Intervista a Camilla George

La sassofonista e compositrice residente a Londra presenterà il suo nuovo lavoro discografico «Ibio-Ibio» il 13 ottobre al Blue Note di Milano per la rassegna JazzMi. Di seguito un’anticipazione dell’intervista che sarà pubblicata prossimamente sulla rivista Musica Jazz

1422

Camilla, grazie per il tuo tempo.  La prima domanda è: quando è avvenuto il tuo incontro con la musica e quando hai capito che sarebbe diventata la tua professione?
Sono cresciuta con la musica sempre ascoltata in casa. Mio padre in particolare condivideva con me la sua collezione di vinili e insieme ascoltavamo Sonny Stitt, Cannonball Adderley e Stanley Turrentine.

Vorresti parlarci del tuo ultimo lavoro discografico «Ibio-Ibio»? Qual è la genesi di questo disco?
«Ibio-Ibio» è dedicato al popolo Ibibio della Nigeria costiera sud-orientale. Il cuore dell’album riguarda ciò che rende unico il popolo Ibibio e il nostro senso di unione e comunità.

Un disco in cui convergono tutte le influenze del jazz: dalle radici africane all’hip hop. Quanto sono importanti le tue radici per te artisticamente?
Credo che le mie radici africane e caraibiche mi abbiano sicuramente influenzato artisticamente e ho usato il mezzo del jazz per esplorare le mie radici e il mio percorso personale.

La tua musica viene definita afrofuturista. Sei d’accordo?
Credo che il problema di questi termini sia che sono troppo semplicistici, ma quello che voglio dire è che sono impegnata a esplorare l’eccellenza e la bellezza africana.

Tra poco sarai a Milano per JazzMi e suonerai al Blue Note. Il concerto sarà incentrato sull’Ibio-Ibio? Chi saranno i musicisti che la accompagneranno?
Porterò con me il fantastico Renato Paris (tastiere/voce), Jihad Darwish (basso elettrico e verticale) e Jamie Murray (batteria).

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Sto programmando un viaggio in Nigeria per scrivere il mio prossimo album!
Alceste Ayroldi