«Conversation». Intervista a Florian Arbenz

Un nuovo e interessante progetto musicale per il batterista svizzero, anche componente-fondatore dei Vein, che prevede ben dodici album. Florian Arbenz, Hermon Mehari e Nelson Veras saranno in Italia l'1 al Jazzclub di Ferrara e il 2 al Cockney London Pub.

22804
Florian Arbenz

Ciao Florian, sono felice di incontrarvi di nuovo. Mi piacerebbe parlare del vostro nuovo progetto, così bene! 12 album con 12 gruppi radicalmente diversi di musicisti. Come nasce questo progetto?
Grazie Alceste, E’ bello parlare di nuovo con te! Sì, il mio progetto Conversation è molto epico! (lo dice sorridendo). Ho avuto l’idea all’inizio della pandemia, quando tutti i concerti e tour sono stati improvvisamente cancellati. Ho scoperto molto presto che era ancora possibile invitare persone in Svizzera per motivi professionali. Dato che ho il mio studio a Basilea, ho deciso di invertire il processo: invece di andare in tour con grandi musicisti e di essere in viaggio, ho deciso di invitarli a Basilea e registrare con loro della nuova musica. La registrazione con Nelson ed Hermon è stata la prima e l’abbiamo fatta in una situazione molto speciale: tutto era stato chiuso ed eravamo così felici di poterci incontrare e suonare! Penso che questa vibrazione positiva possa essere sentita nella registrazione!

Perché dodici conversazioni?
Volevo creare un progetto che non coinvolgesse solo un paio di musicisti ma un’intera “scena” di musicisti. Così ho deciso di realizzare dodici registrazioni, perché ho pensato che questo è un buon numero: grande ma non troppo… Dodici rappresenta anche un ciclo, come ad esempio dodici mesi per un anno. Quando ho iniziato il progetto, nessuno sapeva quanto tempo sarebbero durate le restrizioni e sono felice del fatto che potrò registrare la dodicesima edizione il prossimo gennaio. L’ultima delle dodici registrazioni sarà pubblicata entro la fine del 2023.

Come hai scelto i musicisti con cui «conversare»?
Ci sono così tanti grandi musicisti in giro! Nel corso degli anni ho incontrato un sacco di musicisti con cui volevo collaborare, ma eravamo tutti così impegnati che semplicemente non abbiamo trovato il tempo di realizzare dei progetti insieme. Quindi, per me, questa è stata una delle cose buone della pandemia: tutti avevano tempo ed erano felici di incontrarsi e suonare, finalmente! Penso che la sfida più grande per me sia stata quella di ordire dodici progetti diversi. Non volevo ripetermi troppo. Anche per questo sono andato all’avventura di formazioni più insolite, come batteria/chitarra/tromba. E in questo caso, ho trovato una formazione e una combinazione di cui mi sono davvero innamorato ed è per questo che siamo in tour in questo momento.

Florian Arbenz, Hermon Mehari e Nelson Veras

Come hai pensato e preparato il repertorio?
Ho provato a creare una musica colorata, nonostante la formazione un po’ limitata. Così ho anche creato alcuni suoni diversi alla batteria per supportare questa idea. D’altra parte, Nelson e Hermon sono solo musicisti di alto livello! Così ho cercato di lasciare spazio anche alla loro personalità. Se ascolti il disco, spero che riuscirai a sentire quello che intendo dire.

Una tredicesima conversazione con chi l’avresti fatta?
Questo è molto difficile da dire! Ma sai, questo progetto era per me come andare di nuovo all’università! Ho dovuto imparare così tanto sulla strumentazione e sulle diverse personalità musicali e dovevo controllare così tanta musica e tanti musicisti diversi che ho già nuove idee per nuova musica dopo questa serie.

Che tipo di produzione hai pensato per questo progetto? CD, vinile, distribuzione digitale?
Promuovo questa registrazione rigorosamente su Bandcamp e per i concerti e ho deciso di stampare CD, vinile, e anche la distribuzione digitale. Il mio buon amico Gabriel Heuberger ha realizzato una grafica davvero affascinante per tutta la serie, quindi sono molto felice di avere i vinili! Il CD è sempre grande per portare sulla strada e digitale è un must al giorno d’oggi, penso.

In ottobre sarete in Italia con Hermon Mehari e Nelson Veras. Perché avete scelto questi due club, l’1 al Jazzclub di Ferrara e il 2 al Cockney London Pub di Padova,  per il vostro tour italiano?
Prima di tutto quei luoghi sono molto rispettati e famosi per una grande programmazione. Quindi sono molto felice che ne possiamo fare parte. Ma, ovviamente, a tutti noi piace essere in tour in Italia, quindi spero che potremo tornare in futuro anche in altre città italiane!

Su quali altri progetti/lavori stai lavorando o stai pianificando?
In questo momento sto lavorando sulla musica dell’ultima Conversation e delle versioni di Conversation #8-#12 (#1-#7 sono già rilasciate, se vuoi, potete seguirle qui: https://florianarbenz.bandcamp.com/). Come puoi immaginare, questo è lavoro che mi impegna molto, quindi inizierò a pensare a nuovi progetti dopo gennaio 2023.
Alceste Ayroldi