta attenzione e fare quante più domande possibili sul business e sui punti più sottili di questa forma d’arte.

Lei è il fondatore di Inner Circle Music. Come e perché ha fondato questa casa discografica e con quali criteri seleziona gli artisti della sua casa discografica?
Alla Inner Circle Music gli artisti sono i veri artefici del loro destino. Sono responsabili di ogni aspetto di come desiderano essere presentati, commercializzati e rispettati. La nostra etichetta non si propone di creare dei media, ma preferisce aiutare lo sviluppo di veri artisti e potenziali innovatori che seguono i propri orientamenti e non cedono alle mode.

Quali obiettivi artistici si è posto come musicista e produttore di dischi?
Ho prodotto tutti i miei dischi e quelli di altri artisti che rispettano la mia organizzazione e il mio approccio. È stato importante per me imparare ogni aspetto del business musicale, così come i punti più fini della produzione di dischi. Non ho mai voluto essere alla mercé di persone che non riuscivano a capire la mia direzione e i miei concetti o che erano nel mondo della musica solo per fare soldi.

 Quali sono i suoi progetti futuri?
Ho appena pubblicato un nuovo album, intitolato «Minimalism», con la mia etichetta, Inner Circle Music. È il primo album a mio nome che pubblico da molto tempo a questa parte e ho un’incredibile nuova band di giovani musicisti che provengono da molti luoghi diversi.  Non vedo l’ora di portarli in Europa l’anno prossimo per festival e concerti. Ritengo che sia mio dovere, in quanto artista responsabile, incoraggiare e promuovere quanti più giovani musicisti possibile.  Poiché le informazioni mi sono state trasmesse, sono obbligato a stimolare le menti della prossima generazione di musicisti con le stesse informazioni.
Alceste Ayroldi