Through Space & Time: intervista ad Anders Bast

Parliamo con il giovane sassofonista danese del suo ultimo lavoro discografico licenziato in vinile.

10626

Anders, innanzitutto chiariamo il nome della tua band. D’accordo sul fatto che sia un gioco di parole, ma perché proprio Bastardi? C’è qualcosa di vero nel nome?
Il nome della nostra band è venuto fuori negli ultimi anni, mentre la band stava già suonando, ma prima che uscisse il disco. Ovviamente è un gioco che si basa sul mio cognome Bast. Ma è anche un suggerimento al modo in cui suoniamo la nostra musica. Ci piace esplorare e percorrere nuove strade. La musica può suonare diversa notte dopo notte. E, a volte, noi musicisti mettiamo alla prova e ci sfidiamo sia l’un l’altro e sfidiamo anche il nostro pubblico in modo bastardo. Ho suonato così tanti stili musicali nel corso della mia carriera, e questo ha forgiato anche la mia mentalità musicale, anche se sono un musicista jazz. La mia musica è una «bastard», influenzata da molte fonti diverse: blues, funk, soul e world music, solo per citarne alcune.

Il tuo disco è registrato secondo la tecnica live: tutti i musicisti nella stessa sala; inoltre è stato pubblicato solo su vinile. Perché hai voluto fare questo passo indietro nel tempo?
In verità, non mi sembra di aver fatto un passo indietro nel tempo registrando nel modo vecchio stile. Si tratta più di imparare e utilizzare il meglio del passato, trovare la tecnica che si adatta alla band e alla musica. Il suono può essere vivo, vibrante e il più eccitante possibile per l’ascoltatore. Da giovane musicista ho registrato perlopiù in modo più convenzionale, un musicista alla volta. Ma ho sempre pensato che questa tecnica uccidesse la spontaneità e rendesse la musica troppo pulita per i miei gusti. Anche se sono un musicista da studio, oltre che un artista dal vivo, mi sono esibito molto di più sul palco che in studio. Quindi suono al meglio quando sono in un ambiente live, ed è quello che volevo ricreare in questa sessione. Mi piace molto anche l’idea che l’ascoltatore possa vivere un’esperienza il più vicino possibile a quella che vorrebbe assistere a un’esibizione dal vivo con la nostra band. Ci sono molti esempi di questo nei video sulla mia pagina artista su Facebook Bastanders. Il motivo per pubblicare l’album solo su vinile è anche quello di prendere il meglio dal passato e, ora, inoltre sento (ma potrei sbagliarmi) che i cd stanno diventando obsoleti.

 E’ per questo motivo che hai scelto come titolo del tuo album «Through Space & Time»?
Sì, si tratta di collegare il passato e il presente. Le mie prime versioni avevano nomi da uno dei brani della track-list, ma questa volta volevo solo un titolo per l’album. Il nostro chitarrista Thor ha sottolineato che una title-track spesso pone troppa attenzione solo su quel brano. Mi piace pensare che ogni pezzo di questo disco abbia il suo posto e sia altrettanto importante. Anche il titolo dell’album parla del dualismo nelle parole. Abbiamo spazio e tempo fisicamente nella nostra vita e nel mondo, ma anche lo spazio e il tempo nella musica. Ho un’immagine nella mia mente della mia band collocata sulla Terra che si muove nello spazio e nel tempo dell’universo, mentre fa musica. Qualcosa che penso che la meravigliosa cover dell’artista Ella Mezule abbia catturato perfettamente.

Comunque, a dispetto del look vintage, non hai potuto fare a meno di Spotify.
La mia relazione con Spotify è di odio e amore. Odio il modo in cui pagano brutalmente i musicisti, ma allo stesso tempo lo uso io stesso e trovo tanta musica fantastica lì, che mi ispira davvero. Lo vedo anche come una piattaforma commerciale dove la mia musica può uscire nel mondo ed essere ascoltata da persone che altrimenti non la sentirebbero. Ma è un’ottima domanda, visto che pensavo di non usare Spotify.

