«Terpsichore». Intervista a Geoffrey Fiorese

Il giovane pianista francese pubblica il suo nuovo album (Out Note Records) alla Musa della danza.

23796

Mi piacerebbe partire dal titolo del tuo ultimo album. Perché hai deciso di dedicare il tuo lavoro alla Musa Tersicorea?
Più che una semplice dedica, è stato l’intero concetto di riferimento al corpo di ballo che mi ha ispirato. Sono affascinato dai ballerini, la trance che può essere indotta dai movimenti del corpo è molto simile ai sentimenti che la musica può produrre, e per me una buona musica è una musica che si può fisicamente sentire dentro di te, come una danza interiore. Quindi, nominare il progetto discografico «Terpsichore» è stato abbastanza ovvio. E devo ammettere che mi piace anche l’effetto mistico-misterioso che il nome produce.

Quale è stato il processo compositivo che hai seguito?
Uso a malapena i processi compositivi. A volte è una buona cosa, almeno per me, utilizzare alcuni concetti o sistemi, ma è soprattutto al fine di evitare di restare bloccato su un’idea. Quando si tratta di composizione, non sono un gran lavoratore, di solito scrivo quando arriva l’ispirazione. Quindi sto solo seguendo alcune semplici idee che ho, e cerco di farne un’intera canzone. Ma, naturalmente, questa band è stata super influenzata da quello che abbiamo suonato prima di diventare Terpsichore, ovvero il repertorio del Keith Jarrett American 4tet. Quindi, si può sentire che alcune delle canzoni che ho scritto hanno ancora quel tipo di vibrazione.

Se dovessi scegliere lo scaffale del negozio di dischi dove posizionare il tuo disco, quale sezione sceglieresti (jazz, contemporaneo, altro)?
Penso che il jazz sarebbe il più appropriato, perché jazz significa tutto e non significa nulla. Come ha detto Charles Mingus: «Non so cosa sia il jazz, e non mi interessa!». Questo è ancora più vero in questi anni. Basta ascoltare cosa stanno facendo i nuovi musicisti della scena jazzistica! Ci sono un sacco di musicisti fantastici a New York che creano una musica completamente nuova, mai sentita prima. Prendiamo per esempio Tyshawn Sorey, Matt Mitchell o Craig Taborn… li chiamiamo jazzisti, ma non so che tipo di musica stiano suonando. E non mi interessa! Anche sulla scena europea ci sono tante cose eccitanti in corso. Ho appena visto un concerto qualche giorno fa di un compositore di Amsterdam che ha scritto un intero repertorio usando improvvisazioni registrate, note e scale super complesse e un mucchio di elettronica: era brillante! Era jazz? Non lo so. Il problema è che, per il fatto che stiamo parlando di jazz, la gente si aspetta un tipo specifico di musica in modo che diventi sempre più difficile da suonare e da vendere.  Come spieghi a un programmatore di concerti che stai suonando jazz, ma in realtà non è quello che il pubblico si aspetta? Con «Terpsichore» siamo ancora vicini a quello a cui il jazz si riferiva ad un certo punto della storia. Ma in pochi anni, chissà…

Questo lavoro è progettato per essere danzato? Se la tua risposta è sì, quale coreografia sceglieresti?
No, è più una visione della mente. Ma ho questa idea di uno spettacolo con i ballerini mentre suoniamo, ma i ballerini non ballano: si siedono e meditano. Perché la trance di venire dall’interno… non lo so… forse con il futuro nuovo repertorio potrà accadere.

L’inizio con Divan dans les Feuilles di Jordi Cassagne sembra fuorviante rispetto al resto del disco, soprattutto rispetto alle tue composizioni. È molto vicino all’avanguardia, con i tratti jazz di Cassagne. Perché hai voluto aprire il disco con questo brano?
Le composizioni di Jordi hanno un’atmosfera incredibile e questo è per me perfetto come apertura perché la ripetizione dei motivi è super groovy e ti mette di buon umore. Ma la canzone dopo si basa anche su un ostinato quindi immagino che non sia così fuorviante. Naturalmente, le composizioni di Jordi sono molto diverse dalle mie. Ma penso che sia un buon mix! Ora che me ne hai parlato, ho anche messo un brano «differente» per primo anche nel mio primo album… credo che mi piaccia ingannare il pubblico!