Parlando di Internet, a tuo avviso qual è l’impatto che ha avuto sul mercato della musica?
In tanti modi. Più o meno tutto ora passa attraverso Internet. L’intero processo: dall’invio di spartiti alla band, alla prenotazione della sala per le prove. Studio di prenotazione, missaggio, date di masterizzazione. Ottenere i file e restituirli per l’ascolto e commentarli, fare modifiche; il contatto con l’artista che si occupa della copertina, con il produttore del vinile, poi con il distributore; fino ad arrivare ai giornalisti e a chi si occupa del booking e, finalmente al pubblico. In tutti questi processi Internet è sempre presente. Penso che la domanda riguardi anche il lato finanziario delle cose. Sono così giovane, che non ho mai fatto soldi veri con le registrazioni. Sono stato fortunato se sono riuscito a pareggiare conti con le mie versioni precedenti. Vedo i miei dischi come un investimento nella mia carriera e mi guadagno da vivere facendo concerti e tour.

Ogni brano di questo tuo disco costituisce un messaggio. Colpisce Blues For The Beast Within, perché si riferisce alla «bestia» che è in ognuno di noi. Ci spiegheresti questa teoria?
Blues For The Beast Within è per quella voce che ti fa prendere ancora una fetta di torta, ancora un drink, guardare un altro episodio del tuo programma televisivo preferito. Credo che noi come esseri umani abbiamo due sistemi cognitivi, uno basato sul razionale e uno basato sui sentimenti. Entrambi sono importanti ed entrambi dovrebbero essere usati nel modo migliore per farci eccellere nella vita. Quindi la «bestia dentro» è il sistema basato sui sentimenti, che spesso è soppresso nel mondo occidentale, e forse per una buona ragione, dal momento che è irrazionale e controllato da qualunque sensazione si presenti in noi. Però, mi sono accadute molte cose buone quando mi fido dei miei sentimenti. Mi sono divertito così tanto a basarmi sulla sensazione del momento e ho (non consapevolmente) creato le mie migliori reti e possibilità di lavoro fondate su decisioni guidate dal sentimento. Ma, ovviamente, questo non può funzionare se smettiamo di ascoltare il nostro sistema razionale. Quindi dai da mangiare alla bestia, ma non troppo e non troppo spesso!

Sebbene tu sei danese, la tua musica non ha una matrice europea, ma è più vicina al sistema ritmico-armonico del jazz statunitense.
Penso che essere un musicista jazz danese ti consenta di essere nella direzione del jazz americano. Così tanti grandi musicisti jazz americani hanno vissuto in Danimarca e hanno influenzato la musica, il jazz di questo paese. Ho avuto insegnanti americani del mio periodo di studi in conservatorio in Danimarca (Marc Bernstein e Butch Lacy). Ho anche studiato con Jerry Bergonzi e George Garzone a Boston. Anche i dischi che ascoltavo erano per lo più americani (John Coltrane, Wayne Shorter, Chris Potter). Quindi sono tutto sommato molto influenzato dal jazz americano. Spero anche, però, che ci sia una sorta di cellula danese da qualche parte nella mia musica. Ho cantato in chiesa da adolescente e mio padre e mio zio (anche loro mi hanno influenzato) provengono da una tradizione di musica popolare danese.

Anders Bast & The Bast’ards

Troviamo brani come Fat, Sugar, Salt & Tragic che sembra un’eccellente fusione di rock, blues, jazz. Poi, Dance Of The Possible Kiss che si muove tra l’avanguardia e il rock. Oppure, ancora, The Humble Warrior che sorprende per la sua costruzione moderna, ma secondo gli stilemi della classica. Come compositore sei tutto questo, oppure sei alla ricerca di un tuo percorso personale?
Sono una persona molto curiosa. Quindi penso che le mie composizioni riflettano le tante e diverse ispirazioni che traggo da ciò che ascolto: da Philip Glass ad Albert Ayler; dall’Highlife dell’Africa occidentale alla musica corale lettone. Penso di essere tutte queste cose. Ma spero che le mie band suonino così, secondo la mia concezione musicale e che siano capaci di legare tutto insieme.

Comunque, come è nata l’idea di questo disco?
La vita va veloce. Sono passati circa sei anni da quando ho pubblicato il mio ultimo disco. Ho passato un periodo arido in cui non scrivevo molta musica. Ma poi, man mano, sono entrato in un flusso di ispirazione e sono uscite sempre più nuove canzoni. Ho portato queste canzoni per essere suonate direttamente sul palco in un piccolo locale a Copenaghen da un gruppo di musicisti ancora in via di formazione. Ma poi, lentamente, si è creato un gruppo regolare di musicisti, una band. E poi è sembrato giusto e naturale fare l’album.

Quando componi hai dei riferimenti stilistici o storici?
Quando scrivo mi lascio prendere totalmente dalla mia ispirazione e dalla mia prima idea. Questo può avvenire in qualsiasi momento. Quindi registro l’idea sul mio telefono o la annoto sul mio quaderno musicale. Poi, elaboro la melodia in un modo più razionale, utilizzando strumenti di arrangiamento che ho imparato. In un certo senso risale ai due sistemi cognitivi: uso riferimenti stilistici per aiutare i miei musicisti a entrare più velocemente nel tipo di vibrazione / suono che voglio. E, a volte, uso anche riferimenti storici. Posso citare un certo stile di musicisti che appartengono al passato e, quindi, partiamo da quel punto per fare la nostra la musica.

Chi ti ha portato per primo verso l’universo musicale?
La mia famiglia. Mio padre è un musicista e sono stato mandato alla scuola di musica sin dalla tenera età. Successivamente, ci sono state band come Tower of Power, Red Hot Chilli Peppers e un cd di compilation jazz con, tra gli altri, Paul Desmond e Stan Getz, che mi hanno ispirato. 

Anders Bast

Qual è il problema più grande in cui ti sei mai cacciato?
Una multa per eccesso di velocità. Poi, le  minacce di un hacker. Sono intelligente e non mi metto spesso nei guai. Posso fermarmi prima che accada qualcosa di veramente brutto. Almeno finora!

Perché hai scelto proprio il sassofono?
Ho iniziato con il clarinetto. Ma mio padre aveva un sassofono e io volevo davvero suonarlo. Abbiamo una foto a casa dove cerco di soffiarci dentro: avevo circa tre o quattro anni. Ora sono felice di aver dovuto prima suonare il clarinetto, dato che mi aiuta molto quando devo fare il doppio lavoro in big band, orchestre, e altro. Ho suonato prima il sassofono contralto e mi è piaciuto molto, ma poi ho ricoperto la posizione secondo tenore nella big band locale. E da quel momento mi sono appassionato al sax tenore.

Quale strumento utilizzi per comporre?
Tutti i tipi: la mia voce, il pianoforte, il sassofono, la chitarra, l’ukulele, il computer, la tastiera, la loop station. Penso che le mie orecchie, il mio cervello, la mia immaginazione sia i miei veri strumenti.

Anders Bast, Michael Dalgas,

Parliamo della situazione della pandemia provocata dal Covid-19. Pensi che niente sarà come prima?
Sento già che niente è lo stesso. È ancora difficile dire in che modo, ma il modo in cui eseguo la musica è decisamente cambiato; per esempio, non trasmettevo concerti prima del Covid-19.

Come la situazione della musica in Danimarca, dal punto di vista organizzativo, politico, economico?
Direi che la situazione è difficile, ma molto meglio di quello che sento dai miei amici e colleghi americani. Abbiamo uno stato che ci sostiene. Ho ricevuto fondi per tutti i concerti e tour cancellati dal Covid-19 dallo stato danese. E ultimamente ho anche ottenuto fondi per fare tre concerti in sicurezza secondo i protocolli anti-Covid-19 con la mia band. Abbiamo la nostra organizzazione per i diritti KODA che al momento combatte coraggiosamente una dura battaglia con google e youtube per proteggere i nostri diritti e qualsiasi piccola somma di denaro che possiamo guadagnare in questo modo. Quindi per il momento la musica danese è bloccata su youtube.

Che libro stai leggendo e qual è il libro che ritieni fondamentale nella tua vita?
Al momento sto leggendo il libro di Mark Manson Everything is F*cked. Lo straniero di Albert Camus mi ha influenzato moltissimo: la vita è assurda. Poi, Larsen di  Peder Bundgaard, una biografia che parla del grande musicista danese Kim Larsen.

Qual è il migliore consiglio che hai ricevuto?
Believe in yourself, Trust yourself, find out what you want to do and go 100% for it.

Se tu potessi cambiare qualcosa nel sistema dell’industria musicale, cosa faresti?
Forse è l’educazione che cambierei in modo che tutti gli esseri umani possano conoscere e suonare musica in una certa misura. Se tutti fossero musicisti, Trump non sarebbe presidente e non avremmo più guerre.

Cosa è scritto nell’agenda di Anders Bast?
Andare avanti. Il nostro prossimo album con la band è già in lavorazione. Al momento la mia band si esibisce solo in Danimarca. La mia speranza è fare un tour in Germania.
Alceste Ayroldi