Troviamo sei titoli di altrettante canzoni intitolate Danse. Ma la numerazione non segue la consacrazione matematica: troviamo prima Danse 4, poi 3, poi 2, poi 6, 1 e 5. Perché hai voluto usare questa procedura?
Ho scritto specificatamente quelle canzoni per questa band, quindi un po’ di danza per «Terpsichore» ha senso. Per quanto riguarda i numeri, è semplicemente l’ordine cronologico in cui li ho scritti, ma abbiamo dovuto organizzarli in questo ordine per l’album: nessun mistero. Mi piace anche il modo di chiamare le canzoni con numeri o simboli. Come Anthony Braxton per esempio. È molto contemporaneo… e un po’ anche fantasioso!

Hai concepito questo disco come un lavoro unico o avete composto le varie canzoni nel corso degli anni?
Abbiamo altre canzoni e, in realtà, sto ancora componendo per questa band, quindi abbiamo registrato le canzoni che stavamo suonando all’epoca. Sono molto orgoglioso di ciò che abbiamo registrato. Credo che l’intera registrazione racconti una storia.

In questo tuo disco, quanto c’è improvvisazione e quanta musica scritta-annotata?
È davvero un mix di entrambi. Abbiamo un po’ di musica scritta complessa e a volte alcune improvvisazioni molto libere. Prendete Danse 1, per esempio. È quasi completamente improvvisazione libera, ma la sequenza armonica e i punti di incontro sono super precisi. Danse 4 è quasi come una melodia jazz regolare, con un tema e un assolo su una specifica progressione di accordi. Per me l’improvvisazione deve far parte del processo di composizione. Anche se dico a uno dei miei musicisti: ok, ora puoi fare quello che vuoi, so che si adatterà ad un piano più ampio.

Parliamo del vostro quartetto. Chi sono i musicisti che vi sostengono e perché li hai scelti?
Il jazz è un piccolo mondo. Quando sei un musicista, fai rapidamente rete con altri musicisti ed è facile da sapere (musicalmente e personalmente) quasi ogni altro musicista nel tuo paese. Così, quando si ha un progetto in mente è spesso ovvio con chi si vuole farlo. Sapevo che con quei musicisti condividevamo la stessa atmosfera che caratterizza «Terpsichore». Théo e Jordi si conoscono da molto tempo e condividono una sorta di mente telepatica che crea una grande sezione ritmica. Sylvain è per me uno dei più grandi sassofonisti del Belgio. Quello che suona è sempre mistico. Ha questo suono ed energia che immediatamente vi porta in un’altra dimensione. Questo ragazzo è un maestro di karate e pratica la meditazione, immaginate la forza che ha dentro! Per questo album abbiamo anche invitato Antonin tri Hoang. Non lo conoscevo prima della registrazione, ma conosco la sua musica da un po’ e la adoro. Fa parte dei più grandi improvvisatori di Francia. È stata una buona scelta perché si adattava perfettamente alla band e ha aggiunto un tocco molto bello e fresco alla musica.

A questo proposito, la foto all’interno del libretto è molto bella. Ritrae voi e i vostri musicisti addormentati in modo diverso intorno a un tavolo. Qual è il legame con il contenuto dell’album?
Questa foto è stata effettivamente scattata durante le riprese del nostro video teaser per l’uscita dell’album. Nel video c’è una ballerina. Si muove intorno a noi mentre viviamo questa strana scena barocca. Tutto sembra un dipinto di Caravaggio. Maël Lagadec ha scattato questa foto (e il video). Mi piace lavorare con lui, viene sempre con idee belle e originali ed è un bravo ragazzo. Per questo gli ho appena detto, “Voglio un ballerino”, e lui ha fatto il resto. È così creativo… Credo che sia per questo che molti musicisti stanno lavorando con lui. Ha anche fatto la foto della parte anteriore dell’album. Che è un ballerino (di nuovo) in movimento in questo bel tessuto dorato.

Hai studiato musica classica per dodici anni. Poi, sei passato al jazz.
Ho iniziato il jazz a 16 anni. Credo di essermi annoiato della musica classica. Vengo da una piccola città in Francia dove può essere difficile connettersi con il mondo culturale e la musica classica non ha soddisfatto la mia voglia di connettersi con le persone e di esprimermi in quel momento, quindi avevo bisogno di qualcos’altro. Quando ho iniziato ad ascoltare jazz, da adolescente, ho capito abbastanza rapidamente che volevo farlo.

Chi sono i tuoi compositori preferiti?
Questa è una domanda difficile per me: ce ne sono così tanti! Adoro il lavoro di Michael Mantler per Jazz Composer’s Orchestra. Adoro quello che Keith Jarrett ha fatto con l’American 4tet. Come amante di grandi ensemble, mi piacciono Maria Schneider, Darcy James Argue, John Hollenbeck. Senza parlare di Tyshawn Sorey e di tutti quei ragazzi della scena di New York. Voglio dire: c’è della musica molto bella là fuori, è impossibile pensare a un compositore senza pensare a un centinaio di altri. Probabilmente leggerò questa intervista tra qualche tempo e penserò: dannazione avrei dovuto citare questo e questo!

Conosci la scena musicale improvvisativa italiana?
Non conosco molto bene la scena italiana. Conosco dei pianisti straordinari, ma onestamente ho la sensazione che i musicisti italiani non riescano a esportare la loro musica attraverso l’Europa. Potrei sbagliarmi ma raramente vedo qualche band italiana nei festival, mentre, per esempio, ci sono spesso band norvegesi o danesi che suonano. A Bruxelles ci sono molti grandi musicisti italiani, ma che fanno parte – oramai – della scena belga.

Qual è la situazione dell’industria musicale in Francia?
È un disastro. E non so se era meglio prima. Non credo che il governo farà mai nulla per quanto riguarda l’arte e il benessere degli artisti. Ma non mi interessa la politica e le regole e se gli artisti saranno pagati 1 o 2 euro in più l’anno prossimo. Questa è una lotta assurda; è ridicola e completamente scollegata dalla vita reale. Se l’arte deve essere espressa, in ogni modo possibile! Naturalmente, le conseguenze della cattiva politica sono la mancanza di finanziamenti per i luoghi di musica e gli artisti che stanno lasciando il loro lavoro perché è troppo difficile vivere solo con la musica. È ovvio che se non si educa la gente a conoscere l’importanza e il valore dell’arte in una società, non spenderà mai soldi per essa, quindi alla fine costa più di quanto paghi al governo promuovere la cultura. Quello che mi fa incazzare è il tipo di placebo con cui siamo nutriti: per esempio in Francia abbiamo les Victoires du jazz che è un peccato per me perché non è assolutamente rappresentativo di ciò che i musicisti stanno facendo e dell’enorme quantità di creatività  che c’è là fuori e che deve essere espressa. Invece mostriamo due ore di musica noiosa in TV una volta all’anno e affermiamo che il jazz non è morto?! A Bruxelles, quando Toots Thielemans è morto, abbiamo potuto ascoltare la sua musica per un giorno nella metropolitana! Perché hanno deciso di suonare la sua musica solo quando è morto? Era troppo terribile mettere almeno due canzoni nella playlist che si suona ogni giorno quando il Maestro era vivo?

Quali sono i passaggi che reputi fondamentali nella tua vita artistica?
Innanzitutto, il mio primo disco jazz. È stato «Trio in Tokyo» di Michel Petrucciani. L’ho ascoltata così tanto; conoscevo ogni singola nota suonata da Petrucciani. A parte questo non lo so. È più una grande quantità di piccole cose, come quando ho incontrato Pierre Drevet che mi ha insegnato tutto sugli arrangiamenti, mi sono trasferito a Bruxelles senza conoscere la città e la scena musicale belga, la prima volta che ho giocato sulla Grand Place di Bruxelles con il mio quintetto dopo aver vinto un premio. Ho un ricordo molto commovente: per la mia laurea al conservatorio, ho suonato con la mia big band e dopo lo spettacolo Kris Defoort, compositore straordinario, mi ha preso con forza in braccio e mi ha detto che la mia musica era bellissima. Ho quasi pianto. Quel tipo di momento ti dà molta fiducia in te stesso!

Qual è il posto più bello dove hai suonato?
Penso sia il Grand Place in Bruxelles, durante la Bruxelles Jazz Marathon nel 2015. Ho anche suonato a Chamonix per il Cosmo Jazz, tra le montagne e una vista mozzafiato.

Cosa è scritto nell’agenda di Geoffrey Fiorese?
E’ un po’ confuso, perché stanno succedendo tante cose nella mia vita. Ho iniziato a lavorare con la musica elettronica, sto anche pensando al prossimo album di Terpsichore; ho alcuni nuovi progetti in arrivo come arrangiatore. Quindi niente di preciso, ma credo che molte cose accadranno!

Una curiosità. Il tuo cognome sembra avere delle origini italiane…
Sì, mio padre è italiano, anche se è nato in Francia, ma da genitori italiani emigrati. Ho delle radici molto forti che mi legano all’Italia.

Hai mai suonato in Italia?
Sono stato in Italia, ma non ho mai suonato. Spero che possa accadere.
Alceste Ayroldi